ARGENTINA obbligazioni e tango bond | Pagina 530

Discussione in 'Obbligazioni, Bond e Titoli di Stato' iniziata da SINIBALDO, 22 Dicembre 2004.

    13 Agosto 2019
  1. m.m.f

    m.m.f New Member

    Registrato:
    17 Luglio 2015
    Messaggi:
    5.107

    ...punto evidenziato da diversi analisti su Bloomberg.
     
  2. 13 Agosto 2019
  3. GRANJERO

    GRANJERO New Member

    Registrato:
    12 Agosto 2019
    Messaggi:
    52
    Hai dimenticato di menzionare la Cina ! ...Comunque, ti perdono ! :-D P.S. Minzioniamo sempre tutti, se possibile ! ...Grazie !! :-D
     
  4. 13 Agosto 2019
  5. Fabrib

    Fabrib New Member

    Registrato:
    5 Ottobre 2013
    Messaggi:
    10.810
    Argentina, i mercati nella cristalleria


    L’ultima volta che ho scritto di Argentina è stato quasi un anno addietro. Dopo il maxi prestito del Fondo Monetario Internazionale, concesso sotto gli auspici di Christine Lagarde e di una rinnovata valenza “sociale” dell’azione del Fondo (una cosa tipo “austerità, ma dolce”), la situazione non è migliorata. O meglio, i conti pubblici si sono più o meno raddrizzati, ma l’opinione pubblica non ha gradito il persistere di una condizione piuttosto misera.

    E quindi, le primarie presidenziali hanno visto il trionfo del ticket Fernandez & Fernandez (nessuna parentela), con la ex presidente nel ruolo di vice, sul ticket del presidente Mauricio Macri, con un distacco di 15 punti percentuali.
    Non più tardi di inizio luglio, il FMI aveva detto che le riforme poste come condizione per il maxi prestito di 57 miliardi di dollari stavano procedendo bene. Ma evidentemente non abbastanza bene per la popolazione, alle prese con un’inflazione del 50% ed un crollo del potere d’acquisto.
    Come ho scritto in passato, Macri ha cercato di rimediare alle follie di politica economica di Cristina Fernandez de Kirchner in modo solo graduale, per non infliggere ulteriori sofferenze alla popolazione. Il suo profilo pro market, la sostanziale chiusura delle pratiche di monetizzazione del deficit da parte della banca centrale e la soluzione della controversia con i creditori internazionali sui precedenti default gli sono valsi l'”amicizia” ed il credito degli investitori internazionali, consentendogli di emettere molto debito in dollari, con cui fare fronte ad esigenze domestiche anziché procedere da subito a procurarsi le risorse necessarie con una terapia “a doccia fredda” fatta di stretta fiscale, con rimozione dei sussidi, e forti aumenti dei tassi d’interesse domestici.
    Questo gradualismo, come segnalavo lo scorso anno, non ha pagato. La progressiva eliminazione dei pesantissimi sussidi ai servizi di pubblica utilità, che si mangiavano ampia parte del bilancio pubblico, ha causato una elevata e persistente inflazione, vanificando le spinte disinflazionistiche della fine della monetizzazione del deficit. Lo scorso anno, il rialzo dei rendimenti sul dollaro aveva già destabilizzato il peso, spingendo la banca centrale prima a stringere e poi a rilassare le condizioni monetarie, perdendo credibilità. Poi, la spugna gettata e la richiesta di aiuto al FMI, perché la fame di dollari resta tanta.
    Perché il violentissimo crollo di ieri degli asset argentini, quindi? A livello qualitativo, perché si teme il ritorno del populismo alla Kirchner, che significa solo una cosa: default sul debito estero. Ma la magnitudine deriva dal fatto che l’Argentina, sotto Macri, è tornata ad inserirsi nei circuiti finanziari internazionali, da cui era stata posta in quarantena durante il regno della Presidenta. E quando si muovono quelli, nel bene o nel male, gli ordini di grandezza sono elevati. Un vero elefante, per giunta impazzito, nella cristalleria.
    Il risveglio dei mercati, quindi, è stato quello di chi prende improvvisamente coscienza che un nuovo default sul debito potrebbe essere molto prossimo. Ed anche quello di chi si era fidato di “previsioni” di banche d’affari che vedevano Macri in sostanziale rimonta verso Fernandez.
    Ribadiamo il punto centrale: si emette in valuta quando si vogliono reperire risorse sui mercati internazionali, e perché gli investitori non si fidano di sottoscrivere debito in valuta locale. È quello che ha potuto fare Macri, grazie alle sue credenziali market friendly. Ma la realtà serve a mettere i bastoni tra le ruote ai grandi disegni dei politici.
    Al momento non è dato sapere cosa esattamente voglia fare Alberto Fernandez, già capo di gabinetto nel governo di Nestor Kirchner e candidato presidenziale alle elezioni del 27 ottobre. Tra le altre cose, ha detto di non voler reintrodurre controlli sui capitali e che serve rinegoziare gli accordi col FMI, oltre ad accusare Macri di essere responsabile della crisi per aver creato troppo debito estero.
    Ma il sospetto che egli possa essere una figurina nella mani di Cristina Fernandez de Kirchner è forte. Ed è opportuno ricordare che la signora ha risposto al deterioramento dell’economia argentina con controlli sui capitali, monetizzazione del deficit, repressione delle importazioni per preservare valuta, nazionalizzazione dei fondi pensione. Il pedigree è di quelli che piacerebbero a non pochi leaderini politici italiani.
    È perfettamente inutile prendersela con la popolazione, se la medesima soffre allo stesso modo in cui soffriva sotto la Kirchner. Sarebbe altrettanto facile affermare che esistono paesi in cui demagogia e populismo sono il tratto culturale dominante, e quindi i disastri sono destinati a ripetersi. Questo potrebbe essere un giudizio superficiale, oppure la banale descrizione della realtà, visto che l’Argentina è un defaulter seriale. Ma già, che sbadato, è una chiara vittima del brutale capitalismo globale. O no?
    Ma, ribadiamolo: ieri il mondo è tornato ad accorgersi dell’Argentina e dei suoi problemi perché il debito argentino è tornato nei portafogli degli investitori internazionali. Affermando ciò non sto suggerendo che serva star fuori dai mercati, anche perché credo non sarebbe neppure possibile, con buona pace di chi crede il contrario.
    Phastidio.net
     
  6. 13 Agosto 2019
  7. fabriziof

    fabriziof New Member

    Registrato:
    15 Febbraio 2009
    Messaggi:
    32.287
    Seguo poco perchè ho solo una manciata di baires ,quel che sta avvenendo mi ricorda quel che avvenne parecchi anni fa in Brasile quando si capí che avrebbe vinto Lula,una fuga selvaggia dai tds ,la loro ripresa dopo le elezioni è uno dei miei più dolci ricordi :rolleyes:
     
    A m.m.f e IL MARATONETA piace questo messaggio.
  8. 13 Agosto 2019
  9. vitoandolini

    vitoandolini Mast del trading stretto

    Registrato:
    21 Settembre 2009
    Messaggi:
    596
    Personalmente sono supercapitalizzato, non perchè disponga di chissà che, ma sono quasi sempre liquido al 90 e rotti %
    Il fatto è che qui tra me e i fondi il rischio è asimmetrico (per dirla con Taleb) nel senso che se Argentina salta io perdo, loro invece se guadagnano sono in gain, se perdono il rischio lo scaricano su qualcun altro. E capisci che così siamo tutti bravi a diventare spericolati (con il cu.. i soldi degli altri)
    Quindi, da pesce piccolo, attendo che il mercato giri e se e quando lo farà ci metto pure uno stop loss; ovviamente è la mia idea, non è che devono essere tutti prudenti come me
     
  10. 13 Agosto 2019
  11. IL MARATONETA

    IL MARATONETA New Member

    Registrato:
    10 Febbraio 2011
    Messaggi:
    4.369
    Località:
    Siena
    La storia ci insegna che ai nostri tempi l'economia è la madre di tutte le battaglie. Se vuoi aiutare o sconfiggere un governo, puoi farlo con il debito. Anche il ribelle Tsipras è diventato agnello.
    Con questo intendo dire che indipendentemente dal governo che si formerà in argentina, la strada più lunga o più corta porterà nella stessa direzione.
    Oggi comanda chi ti presta i soldi!!!
     
    A Wallygo piace questo elemento.
  12. 13 Agosto 2019
  13. m.m.f

    m.m.f New Member

    Registrato:
    17 Luglio 2015
    Messaggi:
    5.107

    ...forse sarebbe il caso che la popolazione ,profondamente ignorante normalmente e anche peggio,in tematica finanziaria,dovrebbe imparare,qualcuno un giorno dovrà provare a farglielo capire (impossibile) ,che le riforme per dare i risultati hanno bisogno di tempi lunghi.Anni. Cambiando nuovamente governo torneranno punto e a capo e andranno a stare ancora peggio di prima.Questo è.Basta vedere da noi,la durata media di un goverrno mesi 12...
     
  14. 13 Agosto 2019
  15. m.m.f

    m.m.f New Member

    Registrato:
    17 Luglio 2015
    Messaggi:
    5.107
    Mà ,sè lo spettro (questo è) ha causato tutto questo,dovesse realmente vincere Fernandez, i prezzi dove vanno a 20? Il mercato nella realtà dei fatti sconta in anticipo sempre molto poco nei prezzi rispetto al consolidamento del evento nella realtà.
     
  16. 13 Agosto 2019
  17. Wallygo

    Wallygo money makes money

    Registrato:
    18 Maggio 2009
    Messaggi:
    2.599
    all inizio del 2009 le baires 8,5% 2017 te le tiravano dietro a carrellate a 25 su otc (personalmente ne approfittai ampiamente)...vi fu default? No.
    i prezzi vogliono dire tutto e niente il fattore k invece conta sempre tanto
     
  18. 13 Agosto 2019
  19. Owblisky

    Owblisky Compravendite mobiliari

    Registrato:
    24 Giugno 2016
    Messaggi:
    2.516
    Occupazione:
    Latitante
    Località:
    Umbria
    Il rischio c'è , e non sarebbe la prima volta.

    ARG.jpg
    Dimensioni reali 648 x 448 - Clicca sull'immagine per ingrandire
     

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 164)

  1. drbs315
  2. fabriziof
  3. lasagna
  4. iguanito
  5. Fabrib
  6. angy2008
  7. waltermasoni
  8. veltroni
  9. sempreinesperto
  10. IL MARATONETA
  11. Coche
  12. rockytamtam
  13. fedro10
  14. Onoff
  15. fabrifede
  16. Sottancamion
  17. Jsvmax79
  18. pietro17elettra
  19. qquebec
  20. anice
  21. m.m.f
  22. gualberto
  23. Omero
  24. Fra41
  25. marcob77
  26. Baffy
  27. miscio
  28. simoneimola
  29. mguanda
  30. locco68
  31. Near
  32. seneca
  33. babbuino68
  34. oldmouseit
  35. mpnk
  36. El Trinche
  37. Pandino66
  38. Lodys
  39. junior63
  40. Unterlander
  41. idomeneo1966
  42. xymon
  43. boscolo117
  44. acurefan
  45. ServizioClienti
  46. GLADIATOR100
  47. tommy03
  48. darklender
  49. nuvola nera
  50. neosephiroth86
  51. mac
  52. Cat XL
  53. Martilde
  54. gionmorg
  55. EdoF
  56. giofio
  57. Giringiro
  58. thesaurus
  59. Portovenere71
  60. maxinblack
  61. buttozzo
  62. sergiog
  63. zoroaster
  64. Brizione
  65. marc
  66. stefanofabb
  67. mabvlox
  68. Kartman
  69. Bixio60
  70. tommy271
  71. iuliano98
  72. ficodindia
  73. Solitario
  74. MARCO82
  75. vitoandolini
  76. Daee
  77. lupin70
  78. whitesoul9
  79. cpandrea
  80. enmontic
  81. matrix 64
  82. riky2013
  83. IsThe End
  84. duecent
  85. Siloso
  86. noname
  87. Leberna
  88. NoWay
  89. ginestra
  90. fabios61
  91. negusneg
  92. Jackrussel
  93. cristian2008
  94. giornalaio69
  95. Bzt
  96. Nemo trader
  97. mk79
  98. Checelamandibona
  99. Luca_niubbo
  100. russiabond
  101. Absolut
  102. gioyel
  103. nik.sala
  104. La Zanzara
  105. Sentenza
  106. Alex63
  107. londonwhale
  108. steff
  109. maxibond
  110. Ray Strapazzo
  111. gilles1
  112. StockExchange
  113. bulogna
  114. lader
  115. dulcamara
  116. Joe Silver
  117. Lambo
  118. man66
  119. biondorules
  120. AAA+
  121. italiano69
  122. Zuzzurellone
  123. 0cent
  124. Doc82
  125. dierre
  126. ferdo
  127. mrnovellino
  128. Maurizio Gugliotta
  129. mantegna
  130. lomellino
  131. matteotosi1985
  132. warren baffo
  133. Ipse dixit
  134. azetaelle
  135. cidar
  136. sparviero7000
  137. candythief
  138. sorry
  139. Maio72
  140. sterubb
  141. bia06
  142. archmax
  143. lagonzaga
  144. rob26y
  145. schei
  146. ACTTRD
  147. Dandst
  148. Satollo(sat)
  149. castellani
  150. valgri
  151. darkog
  152. frmaoro
  153. Ottoecinquanta
  154. arseniolupin
  155. Robert888
  156. Under_a_blood_red_sky
  157. peper
  158. excassettista
  159. Aragua
  160. giangi72
  161. belvedere68
  162. nonsolocopiaincolla
  163. spleen_780
  164. maxxmilan

Condividi questa Pagina