Aste Giudiziarie Immobiliari - Fase Dopo L'aggiudicazione (4 lettori)

Registrato
21 Novembre 2018
Messaggi
1
Buonasera a tutti, spero che qualcuno possa essermi d'aiuto:
Ho acquistato una casa all'asta a febbraio 2018 presso il tribunale di Milano, l'immobile è ancora occupato da una famiglia straniera con un figlio minore, hanno un'ordinanza di sfratto da giugno 2016, il custode, dopo un sacco di rinvii, aveva ordinato lo sgombero nella giornata di ieri, si sono presentati due ufficiali e il fabbro, sul momento del cambio della serratura il fabbro è stato bloccato e sono andati via senza fornire spiegazioni, secondo voi riuscirò ad avere il mio immobile in breve tempo?
 
Registrato
31 Dicembre 2018
Messaggi
1
Salve, ho acquistato una casa all asta nell agosto 2018 in un buono stato di manutenzione documentato fotograficamente e da perizia nonche verificato personalmente piu volte prima e dopo l aggiudicazione all asta. È stata liberata dall ocupante nei termini previsti ad ottobre tutto sotto la vigilanza di un custode che operava per l agenzia incaricata dal Tribunale. Alla consegna delle chiavi, avvenuta dietro istanza bollata al giudice e ripetute visite per chiedere di entrare in possesso del bene, prima del passaggio di proprietá, visti i tempi lunghi, ( da 8/12 mesi) alla consegna delle chiavi una parte della casa era completamente distrutta da
Infiltrazioni d acqua. Pavimento e muri da rifare. Ho fatto redigere un protocollo dal custode e entrambi abbiamo documentato fotograficamente i danni. Ora posso chiedere un risarcimento? A chi devo rivolgermi e quali sono i tempi per farlo?
Grazie
 
Registrato
12 Gennaio 2019
Messaggi
1
Appena registrato a questo spettacolare Forum. Grazie!

Non so se ho osso porre una domanda aprendo "una risposta", ma ci provo ugualmente. Ho acquistato all'asta un immobile su cui gravano morosità condominiali riportate in perizia per importo rilevante ì, relativo a circa sette anni di quote condominiali non versate. Usualmente l'acquirente di un immobile è tenuto a pagare gli oneri condominiali relativi all'esercizio corrente ed a quello precedente. Non so cosa succede nel caso dell'acquisto mediante asta e soprattutto in funzione delgi oneri indicati in perizia, L'ordinanza di vendita non cita tali oneri, ma l'amministratore del codominio sostiene che sono dovuti gli oneri correnti in quanto acconti ed i contributi definitivi approvati dall'assemblea per il precedente esercizio e siccome il riparto approvato riporta l'ec proprietario con il saldo dei debiti alla data della fine dell'esercizio precedente, devo pagare tale cifra più le rate in acconto dell'esercizio corrente.

Cose ne pensate? ha ragione oppure sta cercando di farmi pagare oneri che non mi competono?

Grazie in anticipo per l'attenzione.

Siena1
 
Registrato
18 Aprile 2019
Messaggi
1
Scusatemi se scrivo nello spazio delle risposte ma non trovo dove scrivere per porre il quesito.
Ho acquistato un'appartamento all'asta senza visitarlo, ora ho chiesto all'avvocato dell'inquilino di poter visitatore la casa ma mi è stato risposto che nel contratto di affitto sono previste le visite solo in caso di vendita e non ci sono i presupposti per farmelo vedere.
Cosa posso fare?
 
Registrato
25 Aprile 2019
Messaggi
2
PERIZIA NON SPECIFICA LA NON PROPRIETA' DI PARTI COMUNI E LA SOLA SERVITU' DI PASSAGGIO
Ho acquistato all'asta una casa che si trova insieme ad altre 3 in mezzo ad un parco il tutto apparteneva ad un unico proprietario. Ora gli altri proprietari sostengono che non ho alcun titolo sulle parti comuni ma solo un diritto di passaggio. E' possibile ? Se si, il tribunale, il custode o la perizia non avrebbero dovuto indicarlo chiaramente?
 
