Bernanke raffredda il mercato ma il rischio si chiama ancora Europa (1 Viewer)

Registrato
10 Aprile 2012
Messaggi
30
Le nubi all’orizzonte sono ancora nere. Tra breve ci sono le elezioni in Grecia, prima ancora è probabile che si conosca qualche dettaglio in più su come verranno ricapitalizzate le banche spagnole e in che misura ci sarà un intervento esterno. E poi ci saranno i nuovi dati macroeconomici e si potrà verificare quanto sta effettivamente soffrendo l’economia americana, senza contare che tra poco comincia la stagione degli utili. Nonostante queste nubi si può essere più ottimisti e pensare che ci avviciniamo ad una fase laterale del mercato che potrebbe preludere a tempi migliori qualora la politica europea dovesse finalmente muoversi con soluzioni concrete e strutturali. I rischi che potrebbero impedire una fase di stabilizzazione sono molti, a cominciare da uno scenario macroeconomico meno brillante e all’incertezza con cui si evolverà l’attività produttiva in Cina. Tuttavia il rischio più incisivo rimane sempre lo stesso: i tempi della politica in Europa sembrano essere infinitamente lenti rispetto a quelli dei flussi finanziari e le misure che arrivano potrebbero essere “troppo poco” e “troppo tardi”.

Bernanke raffredda il mercato ma il rischio si chiama ancora Europa
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto