Charles M. Cottle (2 lettori)

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
Giusto per continuare sulla linea "options for dummies", chiedo un livello di disclosure troppo eccessivo se chiedo un esempio pratico ?

Es. Short Put MIBO a 17000 come lo quantifichi il "rischio" ? Ti costruisci una curva perdita - probabilita' e la chiami "rischio" ? O tiri fuori uno scalare ? E se e' uno scalare cos'e' ? Una specie di VAR, o ancora l'area sottesa alla curva probabilita'/perdita, o altro ancora ?

Come risposta va bene anche "altro ancora" :D (per chi se lo chiedesse, non e' comprensione ma rassegnazione :D)
pprllo, qui non si tratta di disclosure, si tratta di complessità.

Purtroppo io sono molto pigra, e non riesco ad andare oltre un certo limite (per altro molto molto stringente) sui forum. In realtà quel limite non lo riesco a superare neanche al di fuori di essi, ma almeno nel loro ambito posso nascondere la mia reale ignoranza in materia dietro un "velo dipinto", e far finta di essere una santona; non lo dire a nessuno però :D

P.S. Io non credo al curriculum che ci hai proposto (anche se non credo praticamente a nessun curriculum), il che vuol dire che hai ottime possibilità di essere fagocitato dal lato oscuro della forza ;)
 

Imar

Forumer attivo
Registrato
30 Gennaio 2009
Messaggi
944
pprllo ha scritto:
In effetti se il VaR e' gaussiano come e' scritto nel documento linkato dal sig. Ernesto, sicuramente in alcuni scenari puo' sottostimare il rischio.

pprllo, please :wall::wall: non mi "cadere" su una cosa così semplice, sennò mi/ci devo/dobbiamo rimangiare tutti i bei complimenti di ieri :D:D: ho spiegato ieri qui - con allegato in jpeg a caratteri cubitali - qual'è l'aggiustamento che la CCGG fa per evitare i problemi insiti nella distribuzione normale.

La sensazione, come capita spesso, è che (sia detto senza polemica, se possibile) vi siano nicks che a parole professano di avere l'atteggiamento dello scienzato, ma poi - in pratica - non hanno riflettuto neanche sulla prima pagina dei documenti che ho linkato ieri.

Altrimenti avrebbero visto - dalla copertina - che RBM (*) sta per "Risk Based Margining" ed io - fossi in loro - prima di andare a suonare al campanello dell'Eurex a dire che Gianni& Pinotto sanno calcolare meglio il rischio..... beh ci penserei un attimo di più o - al limite - se proprio devo scegliere :D:D.... darei all'Eurex il beneficio del dubbio.

Di più, chi si fa tutte queste belle seghe mentali.... - in mezzo a battute da caserma su cui lascio tutti voi esprimere un giudizio - .... in realtà non si è fatto una domanda molto semplice e pratica... ma molto interessante :cool::cool::

"
Nel caso un detentore di opzioni corte lasci un buco presso la CCGG, cioè sia insolvente.....

CHI PAGA????

Gianni & Pinotto?
"

PS Se poi "l'asso" è un messaggio del 2004 riferito alle MIBO in un contesto totalmente diverso dall'attuale .... beh.... :titanic::titanic:


(*) dato che nessuno l'ha chiesto, lo specifico io: TIMS e RBM non danno esattamente gli stessi risultati, ma sono costruiti sulla stessa filosofia ed i risultati di output sono simili abbastanza, da poter parlare- in questa sede - indifferentemente di uno o dell'altro.
 
Ultima modifica:

pprllo

Nuovo forumer
Registrato
20 Gennaio 2012
Messaggi
99
pprllo, please :wall::wall: non mi "cadere" su una cosa così semplice, sennò mi/ci devo/dobbiamo rimangiare tutti i bei complimenti di ieri :D:D: ho spiegato ieri qui - con allegato in jpeg a caratteri cubitali - qual'è l'aggiustamento che la CCGG fa per evitare i problemi insiti nella distribuzione normale.
Questo per me fa parte delle "contromisure molto semplici". :D

Riguardo pero' al discorso "beneficio del dubbio", non credo di essere d'accordo.

Insomma facendo una overview proprio terra terra:
- Vado da CBOE e mi tira fuori i margini "old style" con le quote fisse.
- Vado dalla SEC e mi dice TIMS. Ah no aspetta abbiamo passato il 2006 quindi ora e' STANS.
- Vado sull'EUREX e mi dicono RBM.

Allora o tutti i modelli sono lo stesso modello (no), o non tutti i modelli sono il miglior modello possibile.

Siccome i "regulatory bodies" hanno una certa (notevole) inerzia, mi sembra del tutto verosimile che siano "indietro" rispetto alla ricerca piu' all'avanguardia sul tema (quando dico "e' possibile", non significa "io lo so fare / tu lo sai fare", significa "qualcuno verosimilmente lo sa fare"). Oppure dobbiamo pensare che fino a 10 minuti prima che la SEC iniziasse ad utilizzare lo STANS il metodo piu' efficace era il TIMS e 10 minuti dopo era lo STANS ?

PS: Ovvio che comunque il processo di aggiustamento "converge" verso il modello migliore possibile. :D
 
Ultima modifica:

Pek

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2002
Messaggi
3.476
Pek, una parte del margine è composto dal prezzo di riacquisto dell'opzione corta al valore del settlement.... quindi la volatilità implicita entra eccome nel calcolo
Mentre esiste un parametro esplicito,la variazione del sottostante per la quale si vuole coprire il rischio,la variazione di volatilità non è considerata:si prende quella ricavata dal settlement o dai prezzi correnti.
nel calcolo potrà essere corretta,ma non evidente


Se immetto nel calcolatore Eurex una posizione sul DAX,ad esempio

+P apr 7000
-5P apr 6500

il calcolatore cortesemente si scusa per il tempo necessario per calcolare i "volatility shifts" ma alla fine il margine,essenzialmente Additional,
è molto vicino al minimo del payoff a vola invariata nell'intervallo di variazione previsto per il sottostante.
 
Registrato
21 Marzo 2012
Messaggi
8
Mentre esiste un parametro esplicito,la variazione del sottostante per la quale si vuole coprire il rischio,la variazione di volatilità non è considerata:si prende quella ricavata dal settlement o dai prezzi correnti.
nel calcolo potrà essere corretta,ma non evidente


Se immetto nel calcolatore Eurex una posizione sul DAX,ad esempio

+P apr 7000
-5P apr 6500

il calcolatore cortesemente si scusa per il tempo necessario per calcolare i "volatility shifts" ma alla fine il margine,essenzialmente Additional,
è molto vicino al minimo del payoff a vola invariata nell'intervallo di variazione previsto per il sottostante.
Far funzionare quell'arnese risulta parecchio macchinoso, per esempio ogni giorno va fatto l'aggiornamento per scaricare i nuovi margin parameter senza i quali restituisce volori non esatti.

Direi però che l'introduzione della versione "Enhanced" del RBM ha risolto proprio quell'aspetto. Esattamente come per il sottostante c'è un intervallo di variazione massima attesa, i "Vola Shift" sono la traslazione della curva di IV derivati da osservazione diretta dei prezzi.

Per fare un esempio, un vola shift per un tempo a scad di 7 giorni ed una moneyness di 0.8 è superiore al 40% (da intendersi come maggiorazione della IV di settlement) su una Put Estx50.
Direi che l'impatto è notevole ed aumenta col diminuire del tempo a scad.

Thymon
 

Imar

Forumer attivo
Registrato
30 Gennaio 2009
Messaggi
944
Questo per me fa parte delle "contromisure molto semplici". :D
Beh, semplici fin che vuoi.... ma il punto non è se sono semplici, bensì se sono efficaci o portano a sottostimare il rischio, come da tua affermazione linkata più sopra.

Siccome i "regulatory bodies" hanno una certa (notevole) inerzia, mi sembra del tutto verosimile che siano "indietro" rispetto alla ricerca piu' all'avanguardia sul tema (quando dico "e' possibile", non significa "io lo so fare / tu lo sai fare", significa "qualcuno verosimilmente lo sa fare"). Oppure dobbiamo pensare che fino a 10 minuti prima che la SEC iniziasse ad utilizzare lo STANS il metodo piu' efficace era il TIMS e 10 minuti dopo era lo STANS ?
Mah, sono sinceramente d’ accordo che tutto sia migliorabile, anche i modelli di calcolo dei margini. Così come penso che persino lo stratosferico record di Bolt sui 100m sia migliorabile.
Però penso anche che ognuno di noi, se vuole partecipare con onestà intellettuale a questa discussione, debba decidere…. delle due l'una, riguardo all'affermazione che la CCG può sottostimare il rischio:

1) o è una affermazione generica del tipo "domani può piovere, ma può anche esserci il sole".... ed allora trovo coerente che tu ne discuta con di là con Gianni & Pinotto;

2) o mi identifichi dei "flaws" nelle metodologie attuali… cosa che – tra parentesi – potrebbe essere piuttosto remunerativa.


Insomma facendo una overview proprio terra terra:
- Vado da CBOE e mi tira fuori i margini "old style" con le quote fisse.
- Vado dalla SEC e mi dice TIMS. Ah no aspetta abbiamo passato il 2006 quindi ora e' STANS.
- Vado sull'EUREX e mi dicono RBM.
Mica male… :) e tu saresti quello che non sa niente di opzioni…. mi sa che PGiulia ed il suo lato oscuro ci han preso di nuovo….. :D

Torniamo al punto: eh si tanti modelli… tanti quanti sono le borse di opzioni.
Mi chiedo, infatti: nell’ipotesi di dover avviare ed organizzare un mercato dei derivati, ex novo….. che faccio???
Vado a chiedere lumi a Gianni e Pinotto….che sono giovani e pimpanti e dunque avranno sicuramente idee nuove e migliori rispetto allo status quo, oppure vado a vedere come fanno le cose in posti che già funzionano?
Magari a Londra…. dove da decenni funziona una cosa chiamata SPAN???

Ah …. saperlo….. ci vorrebbe qualche esperto.
Purtroppo Thymon e Maveri si sono affacciati ma sono subito fuggiti …. PGiulia tace (mi sto crenizzando??? :wall::D), Mastro Stea - sono sicuro - ha la tastiera che freme, ma ha un condivisibilissimo freno: non mi sopporta :sad::sad: :D:D

Allora o tutti i modelli sono lo stesso modello (no), o non tutti i modelli sono il miglior modello possibile.
Scuse sincere, pprllo.
Ti stavo facendo un torto.
Se puoi scrivere una frase simile, sei sicuramente un esperto sul tema.

Puoi fare a me (ma sicuramente a tutti) una breve descrizione delle caratteristiche dei modelli, ed in particolare delle differenze?

Magari soffermandoti un pochino di più sullo STANS, che io non conosco (sorry, ma non conosco neanche Tokio ed Osaka, eppure sono tra i più antichi mercati a termine del mondo :(): la OCC mi sembra usi il CPM, ma sono fuori dal mio ambito di competenza, se mi dai qualche dettaglio e qualche riferimento bibliografico te ne sarò/saremo molto grato/grati.


PS EDIT... mentre scrivevo è arrivato Thymon. Grande!!! :V:V
 

Allegati

Ultima modifica:

deltazero

Forumer storico
Registrato
5 Gennaio 2001
Messaggi
3.876
Ciao Marco, molto onorata del tuo intervento.

Quando in un passato molto molto lontano ho iniziato a giocare con le mibo visto che altre cose cominciavano a non funzionare più, devo dire che leggevo con molto piacere le tue discussioni con pierrone. Quindi istintivamente nutro un certo timore reverenziale verso i tuoi interventi a riguardo :D.

E complimenti per la tua operazione sull'adc Unicredit ;)

grazie. mi è andata bene :D

Detto questo, io continuo a credere che qualunque strategia su opzioni può essere replicata su sottostante, ovviamente con relativa stategia "dinamica". Se posso replicare l'acquisto e la vendita di una call e di una put, posso replicare di conseguenza qualunque loro combianzione. La differenza la fanno le spese.

non sono replicabili tutte le combinazioni che hanno delta 0 qui e ora
es straddle comprati e venduti , strangle comprati e venduti, butterfly, raddoppi verticali comprati evenduti , raddoppi orizzontali comprati e venduti

mi sembra , ma non ne sono sicuro che non sia replicabile nemmeno l'acquisto di call o di put , quando la vola implicita si discosta molto dalla storica (questo sull otm è frequente)

sicuramente si puo replicare la vendita di call o di put singole


Altrimenti i MM non potrebbero guadagnare sempre :D (è solo una battuta per rendere l'idea)

L'altro punto non fa una piega, ma non vedo come vada in conflitto con quanto da me detto nel tuo quote :-?

forse ho interpretato male questo passaggio
"Tutto questo semplice ragionamento per farti capire, caro tuccio, che se vuoi una strategia con enormi upside benefits e ridotti downside risks, la cosa migliore che tu possa fare è esattamente comprare una put lontana lontana lontana (lontana). Oppure, meglio ancora, operare direttamente sul sottostante per ottenere il profilo analogo "
 

Cren

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.729
...qualche giorno fa' ho consultato la lista degli ETF shortabili su IB .... ed ho visto che il VXX aveva la quantità disponibile di .... ben 800.000 titoli :eek::D.
Mi è venuto subito in mente Sun Tzu..... poi mi è venuto in mente Russel Crowe e la battuta inziale de "Il gladiatore" ...:D:D: "al mio segnale... scatenate l'inferno...". Ma si sa... io sono notoriamente malfidato :D
Ciao, Imar :)

Credo di non aver compreso correttamente il messaggio che volevi lanciare, potresti cortesemente essere più esplicito e/o prolisso?

