Cars (1 Viewer)

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
22.223
Località
Via Lattea
Thread Monotematico su auto memorabili per estetica, tecnologia o altri meriti, comprese o incomprese dal mercato.




Inizio con la Lancia Gamma Coupé (1976-1984).
Me n'è sempre piaciuta la coda, coi lati più alti del centro.


La linea della Lancia Gamma coupé, disegnata da Aldo Brovarone e prodotta da Pininfarina, fu molto apprezzata ed è considerata da molti ancora attuale anche a distanza di tanto tempo per via delle proporzioni eleganti e classiche. L'esercizio stilistico è risultato migliore di quello delle sue antenate, sia la Flaminia coupé, più vistosa e mastodontica, sia la 2000 coupé, più seriosa e tozza. Con la Gamma coupé Lancia trovò finalmente la giusta erede del modello Aurelia B20. L'autovettura era, sostanzialmente, una quattro posti con meccanica identica a quella della berlina, salvo il passo accorciato di 11,5 cm. Rispetto alla berlina, ovviamente, cambiava l'impostazione stilistica. La posizione di guida era del tutto particolare e comunque lo spazio non era quello che ci si sarebbe aspettati da una coupé, anzi sembrava addirittura eccessivo. Nella meccanica, questa gran turismo torinese a 3 volumi suscitò, all'esordio, grandi elogi. Alla guida si apprezzavano subito doti di tenuta di strada confrontabili con le autovetture attuali. Il merito era sicuramente del binomio fra la trazione anteriore ed il motore boxer basso e leggero. La frenata, agevolata dal circuito Superduplex Lancia, è paragonabile a quella di vetture moderne e non fa rimpiangere l'assenza dell'ABS. L'erogazione della potenza e una curva di coppia molto piatta inducono ad una guida sportiva di stampo turistico che si esalta in circuiti misti-veloci e non troppo tortuosi. La produzione della Gamma Coupé prima serie, costruita dal 1976 al 1980, ammonta a 1.978 esemplari con motore 2.0 e 2.337 esemplari con motore 2.5.
Analogamente alla versione berlina, anche la Gamma Coupé viene sottoposta ad un restyling nel 1980. Anche per la Coupé viene introdotto il motore da 2.5 litri a iniezione elettronica, che sostituisce il precedente pari cilindrata a carburatore. È inoltre possibile richiedere un cambio automatico a quattro rapporti. Le modifiche apportate al corpo vettura ed all'allestimento interno sono comuni alla Gamma berlina.

Della Gamma coupé seconda serie furono prodotti 1.265 unità con motore 2.0 e 1.209 unità con motore 2.5 i.e. Il totale complessivo di produzione della Lancia Gamma Coupé (prima e seconda serie) è quindi di 6.789 esemplari. La Gamma Coupé uscì di produzione nel 1984.
Fonte: Wikipedia
 

Allegati

nonmollare

Moderator
Registrato
27 Ottobre 2005
Messaggi
8.687
Località
Molly House
Thread Monotematico su auto memorabili per estetica, tecnologia o altri meriti, comprese o incomprese dal mercato.




Inizio con la Lancia Gamma Coupé (1976-1984).
Me n'è sempre piaciuta la coda, coi lati più alti del centro.

La linea della Lancia Gamma coupé, disegnata da Aldo Brovarone e prodotta da Pininfarina, fu molto apprezzata ed è considerata da molti ancora attuale anche a distanza di tanto tempo per via delle proporzioni eleganti e classiche. L'esercizio stilistico è risultato migliore di quello delle sue antenate, sia la Flaminia coupé, più vistosa e mastodontica, sia la 2000 coupé, più seriosa e tozza. Con la Gamma coupé Lancia trovò finalmente la giusta erede del modello Aurelia B20. L'autovettura era, sostanzialmente, una quattro posti con meccanica identica a quella della berlina, salvo il passo accorciato di 11,5 cm. Rispetto alla berlina, ovviamente, cambiava l'impostazione stilistica. La posizione di guida era del tutto particolare e comunque lo spazio non era quello che ci si sarebbe aspettati da una coupé, anzi sembrava addirittura eccessivo. Nella meccanica, questa gran turismo torinese a 3 volumi suscitò, all'esordio, grandi elogi. Alla guida si apprezzavano subito doti di tenuta di strada confrontabili con le autovetture attuali. Il merito era sicuramente del binomio fra la trazione anteriore ed il motore boxer basso e leggero. La frenata, agevolata dal circuito Superduplex Lancia, è paragonabile a quella di vetture moderne e non fa rimpiangere l'assenza dell'ABS. L'erogazione della potenza e una curva di coppia molto piatta inducono ad una guida sportiva di stampo turistico che si esalta in circuiti misti-veloci e non troppo tortuosi. La produzione della Gamma Coupé prima serie, costruita dal 1976 al 1980, ammonta a 1.978 esemplari con motore 2.0 e 2.337 esemplari con motore 2.5.
Analogamente alla versione berlina, anche la Gamma Coupé viene sottoposta ad un restyling nel 1980. Anche per la Coupé viene introdotto il motore da 2.5 litri a iniezione elettronica, che sostituisce il precedente pari cilindrata a carburatore. È inoltre possibile richiedere un cambio automatico a quattro rapporti. Le modifiche apportate al corpo vettura ed all'allestimento interno sono comuni alla Gamma berlina.

