Che metodo usano i trader famosi? (1 Viewer)

Fleursdumal

फूल की बुराई
Registrato
25 Aprile 2002
Messaggi
21.049
Località
Scoglio del Trader nichilista ( sez. staccata cas
Che metodo usano i trader famosi ? (usano metodi scientifici ?)
G.Zibordi 6/12/99 da cobraf.com


Seguire i break out ?
....Dennis Trading group,chesapeake capital ,john henry, etc .etc ma non conviene seguire i break out ? con tutti i contratti futures che muovono i fondi trend following si ha dalla propria parte un grande alleato .

C’era una bellissima intervista a Tom Basso, uno dei “market wizard” del libro citato di Jack Schwager, su “MF” di 3 o 4 sabati fa che riassume la sostanza dei trading system in mezza pagina di giornale e sarebbe un peccato che cercassi di confondere le idée con mie considerazioni se si ha la possibilità, tramite l’archivio di MF online di leggersela. E la sostanza dei trading system è il breakout.

Tom Basso è un trader sistematico da 20 anni e pur non avendo mai avuto dei 700% è uno dei più solidi e affermati tra i “sistematici” e ha una reputazione per essere uno che non ha mai deviato dal trading meccanico e computerizzato.
Per chi non la trovasse dico solo che yes, Basso conferma che i trading system sono quasi sempre basati sul definire un “range”, una fascia di oscillazione normale, e sull’entrare quando questa fascia viene bucata.

Questo è quello che in inglese si chiama “breakout”.

Ad esempio sul FIB a breve, si tratta di definire con (un esempio a caso che sorprenderà molti) i pivot giornalieri che metto sempre nel report e su cui Poggi ha scritto un paio di enciclopedie. La distanza tra i due pivot indica quindi il “range” del FIB30 ad. es. ogni giorno.

Quando questo range (i pivot) viene bucato si entra. Questa è la sostanza dell'80% dei trading system. Lo dice anche Tom Basso.

Se volete un esempio concreto che modestamente (come sistema gratuito e disponibile su sito) non ha confronti in Italia leggete su questo sito il sistema di “opening range breakout” che ho pubblicato.

E’ già tutto programmato in tradestation, non è affatto banale, usa un range misurato dall’apertura ed è testato su 2 anni circa di dati a intraday del FIB.

Basta cliccare sull’icona gialla “sistemi per tradestation” in basso a destra. E' stato messo su gratuitamente, per fare vedere cosa si può fare con tradestatione e questi concetti, ma chiunque può provarlo testarlo e modificarlo ulteriormente.

Quanto staff occorre ai trader di successo ? zero

....ho letto sul f.times che un certo riccone inglese joseph lewis proprietario dei glasgow rangers guadagna tanti miliardi speculando suicambi dalla sua villa alle bermuda. come è possibile senza un team al
livello di quelli delle grandi banche ( es. citibank) con economista ,analista tecnico etc. etc. ? la solita esagerazione della stampa?
-----------------------------------------------------
No, perché anche Soros, Bruce Kovner di Caxton corp, Tudor Jones di Tudor Invesments, Julian Robertson di Tiger Management cioè quelli che credo siano i più grandi hedge funds del mondo lavorano o hanno lavorato così, praticamente lavorando in uno o due da casa o da un ufficio anonimo.
C'è un libro bellissimo in 2 volumi che raccoglie le interviste con i maggiori speculatori di borsa e derivati del mondo "Market Wizards" di Jack Schwager del 1994 e mostra che si tratta SEMPRE di gente che ha operato da sola e solo al culmine del successo hanno aggiunto uno staff.
Tudor e Robertson e Soros ora hanno staff di 40-50 anche 100 perone persone, ma perché ora manovrano sui 10.000 anche 20-30.000 miliardi di lire (Tiger era sui 20 miliardi di dollari prima di perdere un 25% l’anno scorso e venire dimezzato dai riscatti)
Fino a quando manovravano sui 100-500 miliardi operavano da soli e ci sono tantissime testimonianze dirette e indirette tra cui appunto i due libri di Schwager dove per la prima volta i 40 top trader americani hanno raccontato un poco di se stessi in termini autobiografici

Quali metodi scientifici occorrono ai trader di successo ? Forse nessuno

...visto che lei ha il master in econometria ucla,vorrei sapere se serve per il trading ,e inoltre vorrei comprare il libro "exchange rate dynamics" dove è descritto il modello natrex per i cambi. me lo raccomanda o no?
mi consiglia qualche libro di econometira applicata al trading su cambi ? ho letto che david gerstenhaber ex trader tiger fund ex economista merril lynch ha raccolto 400 milioni$ grazie al suo ph.d econometrics di cambridge. inoltre so che hashem pesaran( ex professore econometria a cambridge) lavora a tudor investment. quindi qualcosa serve. -----------------------------------------------------------------------------------------

ho fatto 3 anni di dottorato alla Sapienza a Roma in Econometria e passato l'esame scritto della Banca d'italia per l'ufficio studi sezione econometrica, ma non ho completato la tesi e sono andato a studiare Business all'Università di California perchè non ne potevo più e volevo trovare un lavoro diverso. Ho studiato varie cose di Pesharan (ex direttore della Banca Centrale Iraniana sotto lo Shah) che è un autorità in materia e considerato un genio.

Se tornassi indietro farei qualcosa di più utile. Perché ?

Perché ad esempio come econometrico se sono un genio internazionale come Pesharan troverei impiego presso un trader come Paul Tudor Jones o una banca se sono un econometrico medio. Ma non mi farebbero fare trading, mi farebbero studiare delle formule che poi loro usano e sarei alle dipendenze di questa gente.

Sicuramente si può usare l’econometria perché si tratta di tecniche di previsione statistica multivariata che possono essere adattate per il trading, ma i casi come quello che lei cita sono rari.

Paul Tudor ad es. è uno che ha impiegato e sperimentato di tutto dalle reti neurali a Tom de Mark e può permettersi di sperimentare con le menti più brillanti qualunque metodo perché ha tanti utili quanto la Fiat.

Il problema è che Paul Tudor paga questa gente ora, ma quando ha fatto fortuna era un trader del floor del cotone e ha sempre usato intuito e interpretazione. Secondo De Mark che lavorava per lui non ha mai usato metodi quantitativi fino a quando non era già all'apice del successo.

Quindi se Tudor ha fatto i quattrini con cose semplici e solo ora che gestisce più soldi di quanto sia in gradi......

A proposito Tudor ha un video intitolato "the trader" stile "master of the universe" in cui si vede lui mentre opera che è molto divertente





....puo consigliare qualche testo su come costruire modelli econometrici per analisi macroeconomica .....?
------------------------------------

Innanzitutto e per fortuna sono passati 9 anni da quando ho letto l'ultimo testo di econometria per cui c'é gente più aggiornata di me, tuttavvia Jack Schwager ha scritto nel suo volume sull'analisi fondamentale parecchie cose che si possono utilizzare, molto interessanti e non complicate tecnicamente e che utilizzano la regressione lineare multivariata.

Jack Schwager era direttore della ricerca a Prudential e il suo libro è ora considerato un must.

non l'ho sottomano ma il titolo è "Schwager on Fundamentals" mi sembra e il sito di tradinglibrary.it dovrebbe averlo
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto