Dati macro, eventi, notizie per lunedì 14 gennaio (1 Viewer)

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
DATI MACRO PREVISTI PER LA SEDUTA CORRENTE

Germania
Ore 08.00
Indice dei prezzi all'ingrosso. Attesa: 0.1% m/m

Italia
Ore 10.00
Produzione industriale, dato di novembre. Attesa: -0.1% m/m Prec. -1.1%

Europa
Ore 11.00
Produzione industriale, dato di novembre. Attesa: -+0.2% m/m


EVENTI
Ore 11.00
Banca d'Italia pubblica il Bollettino statistico
Usa
Ore 22.00
Discorso di Bernanke


EVENTI SOCIETARI
Italia
OPA
Marcolin, RCF


COLLOCAMENTI

Francia
Asta Bond. Scadenza: 3, 6, 12 mesi.

Usa
Asta Bill. Scadenza 3, 6 mesi
 

anonimus08

Forumer storico
Registrato
23 Maggio 2008
Messaggi
1.618
Imposta di bollo, le novità del 2013

NUOVE NORME - In base alle disposizioni del Decreto Salva Italia, da quest’anno l’imposta di bollo si applicherà non solo sui conti correnti, ma anche sui prodotti e strumenti finanziari, come azioni, obbligazioni, titoli di Stato, fondi comuni mobiliari e immobiliari, conti di deposito e polizze vita. Per arrivare preparati, impariamo a conoscere meglio questa tassa.

DESTINATARI – Il bollo è una tassa a carico dei titolari di conto corrente. Per ogni corrente, deve essere versata la relativa imposta.

IMPORTO – L’imposta di bollo ha importo di 34,20 euro l’anno per le persone fisiche e di 100 euro per le persone giuridiche (società). Solamente nel primo caso è prevista un’esenzione: il pagamento non è, infatti, dovuto se la giacenza media, data dalla somma di tutti i conti correnti aperti presso il medesimo istituto bancario, è inferiore a 5 mila euro. L’importo è, inoltre, commisurato al periodo di rendicontazione: su un estratto conto semestrale si paga, infatti, un’imposta di 17,10 euro anziché di 34,20 euro.

BOLLO ANCHE SUI DEPOSITI – Diversamente dai conti correnti tradizionali, l’imposta di bollo è proporzionale nel caso di prodotti e strumenti finanziari come conti deposito e titoli azionari. Ne deriva che il suo importo si riferisce al valore di mercato del prodotto o strumento al termine del periodo cui si riferisce la comunicazione di rendiconto.

NOVITA’ DEL 2013 – Da gennaio l’aliquota che si applica sulle giacenze non è più dello 0,10% ma dello 0,15% annuo. Decade, inoltre, la soglia massima di 1.200 euro, mentre permane quella minima di 34,20 euro. Si ricorda che su prodotti, strumenti finanziari e assicurativi intestati a uno stesso cliente presso il medesimo intermediario (banche e compagnie assicurative) vengono considerati unitariamente ai fini del calcolo dell’imposta.

Fonte soldiweb.com
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto