Aste Giudiziarie Immobiliari - Fase Dopo L'aggiudicazione | Pagina 54

Discussione in 'Mercato Immobiliare' iniziata da messimo, 2 Giugno 2010.

    21 Novembre 2018
  1. gabiaka94

    gabiaka94 New Member

    Registrato:
    21 Novembre 2018
    Messaggi:
    1
    Buonasera a tutti, spero che qualcuno possa essermi d'aiuto:
    Ho acquistato una casa all'asta a febbraio 2018 presso il tribunale di Milano, l'immobile è ancora occupato da una famiglia straniera con un figlio minore, hanno un'ordinanza di sfratto da giugno 2016, il custode, dopo un sacco di rinvii, aveva ordinato lo sgombero nella giornata di ieri, si sono presentati due ufficiali e il fabbro, sul momento del cambio della serratura il fabbro è stato bloccato e sono andati via senza fornire spiegazioni, secondo voi riuscirò ad avere il mio immobile in breve tempo?
     
  2. 31 Dicembre 2018
  3. Mirellapriol

    Mirellapriol New Member

    Registrato:
    31 Dicembre 2018
    Messaggi:
    1
    Salve, ho acquistato una casa all asta nell agosto 2018 in un buono stato di manutenzione documentato fotograficamente e da perizia nonche verificato personalmente piu volte prima e dopo l aggiudicazione all asta. È stata liberata dall ocupante nei termini previsti ad ottobre tutto sotto la vigilanza di un custode che operava per l agenzia incaricata dal Tribunale. Alla consegna delle chiavi, avvenuta dietro istanza bollata al giudice e ripetute visite per chiedere di entrare in possesso del bene, prima del passaggio di proprietá, visti i tempi lunghi, ( da 8/12 mesi) alla consegna delle chiavi una parte della casa era completamente distrutta da
    Infiltrazioni d acqua. Pavimento e muri da rifare. Ho fatto redigere un protocollo dal custode e entrambi abbiamo documentato fotograficamente i danni. Ora posso chiedere un risarcimento? A chi devo rivolgermi e quali sono i tempi per farlo?
    Grazie
     
  4. 12 Gennaio 2019
  5. SIENA1

    SIENA1 New Member

    Registrato:
    12 Gennaio 2019
    Messaggi:
    1
    Appena registrato a questo spettacolare Forum. Grazie!

    Non so se ho osso porre una domanda aprendo "una risposta", ma ci provo ugualmente. Ho acquistato all'asta un immobile su cui gravano morosità condominiali riportate in perizia per importo rilevante ì, relativo a circa sette anni di quote condominiali non versate. Usualmente l'acquirente di un immobile è tenuto a pagare gli oneri condominiali relativi all'esercizio corrente ed a quello precedente. Non so cosa succede nel caso dell'acquisto mediante asta e soprattutto in funzione delgi oneri indicati in perizia, L'ordinanza di vendita non cita tali oneri, ma l'amministratore del codominio sostiene che sono dovuti gli oneri correnti in quanto acconti ed i contributi definitivi approvati dall'assemblea per il precedente esercizio e siccome il riparto approvato riporta l'ec proprietario con il saldo dei debiti alla data della fine dell'esercizio precedente, devo pagare tale cifra più le rate in acconto dell'esercizio corrente.

    Cose ne pensate? ha ragione oppure sta cercando di farmi pagare oneri che non mi competono?

    Grazie in anticipo per l'attenzione.

    Siena1
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 9)

Condividi questa Pagina