Dati macro, eventi, notizie per martedì 4 dicembre (1 Viewer)

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
DATI MACRO PREVISTI PER LA SEDUTA CORRENTE

Europa
Ore 11.00
Indice dei prezzi alla produzione, dato di ottobre. Attesa: 0.0% m/m, 2.5% a/a

Usa
Ore 15.45
Indice ISM di New York, dato di novembre. Attesa: 45.90


EVENTI
Europa
Ore 09.00
Riunione Ecofin



EVENTI SOCIETARI
Italia
OPA
Opa in corso su Screen Service
Aumento di capitale
d'Amico: 7 nuove azioni ogni 5 azioni esistenti al prezzo di 0.31 euro. Aumento sino all'11/12 e diritti negoziati sino al 4/12.
Cda
Prelios



COLLOCAMENTI
Belgio
Tesoro colloca bond scadenza 3 e 6 mesi


:ciao:
 

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
MERCATO USA

Wall Street chiude in ribasso, inferiore alle attese l'Ism manifatturiero
A New York i principali indici hanno terminato la seduta in ribasso. Il Dow Jones ha lasciato sul terreno lo 0,46% e il Nasdaq Composite lo 0,27%.Sui listini americani ha pesato il deludente dato Ism manifatturiero sceso a novembre a 49,5 punti dai 51,7 punti del mese precedente. La cifra e' risultata inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore pari a 51,40 punti.

Il Dipartimento del Commercio Usa ha annunciato che le spese per costruzioni a ottobre sono salite, in base ai dati destagionalizzati, dell’1,4% rispetto al mese precedente (+0,6% m/m il dato rivisto di settembre). Sul fronte societario forte rialzo per Dell (+4,36%). Goldman Sachs ha alzato il rating sul produttore di pc a buy da sell. In calo Yahoo (-1,17%). Il grupp o internet ha perso una causa in Messico e dovrà pagare un risarcimento di 2,7 miliardi di dollari a Worldwide Directories e a Ideas Interactive.Sulla parità Aig (-0,03%). Il colosso Usa ha annunciato che il suo ramo vita e pensioni, Aig Life and Retirement, ha acquisito il Woodbury Financial Services da The Hartford.

Le compagnie hanno siglato un accordo definitivo per l’acquisizione dal 31 luglio 2012. Woodbury Financial Services apporta al ramo di Aig circa 1400 advisor e asset in gestione per 25 miliardi di dollari. Denaro su Pfizer (+0,2%). Il gruppo farmaceutico ha completato la vendita del business Nutrition a Nestlé per 11,85 miliardi di dollari in contanti, a seguito della conclusione del previsto processo regolatorio. In alcuni Paesi la cessione delle attività dovrà attendere il via libera delle autorità locali e dunque Pfizer continuerà temporaneamente ad operare in questi business. Il management ha riconfermato l’impegno nel programma di buy back da 10 miliardi di dollari.Poco mossa Verizon (-0,05%) nonostante l’upgrade da parte di Nomura.

Il broker ha alzato il rating sul gruppo telefonico a buy da neutral.In calo General Motors (-1,43%). Le vendite del gruppo a novembre negli Stati Uniti sono cresciute del 3%.In ribasso anche Ford (-0,35%). Le vendite del gruppo a novembre negli Stati Uniti sono cresciute di circa il 10%. Sale Dean Food (+2,28%) dopo aver annunciato la vendita di Morningstar per 1,45 miliardi di dollari.


MERCATI ASIATICI

Borsa giapponese incerta
Borsa giapponese contrastata questa mattina. Il Nikkei ha chiuso le contrattazioni in calo dello 0,27% a quota 9432,46 mentre il Topix si e' mantenuto sui livelli del giorno precedente archiviando la seduta con un mar ginale rialzo dello 0,03%. L'incertezza e' da imputare prevalentemente ai dati macro USA di ieri apparsi inferiori alle attese per quanto riguarda il settore manifatturiero.

Sul fronte macro interno da segnalare che il Salario medio mensile e' cresciuto meno del previsto in ottobre e attestandosi al +0,2% rispetto allo stesso periodo del 2011, al di sotto delle attese degli economisti che avevano previsto un incremento pari a +0,4%. Inoltre e' stato rivisto al ribasso il dato di settembre, da +0,0% a -0,5% a/a.

Il Ministero delle Finanze giapponese ha invece annunciato di aver collocato 2105,0 mld yen in titoli a 10 anni. Il rendimento del JGB e' sceso a 0,730% (dal precedente 0,806%) e le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 3,85 volte, contro le 2,84 dell'asta precedente.

Buone performance tra i singoli titoli per Sony Financial, Shinsei Bank e Credit Saison, mentre hanno ceduto terreno Nippon El ectric Glass e Dainippon Screen.

Leggero rialzo tra le altre principali piazze azionarie asiatiche per Hong Kong, mentre Shanghai sta guadagnando lo 0,7% e Seul ha chiuso in calo dello 0,25%.


MERCATI EUROPEI

Borse europee: avvio incerto
Avvio contrastato per le principali Borse europee. Il Dax30 di Francoforte cede lo 0,1%, il Ftse100 di Londra lo 0,23%. Sopra la parità il Cac40 di Parigi (+0,31%) e l’Ibex35 di Madrid (+0,24%). Sul fronte societario forti acquisti su Bankia (+7%) dopo il via libera definitivo agli aiuti alle banche spagnole da parte dell’Ue.

Sale France Telecom (+0,7%). Bernstein ha alzato il rating sul gruppo tlc a market perform da underperform. Lettera su Henkel (-1,5%). Credit Suisse ha abbassato il giudizio sul gruppo dei prodotti per la casa a underperform da neutral.


APERTURA MERCATO ITALIANO

Buon avvio a Piazza Affari
Il Ftse Mib< /b> segna +0,8%, il Ftse Italia All-Share +0,7%, il Ftse Italia Mid Cap +0,3%, il Ftse Italia Star +0,1%. Borse europee in lieve rialzo. Ieri sera l'S&P 500 ha terminato a -0,47%, il Nasdaq a -0,27%. Attualmente i future sui principali indici USA sono in sostanziale parità. A Tokyo l'indice Nikkei 225 ha chiuso a -0,27%, mentre a Hong Kong l'Hang Seng ha fatto segnare +0,15%.

Denaro sui bancari grazie alla discesa dei rendimenti e dello spread Btp-Bund sotto i 300 bp. In evidenza BP Milano (+2,2%), Banco Popolare (+1,9%), Unicredit (+1,7%), Banca MPS (+1,3%). Per quanto riguarda quest'ultima segnaliamo che MF scrive che la Commissione Europea darà in tempi rapidi l'ok all'emissione dei Monti bond da parte di Rocca Salimbeni non appena il governo italiano notificherà a Bruxelles la nuova formulazione del provvedimento: in base a quest'ultima gli interessi potranno essere pagati anche con nuove emissioni di obbligazioni.

Clima favorevole anche agli altri titoli finanziari con Mediolanum (+1,4%) in recupero seguita da Azimut (+0,9%) e Generali (+1%): Jp Morgan ha alzato il target sulle azioni della compagnia triestina da 12,7 a 14 euro, contro i 13,15 circa attuali.
In verde Fiat (+0,9%) che a novembre in Italia ha ottenuto una quota di mercato del 29,7%, in crescita rispetto al 28% di un anno fa.

Il mercato italiano nel mese scorso ha registrato complessivamente una flessione delle vendite di oltre il 20%.
Debole Buzzi Unicem (-0,8%): Morgan Stanley ha peggiorato la raccomandazione su Buzzi Unicem a "underweight" (sottopesare rispetto al benchmark) dal precedente "equalweight" (peso uguale al benchmark).


TITOLI DEL GIORNO

Il rimbalzo messo a segno da A2A dai minimi del 19 novembre a 0,3610 ha inviato una serie di segnali grafici incoraggianti. I prezzi hanno infatti superato quasi contemporaneamente il 26 novembre portandosi al di sopra di area 0,3940 sia la trend line ribassista disegnata dal top di febbraio sia la media mobile a 100 giorni. Successivamente con la rottura di 0,405, top del 9 novembre, il titolo ha completato il piccolo doppio minimo disegnato dai prezzi da inizio novembre in area 0,3610/15, figura che proietta un target a 0,45 euro. La flessione registrata in avvio di ottava non appare quindi per il momento in grado di danneggiare il tentativo di rimbalzo. Solo al di sotto di area 0,39 diverrebbe probabile il test a 0,368 della trend line che sale dal minimo di luglio. Oltre 0,45 target a 0,4848, top di settembre.
Per chi volesse comprare il titolo intervenire oltre 0,45 per il test di 0,485, stop loss sotto 0,42.
Per chi g ia' detiene il titolo mantenere uno stop sotto 0,365, incrementare oltre 0,45 per il test di 0,485.

Fase di stallo per Mediobanca. Il titolo ha disegnato un pericoloso doppio massimo in area 4,70 andando poi a violare la base di tale configurazione a quota 4,30. I prezzi non hanno pero' accelerato al ribasso limitandosi ad oscillare nelle ultime sedute attorno a 4,20 euro. Il rischio che possa svilupparsi un ulteriore segmento negativo resta elevato e troverebbe conferme sotto 4,10, prologo al test in area 3,80 della media a 200 sedute e successivamente a quello a 3,50/3,55 euro, area strategica nel medio lungo periodo. Le tensioni si allenteranno solo al di sopra di 4,55, per un nuovo attacco a 4,70 che in caso di successo proietterebbe obiettivi in area 5,20
Per chi volesse acquistare il titolo: intervenire oltre 4,70 per 5,20 euro, stop sotto 4,50.
Per chi detiene attualmente il titolo: mantenere aperte le posizioni sopra 4,10 per gli obiettivi a 4,70 e 5,20 euro.

Intesa Sanpaolo ha archiviato la prima seduta di dicembre in territorio positivo, ma lontano dai massimi di giornata. Il titolo ha infatti testato un massimo intraday a 1,3380, sulla linea di tendenza che scende dai massimi di settembre, per poi scendere in chiusura a 1,3060. La candela giornaliera disegnata dai prezzi appartiene alla famiglia dei “martelli” (una “shooting star”), figura potenzialmente negativa che se confermata dalla violazione dei propri minimi, a 1,2950, potrebbe anticipare l’avvio di una fase di correzione anche consistente. Flessioni fino a quota 1,25, dove i prezzi incontrerebbero la media mobile a 50 giorni e la trendline che sale dai minimi di metà novembre, resteranno comunque compatibili con l’ipotesi di rialzo che vede obiettivi proiettati a 1,40 ed eventualmente sui top di inizio anno a 1,65. Sotto 1,25 atteso invece un ritorno sulla base definita negli ultimi due mesi a 1,18.
Per chi volesse acquistare il titolo: intervenire oltre 1,34 per i target a 1,40, stop sotto 1,295 euro.
Per chi detiene attualmente il titolo: mantenere aperte le posizioni sopra 1,18 euro e incrementare alla rottura di 1,40 euro per l’obiettivo a 1,65 euro.


HEADLINES

Cipro: Juncker, compiuti dei passi avanti verso l’accordo
L’Eurogruppo ha ricevuto i risultati della recente missione della troika a Nicosia e si è confrontato sulle fondamenta di un programma di risanamento economico di Cipro. Il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker ha apprezzato i primi passi compiuti dal Paese per l’implementazione delle misure messe appunto nel protocollo d’intesa con la troika, comprese le misure di consolidamento fiscale. L’istituzione Ue discuterà i risultati intermedi di una due diligence sul fabbisogno di capitale del settore finanziario e sulle sue implicazioni nel piano di finanziamento il prossimo 13 dicembre. Juncker ha chiesto alla troika e a Cipro di completare i termini del programma di azione al fine di raggiungere un accordo sul piano di ristrutturazione quanto prima.

Cattolica Assicurazioni: Flavio Piva nuovo condirettor e generale
Cattolica Assicurazioni informa che a partire da oggi il Dott. Flavio Piva assume la carica di Condirettore Generale della Società. Flavio Piva, 47 anni, è entrato a far parte del Gruppo Cattolica nel giugno 2009 come responsabile della Direzione Risorse, Organizzazione e Relazione con i Soci. A ottobre 2010 era stato nominato Vicedirettore Generale della Società.

Marie Tecnimont, annullata sospensione pagamenti per Bocamina II
Revocato dal tribunale di Milano il provvedimento dello scorso 18 ottobre che ordinava la sospensione del pagamento di controgaranzie bancarie rilasciate a Marie Tecnimont in merito al contratto di Bocamina II in Cile per 58,1 milioni. In una nota il gruppo precisa che l'effetto non ricorrente di questa decisione è già stato per intero prudenzialmente spesato nel rendiconto del 30 settembre ed è già compreso nel piano di riorganizzazione della società. La d ecisone non pregiudica l'esito della controversia che vede contrapposte Ses e Marie Tecnimont da una parte ed Endesa Chile dall'altra. Il gruppo sudamericano aveva richiesto unilateralmente l'escussione nei confronti di Tecnimont di garanzie bancarie per l'esecuzione della centrale termoelettrica Bocamina II, motivandola con ritardi nella consegna. Tecnimont ritiene illegittima la richiesta e declina ogni responsabilità ad Endesa Chile; i ritardi registrati sarebbero ascrivibili al consorzio per colpa delle violente proteste della popolazione locale.

Generali: Jp Morgan alza il target price
Jp Morgan ha alzato il target su Generali da 12,7 a 14 euro, contro i 13 circa attuali.

Sorin Group: ok a commercializzazione Mitroflow in Giappone
Sorin Group comunica di aver ottenuto l'approvazione PMDA (Pharmaceuticals and Medical Devices Agency) per la commercializzazione della valvola aortica Mitroflow® in Giappone. Grazie al suo design unico, la bioprotesi Mitroflow ha dimostrato, in 30 anni di uso clinico a livello mondiale e con 21 anni di risultati clinici pubblicati, eccellenti performance emodinamiche, di lunga durata e di semplicità di impianto. Grazie al fatto che il pericardio è montato all'esterno del supporto rigido (stent), la valvola permette la massimizzazione dell'area interna dell'orifizio valvolare consentendo la massima apertura dei lembi valvolari e l'ottimizzazione del flusso sanguigno. Il design esclusivo della valvola Mitroflow offre un'eccellente performance emodinamica in termini di bassi gradienti pressori, ampie aree effettive dell'orifizio valvolare e regressione della massa del ventricolo sinistro anche in pazienti con anulus valvolare di piccole dimensioni.

Fiat: a novembre quota mercato del gruppo in Italia al 29,7% (+1,3% su novembre 2011)
A novembre, con una quota del 29,7 per cento (+1,3 punti percentuali), il Gruppo Fiat fa me glio del mercato che scende del 20,1 per cento. Fiat migliora la quota al 21,8 per cento (+1,6 punti percentuali). Molto positivi i risultati della 500L che ha già raccolto quasi 30 mila ordini in Europa. In crescita nel progressivo annuo anche Jeep e Lancia.


Fonte ADVFN Newsdesk
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto