Obbligazioni a tasso fisso CRISI UCRAINA, Bond Russia, Ucraina, Gazprom e altro (22 lettori)

tommy271

Forumer storico
Registrato
16 Gennaio 2009
Messaggi
175.700
Località
Milanese
Le banche russe per la prima volta dall'inizio delle operazioni in Ucraina sono passate a un surplus di liquidità



Il sistema bancario della Russia per la prima volta dal 24 febbraio è entrato in uno stato di eccedenza di liquidità strutturale, secondo i materiali della Banca centrale. L'indicatore ammontava a 280,4 miliardi di rubli. contro un deficit di 76,7 miliardi di rubli. il giorno prima.

Il livello di deficit strutturale o eccedenza di liquidità è la differenza tra il debito oggetto di operazioni di rifinanziamento e operazioni di assorbimento della Banca di Russia. Un surplus significa che le banche hanno abbastanza soldi non per attirarle dalla Banca Centrale, ma per agire esse stesse come sue creditori.

Il settore bancario della Federazione Russa è entrato in uno stato di deficit strutturale il 25 febbraio, quindi l'indicatore era di 11 miliardi di rubli, è cresciuto la settimana successiva, dopo il 4 marzo è diminuito
.

 

tommy271

Forumer storico
Registrato
16 Gennaio 2009
Messaggi
175.700
Località
Milanese
Secondo Gas Infrastructure Europe, al 30 marzo il bilancio totale del gas negli impianti UGS in Europa è del 26%. Il ripristino delle riserve di gas negli impianti di stoccaggio europei entro il prossimo inverno è una sfida molto seria. Tenendo conto, tra l'altro, dei limiti giornalieri dei volumi di iniezione, che sono limitati dalle capacità tecnologiche degli impianti di stoccaggio. Inoltre, la quantità totale di gas disponibile nel mercato europeo dipende fortemente dalla domanda nel mercato asiatico in crescita.

:cool:
L'altro giorno la Città del Vaticano ha accettato di pagare in rubli.
Poi è stata la volta della Slovacchia che ha riferito di non avere problemi a pagare con qualsiasi valuta.
Stamattina anche l'Austria si è unita.

Gli altri paesi si accoderanno con semplicissimi artifici cambiari.
 

m.m.f

Forumer storico
Registrato
17 Luglio 2015
Messaggi
8.407
I nemici hanno bruciato il proprio deposito di petrolio
Le autorità di Belgorod hanno riferito dell'attacco di elicotteri delle forze armate ucraine all'impresa "Rosneft"



Nella regione di Belgorod, al confine con l'Ucraina, si è verificato un secondo grande incendio in una settimana. Nella prima mattinata di venerdì, a est del centro regionale, il deposito petrolifero di Rosneft ha preso fuoco. Secondo le autorità, è stato colpito da elicotteri delle forze armate ucraine, che sono volati in territorio russo a bassa quota. Due dipendenti della fattoria dei carri armati sono rimasti feriti, i residenti delle case vicine sono stati evacuati. Il ministero della Difesa non ha commentato l'incidente. All'inizio di questa settimana, un sobborgo di Belgorod è stato scosso da una serie di esplosioni che, secondo informazioni non verificate, sono state il risultato di un incendio in un deposito di munizioni.

Oggi verso le 6 del mattino nel distretto orientale di Belgorod, situato a 50 km dal confine con l'Ucraina, i serbatoi di carburante del deposito petrolifero di Rosneft hanno preso fuoco. 170 persone e 50 attrezzature partecipano all'eliminazione dell'incendio, a cui è stato assegnato un grado di complessità maggiore. Un treno dei pompieri è stato portato a spegnere l'incendio, pompando acqua nei camion dei pompieri.

Il governatore Vyacheslav Gladkov ha affermato che il deposito di petrolio ha preso fuoco a causa di un attacco di due elicotteri delle forze armate ucraine, che sono entrati nel territorio russo a bassa quota. Allo stesso tempo, il rappresentante del ministero della Difesa non ha menzionato l'incidente durante il briefing mattutino. A giudicare dal video, apparso in rete poco dopo l'incidente, i piloti dell'elicottero hanno utilizzato razzi e razzi non guidati durante l'attacco. A seguito dell'incidente, due lavoratori del deposito petrolifero sono rimasti feriti. Sono stati dati i primi soccorsi, niente minaccia le loro vite. Il funzionario non ha detto cosa sia successo agli elicotteri.

“Abbiamo tutte le risorse per spegnere l'incendio. Il Ministero per le situazioni di emergenza sta cercando di localizzare l'incendio il prima possibile. Niente minaccia la popolazione", ha scritto il governatore nel suo canale Telegram. Secondo i servizi operativi, inizialmente hanno preso fuoco otto serbatoi di carburante con un volume di 2mila metri cubi. m ciascuno, c'è la minaccia di spostare il fuoco per altri otto.

Dopo lo scoppio dell'incendio, le autorità hanno iniziato a evacuare i residenti delle vicine strade Pochtovaya, Makarenko e Konstantin Zaslonov e le attività commerciali vicine. L'evacuazione sta procedendo con calma, le persone utilizzano mezzi di trasporto municipali appositamente preparati per il trasporto in un luogo più sicuro. I residenti saranno temporaneamente alloggiati nel complesso sportivo multifunzionale Belgorod-Arena. Dopo che l'incendio si sarà spento al deposito petrolifero, potranno tornare a casa.

Il sindaco di Belgorod Anton Ivanov ha affermato che tra i primi sfollati ci sono famiglie con bambini. “Posizioniamo, prepariamo bevande calde, razioni secche. Molti hanno deciso di usare il proprio mezzo di trasporto, alcuni sono andati a trovare i loro parenti per un po', altri sono andati all'Arena di Belgorod”, ha detto il capo della città.

Dopo l'incendio, hanno iniziato a formarsi code alle stazioni di servizio della città. Le autorità si sono affrettate a rassicurare le persone sul fatto che non ci sarebbe carenza di carburante. "In connessione con un grave incendio al deposito di petrolio, siamo impegnati a cambiare le catene logistiche di fornitura di carburante alle stazioni di servizio" , ha affermato il governatore Vyacheslav Gladkov . Secondo le autorità, le riserve di carburante per tutte le stazioni di servizio Rosneft nella regione saranno sufficienti per un periodo da 5 a 13 giorni.

L'incendio al deposito di petrolio è il secondo incidente in una settimana a Belgorod. Nella tarda serata del 29 marzo si sono verificate una serie di esplosioni nel villaggio suburbano di Krasny Oktyabr, situato a meno di 30 km dal centro regionale. Il governatore Vyacheslav Gladkov ha affermato che, secondo informazioni non verificate, c'è stato un incendio nel deposito di munizioni, a seguito del quale i civili non sono rimasti feriti e le abitazioni non sono state danneggiate. Il funzionario ha detto che stava aspettando un rapporto ufficiale sull'incidente dal ministero della Difesa russo, ma finora non è stato reso pubblico. Il dipartimento, inoltre, non ha confermato o smentito il probabile infortunio di quattro militari e non ha rivelato la causa dell'incendio. Dall'inizio dell'operazione militare sul territorio dell'Ucraina nella regione di Belgorod, circa 50 edifici residenziali sono stati danneggiati a causa della caduta di proiettili.


***
Truppe ucraine all'offensiva.
Questo fatto, unito ad altri, mi convince sempre più della scarsa capacità operativa dell'Armata Russa.
Del resto un paese con il PIL più basso dell'Italia (nonostante destini quote molto più alte del PIL alla sua difesa) difficilmente può avere un'armata moderna con tecnologie adeguate. Hanno solo il potere dei "numeri" preponderanti a dell'arma di deterrenza atomica (che però non è agibile).
...a me sembrano non molto ben addestrati loro.Armi ne hanno anche di moderne, l'armata aerea e da difesa e da attacco molto all'avanguardia ...comunque...
 

Ventodivino

מגן ולא יראה
Registrato
8 Febbraio 2016
Messaggi
6.139
I midprice che il nostro amico argentino posta tutte le sere (e che il buon Tommy ribalta sul 3d) per i tds ucraini purtroppo non interpretano l'operativita' reale
Infatti , specialmente per i tds con preferisso XS, ci sono (parlo di alcuni giorni fa quando ho operato, magari in questi ultimi giorni si sono stretti) spread che superavano anche i 10 punti denaro-lettera.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 3, Guests: 19)

Alto