competizione (1 Viewer)

MissT

Forumer storico
Registrato
7 Novembre 2008
Messaggi
8.860
allora nell'evoluzionismo la competizione e' molto importante, vince il piu' forte ossia il piu' cattivo... ma c'e' la componente sociale in molte specie, la competizione deve essere bilanciata da un minimo di capacita' di mettere da parte il proprio per il successo comune altrimenti gli altri assieme si rivolteranno contro il singolo egoista... con la razza umana forse siamo arrivati al punto che la competizione che conta e' quella con se stessi, essere capaci di mettere da parte i proprio egoismi per un bene di piu' larga condivisione.... pensieri confusi ciao:V:V:V
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.881
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
allora nell'evoluzionismo la competizione e' molto importante, vince il piu' forte ossia il piu' cattivo... ma c'e' la componente sociale in molte specie, la competizione deve essere bilanciata da un minimo di capacita' di mettere da parte il proprio per il successo comune altrimenti gli altri assieme si rivolteranno contro il singolo egoista... con la razza umana forse siamo arrivati al punto che la competizione che conta e' quella con se stessi, essere capaci di mettere da parte i proprio egoismi per un bene di piu' larga condivisione.... pensieri confusi ciao:V:V:V

resto dell'idea che gli Esseri Umani sono sopravvalutati
 

patatina 77

Cratore di UGC
Registrato
8 Ottobre 2009
Messaggi
8.920
allora nell'evoluzionismo la competizione e' molto importante, vince il piu' forte ossia il piu' cattivo... ma c'e' la componente sociale in molte specie, la competizione deve essere bilanciata da un minimo di capacita' di mettere da parte il proprio per il successo comune altrimenti gli altri assieme si rivolteranno contro il singolo egoista... con la razza umana forse siamo arrivati al punto che la competizione che conta e' quella con se stessi, essere capaci di mettere da parte i proprio egoismi per un bene di piu' larga condivisione.... pensieri confusi ciao:V:V:V
Capisco, non riesci più a vivere in un sistema piramidale, specialmente a vertice stretto. Si è andato poi in questi anni verso un sistema piramidale composto di tante piccole (e strette ) piramidi ma pur sempre piramidi. Quel che è peggio è che questi sistemi sociali sono 2D.

L'ideale alternativo potrebbe essere un modello sociale basato su un sistema sferico 3D o più semplicemente un sistema circolare di cerchi concentrici e/o concatenati.

Ora tutto questo che pare astratto e inconcepibile, in qualche modo si sta affacciando al pubblico. Google+ con le sue cerchie è già un piccolo mondo basato su cui sopra, poco usato perchè poco capito.

E' difficile, il nuovo è difficile quando è nuovo.
 

tashtego

Forumer storico
Registrato
18 Gennaio 2006
Messaggi
5.387
Se lavorassi in banca avresti dimostrazioni quotidiane che la forma di competizione piu' apprezzata cola' dove si puote cio' che si vuole e' sempre la vecchia cara coltellata alla schiena del tuo migliore amico...
 

MissT

Forumer storico
Registrato
7 Novembre 2008
Messaggi
8.860
.... altrimenti gli altri si rivolteranno contro il singolo egoista, dicevo, o diventeranno (diventeremo) tutti singoli egoisti... (decretando ovviamente la fine della specie - ovviamente non proprio ma dei dubbi ci vengono!)
ma secondo voi nella nostra cultura , diciamo quella occidentale europea o italiana si sottolinea piu' la necessita' di emergere dell'individuo , la competizione del singolo contro tutti, o quella del vivere sociale? ci sono differenze importanti tra stato e stato? (sicuramente si'!) e per quel che riguarda l'impero americano (militare e culturale)? booooh :)
 

MissT

Forumer storico
Registrato
7 Novembre 2008
Messaggi
8.860
Se lavorassi in banca avresti dimostrazioni quotidiane che la forma di competizione piu' apprezzata cola' dove si puote cio' che si vuole e' sempre la vecchia cara coltellata alla schiena del tuo migliore amico...
capisco. ma quello e' un sottobosco di frustrati (non parlo di te anche se tu sei frustrata ma non per gli stessi motivi dei piu' , immagino) che forse non rappresenta gli umani di cui parlo io.... mettiamo un umano che e' libero di scegliere il lavoro che vuole, o mettiamo una situazione in cui la famiglia mette il pargolo nelle condizioni di poter scegliere qualsiasi lavoro (quindi probabilmente entrera' a far parte della classe dirigente , che decide per gli altri , che determina il destino e le scelte di altri)... questo pargolo viene spinto solo ad essere piu' bravo degli altri o anche a saper vivere con gli altri? direi la prima.... questa e' la cultura dominante... siete d'accordo?
 

MissT

Forumer storico
Registrato
7 Novembre 2008
Messaggi
8.860
Che interessante argomento la competizione, una di quelle caratteristiche degli esseri viventi che se non è ben dosata li porta all'autodistruzione, o nel caso migliore, alla solitudine.
E non credo che la competizione con se stessi sia differente, perchè qualcuno costantemente concentrato a competere con se stesso rischia di non vedere le persone che ha accanto, che possono finire triturate nella morsa del competitore accanito, cosicchè ne rimarrà sempre e solo uno: il competitore!
competere con se stessi nel senso di saper mettere da parte il proprio individualismo al fine di stare meglio "in compagnia"....
 

MissT

Forumer storico
Registrato
7 Novembre 2008
Messaggi
8.860
Capisco, non riesci più a vivere in un sistema piramidale, specialmente a vertice stretto. Si è andato poi in questi anni verso un sistema piramidale composto di tante piccole (e strette ) piramidi ma pur sempre piramidi. Quel che è peggio è che questi sistemi sociali sono 2D.

L'ideale alternativo potrebbe essere un modello sociale basato su un sistema sferico 3D o più semplicemente un sistema circolare di cerchi concentrici e/o concatenati.

Ora tutto questo che pare astratto e inconcepibile, in qualche modo si sta affacciando al pubblico. Google+ con le sue cerchie è già un piccolo mondo basato su cui sopra, poco usato perchè poco capito.

E' difficile, il nuovo è difficile quando è nuovo.
idealmente la vedo come una specie di rete neurale, tutti sono collegati con tutti, qualche nodo diventa di volta in volta piu' importante, ma e' una situazione fluida, non statica. il bello e difficile e sapersi adattare :mumble::mumble:
 

MissT

Forumer storico
Registrato
7 Novembre 2008
Messaggi
8.860
resto dell'idea che gli Esseri Umani sono sopravvalutati
si, ma forse abbiamo la capacita' di riconoscere che siamo insufficienti e forse di capire che e' necessario adottare comportamenti diversi da quello che si e' fatto in passato.... :mmmm::mmmm:
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
44.975
Località
Il mondo dei sogni
ma secondo voi nella nostra cultura , diciamo quella occidentale europea o italiana si sottolinea piu' la necessita' di emergere dell'individuo , la competizione del singolo contro tutti, o quella del vivere sociale? ci sono differenze importanti tra stato e stato? (sicuramente si'!) e per quel che riguarda l'impero americano (militare e culturale)? booooh :)
La cultura occidentale è fondata sull'individualismo, purtroppo. In realtà nessuno che abbia un ruolo "istituzionale" lo dice chiaro o lo ammette e dice di lavorare perché emergano successo e benessere sociale.
Se penso all'Italia, e vedo la nostra società che dovrebbe essere coesa e compatta per primeggiare in termini di equità, giustizia, benessere, invece disgregata, piena di furbi, di "do ut des", di gente che se ne frega del resto delle persone, tirando l'acqua al proprio mulino, mi deprimo.
Ma chi ci guida, per primo è così. Ognuno si fa i suoi propri interessi.
Certo, ci sono persone diverse, ci sono realtà diverse. C'è chi mette da parte il proprio "primeggiare" in favore del primeggiare dell'intero corpo sociale o di una parte (consistente) di esso.

Ma forse non ho capito niente della domanda e non ho centrato il punto.:(
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto