Certificati di investimento (122 lettori)

Joe Silver

Forumer storico
Registrato
23 Settembre 2012
Messaggi
11.314
quindi per te è giusto cosi? tutto sommato se la banca scrive che le cedole sono a memoria e poi non me le paga, alla fine me la sono cercata io perchè ho investito in certificati e certo non me lo aveva ordinato il medico.....
Non mi riferivo affatto alla questione in oggetto, nella quale anzi concordo sostanzialmente con i tuoi interventi. Volevo solo far presente a Marindo che siamo liberi di non acquistare certificati, vist0 che continua da giorni a sottolinearne la pericolosità.
 
Ultima modifica:

BRUNO66

Forumer storico
Registrato
12 Settembre 2017
Messaggi
2.038
Anch'io come tanti qua dentro sono stato tratto in inganno dal KID errato e se il documento fosse stato corretto non avrei sicuramente acquistato il ctf e questo è il nodo principale (discutere del fatto che ha staccato 1 cedola e che il prezzo è sceso in proporzione ha a mio avviso poca utilità perché siamo in presenza di un'operazione che non sarebbe stata fatta se in possesso delle informazioni corrette).
Penso anche che qualunque azione individuale non abbia nessuna possibilità di riuscita proprio perché l'emittente si può sempre trincerare sulla priorità dei FT sul KID e per questo aspetto la risposta di Leon sullo studio legale da lui interpellato perché solo un'azione collettiva e non individuale possa avere qualche ragione d'essere.
Ma a fronte di un errore innegabile dell'emittente laddove la legge non tuteli i danneggiati (per il cavillo FT-KID) penso che una strada efficace sia quella di boicottare commercialemnte più che attaccare legalmente chi l'errore l'ha commesso. Qualcuno parlava di togliere dal database di C&D i prodotti di CS: questo sarebbe un segnale chiaro e forte, più vincolante per CS di qualunque avvocato possiamo mettere in campo.
Della cosa si parla su tutti i forum/gruppi Facebook che trattano del'argomento e gli umori sono gli stessi ovunque. Ora penso che CS si trovi davanti alla scelta se non risarcire niente in virtù di un cavillo legale che la salva (ammesso che sia così fintanto che un qualche legale magari argomenti il contrario, cosa non da escludere) oppure preferisca evitare un danno di immagine e economico (per me i certificati CS da oggi non li compro neanche sotto tortura e non sarò l'unico penso) che si tradurrebbe nel farsi terra bruciata nel mercato italiano dei certificati...qualunque nostro risarcimento penso che se ci sarà passera da qs strada
Condivido pienamente e anch'io d'ora innanzi starò alla larga dai certificati emessi da CREDIT SUISSE (lo scrivo per intero + in grassetto e non siglato come si fa di solito).
Sarò naturalmente contento di essere smentito, ma non credo proprio mi sarà restituito quello che considero mal tolto (il 10% , nel mio casso corrispondenti a 1500 euro).
 

valgri

Valter : Born in 1965
Registrato
16 Agosto 2018
Messaggi
2.940
Località
Piemonte
Rialzo dell'inflazione ? Mah..

Fonte . Icebergfinanza

Torniamo a occuparci di dinamiche economiche con l’ultimo dato arrivato dal settore dei servizi USA che non dimentichiamolo vale oltre il 70 % della crescita e 80 % per l’occupazione…
The IHS Markit flash index of purchasing managers in the US service sector slipped in July to a five-month low, reflecting a persistent struggle to fill positions and stock shelves https://t.co/X99SEZ1Kv4
— Bloomberg Economics (@economics) July 23, 2021
Minimo da cinque mesi! Il tasso di crescita è diminuito per il secondo mese consecutivo al livello più basso da marzo, poiché le aziende hanno continuato a segnalare limitazioni di capacità diffuse.

Le note che a noi interessano è che il secondo trimestre possa rappresentare un picco nel ritmo di crescita economica, mentre secondo il capo economista di Markit stiamo già assistendo a segnali di picco delle pressioni inflazionistiche, con entrambi gli indicatori dei costi di input e dei prezzi di vendita in calo per il secondo mese a luglio, pur rimanendo elevati.

Via abbiamo comunicato nelle scorse settimane che nei principali Stati repubblicani sussidi sono finiti, ben prima del termine per settembre a differenza di alcuni Stati democratici.
La cattiva notizia, segnatevela, negli Stati in questione secondo Bank of America, c’è stato un fortissimo rallentamento della spesa.



Spesa.jpg



La sintesi è che a settembre quando finiranno i sussidi anche negli Stati assistenzialisti democratici, ci sarà un crollo dei consumi, con conseguente fine anticipata delle fobie sull’inflazione e sulla stagflazione, quest’ultima davvero la più colossale delle idiozie per chi non ha mai conosciuto la vera stagflazione degli anni 70/80.
 

Joe Silver

Forumer storico
Registrato
23 Settembre 2012
Messaggi
11.314
certo che siamo liberi di acquistarli o meno, ma credo che abbiamo pieno diritto a rivendicare prospetti e strumenti semplici e non contraddittori....... visto che siamo clienti o no ????
Questo è tutt'altro discorso ed ovviamente son d'accordo. Per coerenza però dovresti astenerti dall'acquisto finchè le condizioni non saranno migliorate. Forse è il tuo doppio che li acquista a tua insaputa?
Comunque chiudiamola qui ed hai ragione tu.
 

felixthecat

Nuovo forumer
Registrato
22 Giugno 2020
Messaggi
168
Anch'io come tanti qua dentro sono stato tratto in inganno dal KID errato e se il documento fosse stato corretto non avrei sicuramente acquistato il ctf e questo è il nodo principale (discutere del fatto che ha staccato 1 cedola e che il prezzo è sceso in proporzione ha a mio avviso poca utilità perché siamo in presenza di un'operazione che non sarebbe stata fatta se in possesso delle informazioni corrette).
Secondo me questo è il punto centrale.
La memoria modifica profondamente le caratteristiche di un certificato.
Io lo avevo acquistato ad aprile ed ero uscita con un piccolo gain poco dopo perché onestamente violava due delle regole che mi sono data (no più di 4 sottostanti, no Unicredit). Mi ero fatta allettare dalla possibilità delle (allora) 5 cedole a memoria.
Ma onestamente mai lo avrei acquistato o considerato se non fossero state nemmeno a memoria.

In comunicazione per pubblicità ingannevole ti massacrano (giustamente!) e un documento finanziario obbligatorio per la commercializzazione e pensato proprio per il retail può presentare le caratteristiche di uno strumento in modo così fuorviante, rendendolo molto più allettante, senza che nessuno dica nulla?
Mi sembra veramente assurdo.

Poi capisco NoWay quando dice di controllare e non fidarsi dei KID, ma non può esistere che un KID sia sbagliato in maniera così grossolana e fuorviante e nessuno paghi per questo.
 

fabriziof

Forumer storico
Registrato
15 Febbraio 2009
Messaggi
36.611
Ora vi racconto una storia vera .Tanti anni fa,prima che nascesse il 3d,comprai un bonus su Volkswagen emesso da Bnp.Seguivo fiducioso ogni giorno l’andamento del titolo e del sottostante sulla scheda Bnp che aggiornava quotidianamente il prezzo.Un bel giorno mi accorsi che il bonus era andato in sofferenza .Sapete cos’era successo : la scheda Bnp,per errore ,aveva scritto che il bonus era su Volkswagen mentre era su Volkswagen priv. ,che nel frattempo aveva rotto la barriera .Ho ingaggiato mio cugino avvocato e non ci è stato verso,la scheda non aveva nessun valore contavano solo i final terms ,nonostante fosse clamorosamente errata!!!
 

gianni76

Forumer storico
Registrato
2 Gennaio 2010
Messaggi
1.814
Ora vi racconto una storia vera .Tanti anni fa,prima che nascesse il 3d,comprai un bonus su Volkswagen emesso da Bnp.Seguivo fiducioso ogni giorno l’andamento del titolo e del sottostante sulla scheda Bnp che aggiornava quotidianamente il prezzo.Un bel giorno mi accorsi che il bonus era andato in sofferenza .Sapete cos’era successo : la scheda Bnp,per errore ,aveva scritto che il bonus era su Volkswagen mentre era su Volkswagen priv. ,che nel frattempo aveva rotto la barriera .Ho ingaggiato mio cugino avvocato e non ci è stato verso,la scheda non aveva nessun valore contavano solo i final terms ,nonostante fosse clamorosamente errata!!!
I tempi cambiano, per fortuna.

Oggi il KID è un documento legale e vincolante, indispensabile per operare, a tutela del retail che acquista/vende.
Non è una scheda pubblicitaria, ma una illustrazione legale del prodotto.
Non c'è alcun dubbio sul fatto che chi l'ha scritta (l'emittente) e chi l'ha pubblicata quale unico riferimento per quel prodotto (le banche), hanno responsabilità facilmente dimostrabili. Oggi una causa si vincerebbe.

Ma la questione è se il settore Certificates è maturo a sufficienza per evitare questo passo legale.
Perchè è chiaro che molti (me incluso) ritirerebbero tutto il proprio capitale dai Certificates in toto nel caso in cui si dovesse andare in tribunale per risolvere una questione così lampante (come dice Marindo: se non c'è certezza neppure diquel che mi viene proposto in un documento ufficiale, meglio proprio lasciare perdere e rischiare dove per lo meno esiste la certezza del diritto). E le somme per centinaia di clienti si farebbero sentire.

Chi ha un ruolo attivo nel settore (pierpaolo) capisce bene cosa significhi una cosa del genere e per questo si deve impegnare per negoziare con Credit Suisse una soluzione ragionevole.
 
Ultima modifica:

Guni

Keep calm and trade on
Registrato
10 Luglio 2020
Messaggi
1.590
Località
Padania
...
Chi ha un ruolo attivo nel settore (pierpaolo) capisce bene cosa significhi una cosa del genere e per questo si deve impegnare per negoziare con Credit Suisse una soluzione ragionevole.
Buongiorno a tutti,

Pierpaolo e C&D non hanno certo bisogno di un (peraltro pessimo) avvocato difensore ma, vista non solo l'amicizia che mi lega a lui da lungo tempo, ma anche la professionalità da lui e dal tuo team dimostrata in ogni occasione, mi sento di far presente che non ha alcun obbligo nei nostri confronti (nemmeno in quelli di chi, come me, è abbonato al CedLab, il cui contratto non prevede alcun tipo di tutela in casi simili), e che anzi dovremmo ringraziarlo per spendersi (come sempre) a titolo gratuito anche in quest'occasione.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 122)

Alto