Grazie.
 

GiuliaP

The Dark Side
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.839
...non sono replicabili tutte le combinazioni che hanno delta 0 qui e ora...
Marco, una strategia trend follower sar su sottostante è uno straddle comprato. Una strategia mean reverting con opportuni livelli è uno straddle/strangle venduto.

In pratica è l'opposto di quello che fa il MM tramite hedging quando tu gli apri la figura. Il quale replicherà tanto più fedelmente la figura speculare su sottostante quanto più sarà frequente il suo hedging. Inutile aggiungere che grazie ai sui "privilegi" sia di mercato che di prezzo (leggi IV), avrà vita molto più facile della nostra :)

Ovviamente il MM hedga la sua posizione complessiva, non è che stà a guardare le singole strategie che gli vengono proposte, ma il discorso serve a chiarire il mio punto di vista.

...quando la vola implicita si discosta molto dalla storica (questo sull otm è frequente)...
Nella teoria dei modelli di prezzi, la volatilità implicita è ritenuta una stima di volatilità, e quindi replicabile attraverso la volatilità del sottostante (ma solo in teoria! :D)

In realtà la volatilità implicita, che io ritengo non abbia nulla a che vedere con la volatilità, è un prezzo fatto direttamente dai MM, a loro uso e consumo, ma deciso indirettamente dal mercato stesso delle opzioni. Ovvio che nella pratica non possa essere tenuta in conto nella replicabilità delle strategie.

forse ho interpretato male questo passaggio:
"Tutto questo semplice ragionamento per farti capire, caro tuccio, che se vuoi una strategia con enormi upside benefits e ridotti downside risks, la cosa migliore che tu possa fare è esattamente comprare una put lontana lontana lontana (lontana). Oppure, meglio ancora, operare direttamente sul sottostante per ottenere il profilo analogo "
Se anche qui ti riferisci all'utilizzo della IV per l'acquisto della put, per la desiderata di tuccio, visti i termini temporali, ci possiamo tranquillamente approssimare alla volatilità reale, e quindi approssimarci ai modelli teorici tanto bistrattati.

Per concludere: se accetti modelli di prezzo tipo B&S e tutte le variabili che esso stesso definisce, devi necessariamente accettare anche la replicabilità col sottostante.

Che poi la realtà riguardo la IV sia tutt'altra, quello è pacifico ;)
 
Ultima modifica:

deltazero

Forumer storico
Registrato
5 Gennaio 2001
Messaggi
3.876
Marco, una strategia trend follower sar su sottostante è uno straddle comprato. Una strategia mean reverting con opportuni livelli è uno straddle/strangle venduto.

In pratica è l'opposto di quello che fa il MM tramite hedging quando tu gli apri la figura. Il quale replicherà tanto più fedelmente la figura speculare su sottostante quanto più sarà frequente il suo hedging. Inutile aggiungere che grazie ai sui "privilegi" sia di mercato che di prezzo (leggi IV), avrà vita molto più facile della nostra :)

Ovviamente il MM hedga la sua posizione complessiva, non è che stà a guardare le singole strategie che gli vengono proposte, ma il discorso serve a chiarire il mio punto di vista.



Nella teoria dei modelli di prezzi, la volatilità implicita è ritenuta una stima di volatilità, e quindi replicabile attraverso la volatilità del sottostante (ma solo in teoria! :D)

In realtà la volatilità implicita, che io ritengo non abbia nulla a che vedere con la volatilità, è un prezzo fatto direttamente dai MM, a loro uso e consumo, ma deciso indirettamente dal mercato stesso delle opzioni. Ovvio che nella pratica non possa essere tenuta in conto nella replicabilità delle strategie.



Se anche qui ti riferisci all'utilizzo della IV per l'acquisto della put, per la desiderata di tuccio, visti i termini temporali, ci possiamo tranquillamente approssimare alla volatilità reale, e quindi approssimarci ai modelli teorici tanto bistrattati.

Per concludere: se accetti modelli di prezzo tipo B&S e tutte le variabili che esso stesso definisce, devi necessariamente accettare anche la replicabilità col sottostante.

Che poi la realtà riguardo la IV sia tutt'altra, quello è pacifico ;)


"Per concludere: se accetti modelli di prezzo tipo B&S e tutte le variabili che esso stesso definisce, devi necessariamente accettare anche la replicabilità col sottostante."
grazie a questa frase mi è tutto chiaro il ragionamento
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 2)

Alto