Banque Centrale De Tunisie 5,625% 2024 euro XS1567439689 (1 Viewer)

pietro17elettra

Forumer attivo
Registrato
3 Giugno 2004
Messaggi
790
Località
roma
UPDATE 1-Tunisian court halts president's purge of judges
10/08/2022 13:33 - RSF
(Adds details, context)
TUNIS, Aug 10 (Reuters) - A Tunisian court has halted President Kais Saied's dismissal of around 50 judges, a lawyer said on Wednesday, underscoring the continued independence of courts despite Saied's moves to assume wider authority over the judiciary.

Saied dismissed 57 judges on June 1, accusing them of corruption and protecting terrorists - charges that the Tunisian Judges' Association said were mostly politically motivated (news)
.

The lawyer, Kamel Ben Massoud, told Reuters that the Tunis administrative court had rejected the appeals of at least seven judges but blocked the dismissal of the others, pending a final ruling by a higher court.

Saied last month pushed through a new constitution through a referendum giving himself nearly unchecked powers, which his critics say will spawn one-man rule and the end of meaningful democracy.

The constitution has given him ultimate authority over both the government and judicial appointments, while making the parliament largely toothless.

The moves, which Saied and supporters say were needed to end years of political paralysis and economic stagnation in Tunisia, formalise temporary powers that he assumed after shutting down the elected parliament a year ago.

Among those moves was the replacement in March of several members of the Supreme Judicial Council, the body responsible for overseeing judges and the guarantor of judicial independence.

Saied, a law lecturer before his 2019 election victory, had been dismayed by several judicial decisions and accused the council of acting on behalf of political interests.



(Reporting by Tarek Amara; Writing by Angus McDowall; Editing by Toby Chopra)
(([email protected];))
 

pietro17elettra

Forumer attivo
Registrato
3 Giugno 2004
Messaggi
790
Località
roma
Tunisia's economy grew 2.8% in Q2 2022 compared to Q2 in 2021 - statement
15/08/2022 16:01 - RSF
TUNIS, Aug 15 (Reuters) - Tunisia's economy recorded a growth rate of 2.8% in Q2 of this year compared to the same period in 2021, the country's statistics agency said on Monday.

The National Institute of Statistics' data also showed that Tunisia's trade deficit widened to 13.7 billion dinars ($4.36 billion) in the first seven months of 2022 from 8.7 billion dinars ($2.77 billion)in the same period of 2021.

($1 = 3.1430 Tunisian dinars)

(Reporting by Mohamed Argoubi; Writing by Lina Najem; Editing by Toby Chopra)
(([email protected];))
 

pietro17elettra

Forumer attivo
Registrato
3 Giugno 2004
Messaggi
790
Località
roma
Tunisia's budget deficit falls to $148 mln in H1 2022-state news agency
31/08/2022 15:12 - RSF
Aug 31 (Reuters) - Tunisia's budget deficit fell to 470.8 million dinars ($147.92 million) in the first half of 2022 from 1.9 billion dinars during the same period last year, the state news agency TAP reported on Wednesday, citing the finance ministry.



($1 = 3.1827 Tunisian dinars)

(Reporting by Enas Alashray Editing by Gareth Jones)
 

pietro17elettra

Forumer attivo
Registrato
3 Giugno 2004
Messaggi
790
Località
roma
Il deficit commerciale della Tunisia sale a 5,3 miliardi di dollari nei primi otto mesi del 2022
12/09/2022 17:03 - RSF
TUNISI, 12 set. (Reuters) - La bilancia commerciale della Tunisia era in deficit di 16,9 miliardi di dinari (5,32 miliardi di dollari) nei primi otto mesi del 2022, con un aumento del 61% rispetto all'anno precedente, principalmente a causa degli alti prezzi dell'energia, lo Stato Lo ha detto lunedì l'Istituto di Statistica (INS).

Il deficit commerciale è stato di 10,48 miliardi di dinari nello stesso periodo del 2021, secondo i dati dell'INS.

Il deficit del bilancio energetico è raddoppiato a 6 miliardi di dinari quest'anno rispetto ai 2,9 miliardi di dinari dell'anno scorso, guidato dall'impatto della guerra in Ucraina.

(Segnalazione di Tarek Amara; Montaggio di Catherine Evans)
(([email protected];))
 
Registrato
16 Agosto 2022
Messaggi
2
Negoziati governo-Ugtt: e se l'accordo arrivasse da Cartagine?
Di Abdelkrim DERMECH

Inserito il 13/09/2022

13 minuti di lettura

0

0

735
• Il presidente Kaïs Saïed, Noureddine Taboubi e Samir Majoul si incontrano al Palazzo di Cartagine per esaminare la situazione economica e sociale del paese.
• Severo il segretario generale dell'Ugtt: “La Tunisia non ha altra soluzione che il finanziamento estero”.
• I membri della Commissione Nazionale Amministrativa Eccezionale delegano all'ufficio esecutivo dell'Ugtt il potere di proseguire la discussione delle proposte del governo in relazione alle trattative sociali.

Tra l'Ugtt e il governo e anche il Palazzo di Cartagine, i rapporti stanno volgendo verso la pacificazione, anzi un accordo che tutti i tunisini aspettano da mesi, in particolare i dipendenti della funzione e del settore pubblico che minacciano di osservare un sciopero generale, la cui data non è stata ancora fissata dall'ufficio esecutivo della centrale di Place Mohamed-Ali?
Ci stiamo ponendo la domanda e attendiamo una risposta definitiva grazie all'incontro che doveva riunire, ieri, lunedì 12 settembre, il Presidente della Repubblica, Kaïs Saïed, con Noureddine Taboubi, segretario generale dell'Ugtt e Samir Majoul, presidente di Utica.
Il Centro sindacale, infatti, ha annunciato ieri che “ il SG è attualmente (verso le 15) in un incontro con il Capo dello Stato ”.
E il comunicato diffuso dall'ufficio comunicazione dell'Ugtt precisa: “ È il presidente Kaïs Saïed a convocare Noureddine Taboubi al palazzo di Cartagine ”.
Il comunicato aggiunge: “La trattativa sociale, oltre ad altri temi, è all'ordine del giorno”.
La citazione inviata dal presidente Kaïs Saïed a Noureddine Taboubi arriva dopo la sessione eccezionale, svoltasi ad Hammamet, della riunione della Commissione amministrativa nazionale dell'Ugtt, sabato 10 e domenica 11 settembre.
I membri della commissione amministrativa in questione hanno, infatti, delegato all'ufficio esecutivo dell'Ugtt il potere di proseguire i negoziati con il governo. Queste trattative, secondo le dichiarazioni prodotte da Sami Tahri, domenica 12 settembre, secondo giorno di lavoro della commissione amministrativa, “stanno vedendo progressi tra il governo e l'Ugtt”.
Aggiunge: “Ci sono altri punti da chiarire con il governo, che riguardano diversi argomenti”.
E sta a Noureddine Taboubi, SG dell'Ugtt, essere più espressivo e più acuto del suo collega Sami Tahri, il portavoce ufficiale dell'Ugtt.
Noureddine Taboubi non potrebbe essere più chiaro e tagliente, sottolineando il più chiaramente e senza deviazioni: “ L'Ugtt è consapevole dell'assenza di altre soluzioni. La necessità di finanziamenti esteri è essenziale per la Tunisia ”.
Le cose, quindi, sono chiarissime: l'Ugtt ritiene necessario aiutare il governo " che si ostina a considerare un accordo con il Fondo monetario internazionale come l'unica soluzione alla crisi " in cui il Paese da mesi e mesi.
Ma a quale prezzo l'Ugtt, attraverso la voce del suo segretario generale, offre il suo sostegno al governo in questo momento cruciale in cui ha un disperato bisogno di un fronte nazionale unito e rafforzato. Un fronte in cui l'Ugtt svolge un ruolo di locomotiva per consentire alla Tunisia di affrontare con successo "le pressioni che sta subendo" , come sottolinea lo stesso Noureddine Taboubi.
Solo che né Taboubi né Sami Tahri, né anche gli estensori della mozione generale che ha sanzionato il lavoro della commissione amministrativa nazionale eccezionale tenutasi ad Hammamet, fanno luce sull'opinione pubblica per raccontarle come "l'Ugtt lavora per trovare soluzioni sul oggetto di trattative sociali' .
Questa breve frase pronunciata dal segretario generale dell'Ugtt apre la strada a tutte le interpretazioni possibili, nel senso che ci sarà qualcosa di nuovo tra l'Ugtt e il governo nei prossimi giorni, anche nelle prossime ore.
E se proviamo a trovare un nesso certo tra ciò che Kaïs Saïed e Noureddine Taboubi esamineranno nel corso dell'incontro di ieri, incontro che si tiene a pochi giorni dall'apertura ufficiale dei negoziati con il Fondo Monetario Internazionale, nel Alla chiusura delle ferie di agosto e settembre di questo istituto, ci si poteva aspettare un accordo che tutti aspettano.
 
Registrato
16 Agosto 2022
Messaggi
2
Trattative sociali: il messaggio del Presidente
Di Mohamed Khalil JELASSI