Registrato
25 Aprile 2019
Messaggi
2
PERIZIA NON SPECIFICA LA NON PROPRIETA' DI PARTI COMUNI E LA SOLA SERVITU' DI PASSAGGIO
Ho acquistato all'asta una casa che si trova insieme ad altre 3 in mezzo ad un parco il tutto apparteneva ad un unico proprietario. Ora gli altri proprietari sostengono che non ho alcun titolo sulle parti comuni ma solo un diritto di passaggio. E' possibile ? Se si, il tribunale, il custode o la perizia non avrebbero dovuto indicarlo chiaramente?
Qualcuno?
 

Near

Forumer storico
Registrato
22 Aprile 2015
Messaggi
2.314
PERIZIA NON SPECIFICA LA NON PROPRIETA' DI PARTI COMUNI E LA SOLA SERVITU' DI PASSAGGIO
Ho acquistato all'asta una casa che si trova insieme ad altre 3 in mezzo ad un parco il tutto apparteneva ad un unico proprietario. Ora gli altri proprietari sostengono che non ho alcun titolo sulle parti comuni ma solo un diritto di passaggio. E' possibile ? Se si, il tribunale, il custode o la perizia non avrebbero dovuto indicarlo chiaramente?
il fatto che la perizia sia incompleta non vuol dire che non sia valida ai fini del procedimento,
alla fine se non hanno specificato che il parco fosse tuo non sono in difetto
al limite "hanno sorvolato" senza specificare la vicenda del parco.
"sostengono" che vuol dire? esistono dei titoli di proprietà anche per un'area verde, te li producano e tu diverrai edotto della situazione.

bisogna stare attenti alle perizie non solo su quello che scrivono ma ancora di più su quanto non viene specificato e nel caso chiedere ragguagli al curatore che al limite si attiverà per avere integrazioni alla perizia.
 
Registrato
23 Gennaio 2020
Messaggi
1
Buongiorno. chiedo alcuni consigli per un immobile comprato in asta a novembre 2019:
il dispositivo del giudice al momento della messa in asta dell'immobile intimava al proprietario di liberarlo di mobili e quant'altro entro il 30 giugno 2019.
Nei sopralluoghi in ottobre con il delegato della vendita abbiamo riscontrato che tutto il mobilio, le suppellettili ed addirittura capi di abbigliamento erano ancora presenti all'interno dell'immobile.
Nonostante ripetute richieste al delegato, dopo l'aggiudicazione, questi non ha operato in modo fattivo tanto che oggi la casa è nello stato in cui era prima della aggiudicazione.
A giorni effettueremo il saldo.
Chiedo: quali obblighi aveva il delegato nell'esigere la liberazione dell'immobile dai mobili e quant'altro entro il 30 giugno?
A quale responsabilità legale posso appellarmi per smuovere un apatico studio legale delegato alla vendita che non sembra ritenere necessario muoversi per far sgomberare l'immobile?
A domanda precisa su chi si sarebbe dovuto prendere in carico lo sgombero, qualora l'ex proprietario non avesse provveduto, verbalmente lo studio ha assicurato che lo sgombero stesso sarebbe stato a carico della procedura. Corrisponde al vero?
Per venire in possesso al più presto dell'immobile intendiamo richiederne la custodia: a chi e in che modo dobbiamo chiederla? E' dovuta oppure a discrezione di qualcuno?
Grazie molte per la pazienza di leggere ed interpretare quanto sopra.
Enrico
 
Registrato
1 Febbraio 2020
Messaggi
1
Una domanda.... Ho acquistato un immobile tramite tribunale di un appartamento non abitato ma ammobiliato.
Il 30 dicembre c'è stato l'atto di trasferimento della proprietà ma ad oggi non ci hanno dato le chiavi (ovviamente abbiamo fatto richiesta), anzi ci dicono che non sanno quando me le daranno perché il vecchio proprietario non ha smontato tutto cio che vuole. Ora mi chiedo.. Ma per legge non ci sono un massimo di giorni per poter avere le chiavi? Cioè se questa persona impiega 6 mesi io non posso accedere all'appartamento?
Vi ringrazio
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 4)

Alto