Della Gamma coupé seconda serie furono prodotti 1.265 unità con motore 2.0 e 1.209 unità con motore 2.5 i.e. Il totale complessivo di produzione della Lancia Gamma Coupé (prima e seconda serie) è quindi di 6.789 esemplari. La Gamma Coupé uscì di produzione nel 1984.
Fonte: Wikipedia

dalle donne ai motori :D :lol: :)
donne & motori, gioie e motori :lol:
 

great gatsby

Guest
928 s4 gemballa

Gemballa - Wikipedia, the free encyclopedia




The 928 S4 variant debuted in the second half of 1986 as a 1987 model, an updated version of the 5.0 L V8 for all markets producing 320 PS (235 kW/316 hp), sporting a new single-disc clutch in manual gearbox cars, larger torque converter in automatics and fairly significant styling updates which gave the car a cleaner, sleeker look.


S4 was much closer to being a truly world car than previous models as only major differences between ROW and US models were instrumentation in either kilometers or miles, lighting, front and rear bumper shocks and the availability of catalytic converters in many ROW markets. The Australian market version was only one with different horsepower rating at 300 PS (221 kW/296 hp) due to preparation for possible low grade fuel. Even this was achieved without engine changes.


A Club Sport variant which was up to 100 kg (220 lb) lighter became available to continental Europe and U.S. in 1988. This model was watered down version of 1987 factory prototype which had lightened body. Also in 1987 the factory made four white lightened manual gearbox S4 models for racecar drivers who were on their payroll at the time.


These were close to same as later actual Club Sport models and can also be considered prototypes for it. An SE (sometimes called the S4 Sport due to model designation on rear bumper), a sort of halfway point between a normally equipped S4 and the more race-oriented Club Sport, became available to the UK. It's generally believed these Porsche Motorsport-engined cars have more hp than the S4. They utilize parts which later became known as GT pistons, cams, engine ECU programs and a stronger, short geared manual gearbox. The automatic gearbox was not available.



For the 1989 model year, a visible change inside was digital trip computer in dashboard. At the same time Australian models received the same 320 PS (235 kW/316 hp) engine management setup as other markets. Porsche debuted the 928 GT in the late winter 1988/89 after dropping the slowly selling CS and SE. In terms of equipment, the GT was like the 928 SE, having more equipment than a Club Sport model but less than a 928 S4 to keep the weight down somewhat. It had the ZF 40% limited-slip differential as standard like the Club Sport and SE before it.


Also like the CS and SE, the GT was only available with a manual gearbox. ROW 1989 CS and GT wheels had an RDK tire pressure monitoring system as standard. This was also optional for the same year ROW S4. For 1990 model year Porsche made RDK and a 0-100% variable ratio limited-slip called PSD (Porsche SperrDifferential) standard in both GT and S4 models for all markets. This system is much like the one from the 959 and gives the vehicle even more grip. In 1990 the S4 was no longer available with a manual gearbox.


The S4 and GT variants were both cut at the end of 1991 model year, making way for the final version of the 928. The 928 GTS came for sale in late 1991 as a 1992 model in Europe and in spring of 1992 as an early 1993 model in North America. Changed bodywork, larger front brakes and a new, more powerful 5.4 L, 350 PS (257 kW/345 hp) engine were the big advertised changes; what Porsche wasn't advertising was the price. Loaded GTS models could eclipse US$100,000 in 1995, making them among the most expensive cars on the road at the time. This severely hampered sales despite the model's high competency and long standard equipment list. Porsche discontinued the GTS model that year after shipping only 77 of them to the United States. Total worldwide production for all years was a little over 61,000 cars.
Second-hand models' value decreased as a result of generally high maintenance costs due largely to spare parts that are expensive to manufacture. The earliest versions, however, especially those models with the Bosch K-Jetronic (CIS) injection system, have few electronic components and therefore can be repaired more easily provided spare parts can be found. Parts suppliers supported by various enthusiasts exist especially in the United States.
The GTS model has retained a high value however, and as of 2006 the price for all variants is apparently starting to creep upwards (Classic Motorsports, March, 2006 issue, p. 38).
 

Allegati

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
42.608
Località
Il mondo dei sogni
Domani parte la Mille Miglia Storica.
vedrò macchine bellissime.
Magari mi porto la macchina fotografica e poi piano piano posto qui le foto.
:)
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto