CMC Ravenna 6,875% 2017-22 (XS1645764694) - 6% 2017-23 (XS1717576141) (4 lettori)

Proteus40

Forumer attivo
Registrato
25 Settembre 2018
Messaggi
504
Ho provato a chiedere informazioni sulla CMC. La persona che ho contattato mi ha detto che non è messa bene ma soprattutto che , in ambito cooperativo ,si mormora che ,nel caso avesse bisogno di aiuto , danno per scontato che non ne riceverebbe.
Scusa non messa bene da che punto di vista? La CMC ha un portafoglio ordini che gli basta per i prossimi 3-4 anni e se non fosse stato per i pagamenti ritardati la semestrale sarebbe stata certamente buona e in linea con quelle precedenti, perfino in utile per quanto risicato. Se leggi l'articolo che ho linkato qualche messaggio sopra, il DG Porcelli da per risolti praticamente tutti i problemi, con dovizia di particolari, ora o questo individuo è un bugiardo patentato, oppure c'è una pressione speculativa pazzesca, tanto da portare ad una quotazione da default senza nessuna evidenza concreta. Se posso chiedere, la persona che hai contattato è interna alla CMC?
 

Baffy

Forumer attivo
Registrato
14 Marzo 2018
Messaggi
368
No, non è interna alla CMC ma comunque del settore. Mi ha detto che i margini sono risicatissimi e che se una volta si poteva prendere un appalto in rimessa e poi riuscire a guadagnarci con le varianti oggi è quasi impossibile. Inoltre basta che non ti paghi qualcuno e ti trovi subito nei guai. La CMC fino ad adesso si era salvata in quanto lavorava principalmente all'estero ma anche lì è aumentata notevolmente la concorrenza e con prezzi e manodopera stracciata. Mi ha anche detto come spiegazione del " non messa bene" che quasi tutte le aziende grosse oggi stanno soffrendo perché hanno strutture troppo costose.
 

Baffy

Forumer attivo
Registrato
14 Marzo 2018
Messaggi
368
Ho letto l'articolo linkato e devo dire che è molto confortante, ero tentata ad acquistare il bond della CMC ma con le fregate che ho preso ultimamente mi sa che aspetterò
Sicuramente mi mangerò le mani.
 

Proteus40

Forumer attivo
Registrato
25 Settembre 2018
Messaggi
504
Ho letto l'articolo linkato e devo dire che è molto confortante, ero tentata ad acquistare il bond della CMC ma con le fregate che ho preso ultimamente mi sa che aspetterò
Sicuramente mi mangerò le mani.
Come ben hai letto è difficile pensare che CMC sia messa così male e del resto dopo la trimestrale del 1Q, ottima sotto tutti i punti di vista, tanto che i consigli di acquisto si sprecavano, vedere improvvisamente 3 mesi dopo un collasso tale da temere per la sua sopravvivenza risulta un pò difficile da credere.
Comunque ti capisco, io se non fossi già dentro, nonostante le rassicurazioni lette nell'articolo, credo proprio che ne resterei comunque lontano.
 

Fabrib

Forumer storico
Registrato
5 Ottobre 2013
Messaggi
18.168
Utente Captain Sparrow, discussione HIGH YIELD:
Cmc, cooperative in cordata
per il salvataggio del gruppo
COSTRUZIONI
In campo Legacoop
e le principali associate per
sostenere cassa e capitale
Occorre far fronte a
milioni di mancati
incassi negli ultimi mesi
Marco Ferrando
Carlo Festa
Il mondo delle cooperative si
stringe intorno a Cmc, la coop numero
uno nelle costruzioni e il
quarto operatore attivo in Italia
nel settore. Dopo le crisi di Condotte
e Astaldi l’allerta è massima
tra le banche creditrici, soprattutto
da quando nei giorni scorsi si è
letto in un comunicato del gruppo
ravennate di milioni di pagamenti
slittati, che hanno appesantito
la posizione finanziaria netta
rettificata della società fino a
milioni di euro dai milioni registrati
a fine .
Di qui il cantiere per la messa in
sicurezza allestito nel corso delle
ultime settimane, che secondo
quanto raccolto da Il Sole Ore
vede in prima fila Legacoop e alcune
delle principali cooperative di
costruzione che vi fanno riferimento.
Nelle prossime ore dovrebbe
essere nominato un consulente
finanziario, ma da giorni è
già attivo un team coordinato dal
commercialista modenese Domenico
Trombone, presidente del
Consorzio Cooperative Costruzioni
e noto nel mondo finanziario
perché in passato presidente di
Carimonte holding.
Obiettivo del gruppo di lavoro
è quello di mettere a punto un piano
di salvataggio che dovrebbe
portare alla ristrutturazione del
debito (Intesa Sanpaolo, UniCredit
e Bnl-Bnp Paribas le banche
più esposte) e al rafforzamento finanziario,
oltre a una potenziale
ottimizzazione del portafoglio lavori,
che a fine giugno superava i
, miliardi.
Punto di partenza, però, sono i
milioni di mancati pagamenti
registrati in estate, e ai connessi
problemi di cassa che hanno generato.
È qui che dovrebbe stendersi
la prima rete di protezione messa
in piedi dalle altre cooperative,
che hanno tutto l’interesse a risolvere
la crisi prima che deflagri. Il
caso Cmc presenta evidenti analogie
con quelli degli altri big delle
costruzioni: portafogli di commesse
importanti ma scarsa diversificazione
fuori dall’Italia e la
necessità di far fronte ai sistematici
ritardi nei pagamenti da parte
della Pubblica amministrazione.
Se si guarda ai conti della realtà
ravennate, infatti, il portafoglio ha
registrato una forte crescita nel
e , con nuove commesse
per , miliardi e per , miliardi
nel solo primo semestre di
quest’anno, per arrivare a un portafoglio
salito dai , miliardi
del , ai , del ai ,
del giugno . Nei giorni
scorsi il gruppo, nato oltre un secolo
fa dalla fusione tra la cooperativa
ravennate dei cementisti e
quella dei muratori, ha presentato
al commissario Marco Bucci anche
una manifestazione di interesse
per la ricostruzione del ponte Morandi
a Genova.
Da notare, invece, che il buco di
milioni è dovuto a mancati pagamenti
Anas per due opere in Sicilia
(per la superstrada Agrigento-
Caltanissetta), due lavori in
Kenya per opere idriche (circa
milioni di euro di mancati incassi)
e un’altra opera idrica in Nepal
(circa milioni).
© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Proteus40

Forumer attivo
Registrato
25 Settembre 2018
Messaggi
504
Utente Captain Sparrow, discussione HIGH YIELD:
Cmc, cooperative in cordata
per il salvataggio del gruppo
COSTRUZIONI
In campo Legacoop
e le principali associate per
sostenere cassa e capitale
Occorre far fronte a
milioni di mancati
incassi negli ultimi mesi
Marco Ferrando
Carlo Festa
Il mondo delle cooperative si
stringe intorno a Cmc, la coop numero
uno nelle costruzioni e il
quarto operatore attivo in Italia
nel settore. Dopo le crisi di Condotte
e Astaldi l’allerta è massima
tra le banche creditrici, soprattutto
da quando nei giorni scorsi si è
letto in un comunicato del gruppo
ravennate di milioni di pagamenti
slittati, che hanno appesantito
la posizione finanziaria netta
rettificata della società fino a
milioni di euro dai milioni registrati
a fine .
Di qui il cantiere per la messa in
sicurezza allestito nel corso delle
ultime settimane, che secondo
quanto raccolto da Il Sole Ore
vede in prima fila Legacoop e alcune
delle principali cooperative di
costruzione che vi fanno riferimento.
Nelle prossime ore dovrebbe
essere nominato un consulente
finanziario, ma da giorni è
già attivo un team coordinato dal
commercialista modenese Domenico
Trombone, presidente del
Consorzio Cooperative Costruzioni
e noto nel mondo finanziario
perché in passato presidente di
Carimonte holding.
Obiettivo del gruppo di lavoro
è quello di mettere a punto un piano
di salvataggio che dovrebbe
portare alla ristrutturazione del
debito (Intesa Sanpaolo, UniCredit
e Bnl-Bnp Paribas le banche
più esposte) e al rafforzamento finanziario,
oltre a una potenziale
ottimizzazione del portafoglio lavori,
che a fine giugno superava i
, miliardi.
Punto di partenza, però, sono i
milioni di mancati pagamenti
registrati in estate, e ai connessi
problemi di cassa che hanno generato.
È qui che dovrebbe stendersi
la prima rete di protezione messa
in piedi dalle altre cooperative,
che hanno tutto l’interesse a risolvere
la crisi prima che deflagri. Il
caso Cmc presenta evidenti analogie
con quelli degli altri big delle
costruzioni: portafogli di commesse
importanti ma scarsa diversificazione
fuori dall’Italia e la
necessità di far fronte ai sistematici
ritardi nei pagamenti da parte
della Pubblica amministrazione.
Se si guarda ai conti della realtà
ravennate, infatti, il portafoglio ha
registrato una forte crescita nel
e , con nuove commesse
per , miliardi e per , miliardi
nel solo primo semestre di
quest’anno, per arrivare a un portafoglio
salito dai , miliardi
del , ai , del ai ,
del giugno . Nei giorni
scorsi il gruppo, nato oltre un secolo
fa dalla fusione tra la cooperativa
ravennate dei cementisti e
quella dei muratori, ha presentato
al commissario Marco Bucci anche
una manifestazione di interesse
per la ricostruzione del ponte Morandi
a Genova.
Da notare, invece, che il buco di
milioni è dovuto a mancati pagamenti
Anas per due opere in Sicilia
(per la superstrada Agrigento-
Caltanissetta), due lavori in
Kenya per opere idriche (circa
milioni di euro di mancati incassi)
e un’altra opera idrica in Nepal
(circa milioni).
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Grazie e dire che soli pochi giorni fa il DG della CMC, su edilizia e territorio, affermava che praticamente era tutto risolto e i pagamenti in arrivo a breve. Ora si parla di salvataggio e ristrutturazione del debito, non ci si può proprio fidare di niente e nessuno, mentono spudoratamente pur sapendo di venir smentiti a breve.
 

mikim

Forumer attivo
Registrato
27 Marzo 2017
Messaggi
681
Grazie e dire che soli pochi giorni fa il DG della CMC, su edilizia e territorio, affermava che praticamente era tutto risolto e i pagamenti in arrivo a breve. Ora si parla di salvataggio e ristrutturazione del debito, non ci si può proprio fidare di niente e nessuno, mentono spudoratamente pur sapendo di venir smentiti a breve.
Mi sembra si possa configurare addirittura il reato di false informazioni al mercato. Chiedo ai più esperti cosa ne pensano. Non si possono dare alla stampa notizie di cui all'articolo di Strade & Autostrade del 22 ottobre 2018 e omettere di comunicare che è allo studio la ristrutturazione del debito
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 4)

Alto