Inserito il 14/09/2022

17 minuti di lettura

0

0

282
Il Presidente della Repubblica doveva intervenire per sbloccare la situazione? I negoziati tra le parti sociali sono ostacolati mentre il clima sociale non sarà più in grado di sostenere un nuovo blocco di questo tipo. Nonostante il malcontento sociale continui ad aumentare, sotto l'effetto di una crisi senza precedenti causata in particolare dall'aumento dei prezzi e dalla scarsità di alcuni prodotti di consumo, per il Presidente della Repubblica, Kaïs Saïed, è stato fondamentale intervenire.
Notando che il paese è sull'orlo di una situazione di stallo sociale e di un punto di non ritorno, l'inquilino di Cartagine ha riunito il segretario generale dell'Unione generale tunisina del lavoro (Ugtt), Noureddine Taboubi, e il presidente dell'Unione tunisina di Industria, Commercio e Artigianato (Utica), Samir Majoul, nel tentativo di sbloccare la situazione. Una situazione sempre alla ricerca di un terreno comune e in cui i punti di vista sembrano molto divergenti.
Kaïs Saïed sottolinea la necessità di uscire "da questa situazione che colpisce le istituzioni dello Stato e della Nazione" , e ricorda il ruolo dell'Ugtt e dell'Utica per raggiungere al più presto un accordo con il governo.
L'incontro ha discusso una serie di temi legati alla crisi globale e al suo impatto sulla situazione in Tunisia, ha anche discusso della carenza di prodotti essenziali che il Paese sta vivendo "sebbene siano disponibili" , il Capo dello Stato ha accusato le parti di monopolizzare questi prodotti per infiammare la situazione sociale.
"È del tutto naturale che le due organizzazioni nazionali, rinomate per il ruolo che hanno svolto dall'indipendenza, siano presenti per serrare i ranghi e realizzare un'unione nazionale con l'obiettivo di creare ricchezza e superare gli ostacoli. . Ringrazio il Presidente della Repubblica che ha sottolineato l'importanza del ruolo della scuola pubblica come ascensore sociale, della sanità pubblica e dell'intero settore pubblico in generale, parallelamente al settore privato. La Tunisia ha un vero capitale umano e, unendo gli sforzi, il Paese è in grado di farcela a condizione che dimostri una vera solidarietà nazionale” , assicura Noureddine Taboubi.
Da parte sua, Samir Majoul ha ritenuto di aver informato il Presidente della Repubblica della loro motivazione per risolvere la crisi. “Abbiamo informato il Capo dello Stato della nostra motivazione. Non molliamo e non rinunceremo al nostro ruolo economico per uscire da questa crisi per rilanciare la crescita e creare ricchezza. Siamo consapevoli delle difficoltà e siamo anche consapevoli che la soluzione deve essere tunisina, basata sull'economia privata e sul contributo degli uomini d'affari tunisini ”, ha affermato.
Un altro fallimento!
Solo che nella stessa serata, mentre i tunisini si aspettavano l'esito della crisi, fallita l'ultima sessione di negoziazione tra il governo e l'Ugtt, non è stato possibile trovare un accordo tra le due parti.
Infatti, le trattative sociali tra governo e Centro sindacale sono ostacolate dalla divergenza dei punti di vista delle due parti. Lunedì 12 settembre l'ultima sessione di negoziazione si è conclusa senza raggiungere un accordo.
Secondo Echaab News , un sito di informazione che rappresenta l'Ugtt, non è stato raggiunto alcun accordo tra le due parti dopo diverse ore di trattative. "I rappresentanti dell'Ugtt sono rimasti sorpresi da una nuova proposta che non è stata discussa" , è stato spiegato.
Ma da parte del governo, si sostiene che le due parti siano sulla stessa pagina su “quasi tutti i punti”. “I negoziati sociali tra il governo e il Sindacato Generale del Lavoro tunisino stanno ancora proseguendo, sapendo che è stato raggiunto un accordo sulla maggior parte dei punti da discutere ad eccezione del tasso di aumento salariale per i prossimi anni” , a Lo ha annunciato ieri Nasreddine Ncibi, portavoce ufficiale del governo e ministro dell'Occupazione e della formazione professionale.
In un comunicato ai media, Ncibi ha fatto notare che i due partiti hanno quasi fissato le scadenze per gli aumenti ma l'unico punto di divergenza che persiste è il tasso di aumento, viste le difficoltà di bilancio e la massa salariale. "Il governo e l'Ugtt stanno facendo del loro meglio per raggiungere un consenso su diverse questioni nonostante le differenze ", ha affermato Ncibi. Cosa giocano le diverse parti? Come uscire dall'attuale crisi che minaccia la pace sociale? Ugtt e Utica possono fare concessioni in questa fase piuttosto delicata? Il governo può essere più flessibile in questi negoziati nonostante la situazione delle finanze pubbliche?
A proposito, queste parti sono in una situazione di stallo, per il momento non è stato trovato un terreno comune sulle questioni in sospeso. Il Sindacato generale tunisino del lavoro ha convocato la sua Commissione amministrativa per rivedere i negoziati con il governo e le proposte che sta avanzando. Ma secondo i vertici del sindacato centrale, queste proposte non possono in alcun modo soddisfare i diritti e le richieste dei lavoratori, soprattutto in questa crisi sociale senza precedenti.
A proposito, sebbene le trattative tra governo e centro sindacale siano ancora in corso, è probabile che gli aumenti salariali per la funzione pubblica e il settore pubblico raggiungano il 5% annuo.
Un tasso che, pur non rispondendo ai requisiti dell'Ugtt che proponeva incrementi dell'ordine dell'8%, potrebbe essere considerato un ragionevole consenso tra le due parti.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto