Titoli di Stato area non Euro ARGENTINA obbligazioni e tango bond (32 lettori)

Ventodivino

מגן ולא יראה
Registrato
8 Febbraio 2016
Messaggi
6.139

Fernandez (lame duck) parla a favore del Venezuela e di Cuba, Massa sta facendo l'esatto opposto.
 
Ultima modifica:

Ventodivino

מגן ולא יראה
Registrato
8 Febbraio 2016
Messaggi
6.139
Sopra 33 te le danno in testa...
C'è il tappo :cool:

Devi aspettare un po di mesi per vederle @ 34,99
Forse mi sono spiegato male .. io te ne do' subito 2 milioni a 34,99. (ora che le quotazioni sono calate da quando ti feci l'offerta potremmo mettere 34,49)
Prova a prenderne (non OTC) ora 2 milioni e vediamo se le prendi a 33.

Idem te ne compro due milioni a 31,51


PS
Pero' per 'ste cose sai dove trovarmi...
 

russiabond

Grazie Europa...
Registrato
9 Gennaio 2000
Messaggi
16.255
Località
Stato Estero
Forse mi sono spiegato male .. io te ne do' subito 2 milioni a 34,99. (ora che le quotazioni sono calate da quando ti feci l'offerta potremmo mettere 34,49)
Prova a prenderne (non OTC) ora 2 milioni e vediamo se le prendi a 33.

Idem te ne compro due milioni a 31,51


PS
Pero' per 'ste cose sai dove trovarmi...
Stacca cedola a breve... 1,69 netti
Resterà lì bloccata sotto 33

Poi vediamo post stacco se scende... No Stress

Sotto 30 si compra sopra 33 si vende ;)
 

frustrato

Nuovo forumer
Registrato
27 Marzo 2020
Messaggi
37
Buongiorno, volevo condividere con voi questa mia paura: le par 38 sono sempre state in mano ai retail, ce ne dovrebbero essere rimaste solo per 560 milioni in circolazione ed hanno una cac al 85%, pertanto abbiamo sempre pensato che non potranno mai raggiungere la percentuale necessaria alla ristrutturazione e, per chi ha quelle, speriamo addirittura che la prossima (ormai certa) ristrutturazione faccia un undercut importante per rendere poi sostenibile il debito Argentino con conseguente impennata delle nostre PAR 38.

Non concedendo però più le banche la possibilità ai retai di acquistarle (ma solo di venderle) e vedendo considerazioni che a 33 si vendono, ecc... siamo così sicuri che poi al prossimo giro di ristrutturazioni, la nostra par 38 sia ancora in mano in percentuali sufficienti ai retailer, che non aderendo alla ristrutturazione la salverebbero (visto che la sua immensa differenza rispetto agli altri titoli ristrutturati è proprio questa)?
 

LEMP

Nuovo forumer
Registrato
12 Novembre 2020
Messaggi
52
Per la prima volta da quando ricopre cariche pubbliche, Cristina Kirchner ha ascoltato una richiesta di condanna contro di lei in un caso di corruzione. La proposta è stata formulata dai pubblici ministeri Diego Luciani e Sergio Mola nell'ambito del processo per la presunta direzione dell'opera pubblica a favore di Lázaro Báez. Dopo nove udienze di accuse, hanno concluso che il vicepresidente era il capo dell'associazione illecita, cioè di quella "organizzazione criminale" che si dedicava "al furto di fondi pubblici" a beneficio di chi era il suo socio in affari. Per questo motivo, ha chiesto per lei una condanna a 12 anni di carcere e che fosse squalificata a vita dal ricoprire cariche pubbliche. Inoltre, la confisca dei beni e dei profitti prodotti da quel denaro è stata frodata allo Stato.

I pubblici ministeri hanno anche chiesto una condanna a 12 anni di carcere per Lázaro Báez, 10 anni per Julio de Vido, per José López e per l'ex capo di Vialidad Nelson Periotti; 6 anni di carcere per Mauricio Collareda e anche per Juan Carlos Villafañe; 5 anni di carcere per Raúl Daruich e Raúl Pavesi; 4 anni per Abel Fatala e José Raúl Santibañez; e 3 anni di carcere sospesi per Héctor Garro. Per quanto riguarda Carlos Santiago Kirchner, Luciani ha chiesto l'assoluzione per il reato di associazione illecita e 2 anni di carcere sospesi per amministrazione fraudolenta.

L'argomentazione di Luciani e Mola dinanzi al Tribunale federale orale 2 (TOF 2), composto dai giudici Rodrigo Giménez Uriburu, Jorge Gorini e Andrés Basso, si è conclusa questo lunedì dopo aver confermato l'esistenza di una "struttura statale fraudolenta, appalti truccati, furto di somme milionarie dallo Stato, un circuito illegale di arricchimento dell'uomo d'affari e, infine, una fase di riciclo a favore della coppia Kirchner".

In questo processo iniziato a maggio 2019 e che ha portato Cristina Kirchner ad essere seduta per la prima volta sul banco degli imputati, sono stati analizzati i 51 contratti stradali vinti dal Gruppo Austral per untotale di 46.000 milioni di pesos. Si trattava dell'80% dei contratti stradali che erano stati appaltati a Santa Cruz e che rappresentavano l'11% del bilancio generale della Vialidad Nacional.

Ci sono due numeri che l'ufficio del procuratore ha svelato a questo proposito: il patrimonio di Báez è cresciuto tra il 2004 e il 2015 del 12.000% e quello di Austral Construcciones, la sua azienda di punta, del 46.000%. Due fatti circondano queste cifre esorbitanti: l'azienda aveva come unico cliente lo Stato, e crescendo come imprenditore edile ha stipulato diciotto accordi commerciali con gli ex presidenti della sfera privata.

L'intera manovra, per la procura, costituiva "la più straordinaria matrice di corruzione che esistesse", e i responsabili "della sua installazione erano Néstor e Cristina Kirchner". Queste le parole di Diego Luciani quando ha iniziato la sua supplica il 2 agosto.

Da quel giorno e udienza dopo udienza, la Procura ha cercato di corroborare l'accusa centrale: la formazione di un'associazione illecita che era guidata dagli ex presidenti Néstor e Cristina Kirchner.

Lunedì, al termine delle sue argomentazioni, il procuratore Diego Luciani è stato categorico nell'affermare: "Siamo di fronte a un reato di estrema gravità, è probabilmente la più grande manovra di corruzione che si sia conosciuta nel Paese, in cui gli accusati -in una rigida divisione dei ruoli- hanno rubato fondi al Tesoro, adottando tutte le misure per eseguirli in totale impunità".

Concentrandosi sul funzionamento di questa struttura con ruoli definiti, ha aggiunto: "La corruzione era la regola e lo stato di diritto è rimasto indietro, e questo squilibrio deve essere corretto con una sentenza giudiziaria", a questo punto ha esortato i membri della Corte a emettere una sentenza esemplificativa. In altre parole, ha detto il procuratore, "oggi più che mai la società esige giustizia, nelle vostre mani signori giudici è per impedire l'ulteriore instaurazione di corruzione sistematica, avete il dovere di dare a ciascuno ciò che corrisponde e ripristinare la pace e l'ordine sociale". Continuò: "Questo è il momento; corruzione o giustizia".

La sua pretesa era quella di considerare riprovevole la condotta dei tredici accusati di aver "turbato l'ordine pubblico attraverso un'associazione illecita formata dalle massime autorità del Paese, guidata da Cristina Kirchner come capo e dai suoi principali ministri come organizzatori".

Come circostanza aggravante del funzionario dell'associazione illecita, la Procura della Repubblica ha dimostrato e quantificato il danno allo Stato a seguito dell'amministrazione infedele. È stato stabilito che per gli importi spesi nelle 24 opere abbandonate, le modifiche dei costi e delle scadenze su 39 contratti e la cartellizzazione nei lavori pubblici "il danno causato ammonta a 5.321 milioni di pesos, un equivalente di 1.000 milioni di dollari".

Sulla base di questa cifra, l'accusa ha chiesto la confisca e che i tredici imputati in solidarietà, affrontino i 1.000 milioni di dollari "che sono stati illegalmente rubati dalle casse dello Stato". Il pubblico ministero ha avvertito che questo importo, aggiornato, dovrebbe essere distribuito tra tutti gli imputati in base al loro grado di responsabilità, fino a quando non sarà raggiunto.

Dodici ex funzionari hanno agito in questa manovra di frode oltre a Lázaro Báez. Per questo motivo, il procuratore Luciani ha chiesto che, ad eccezione dell'uomo d'affari della Patagonia, tutti gli ex funzionari, tra cui Cristina Kirchner, "siano permanentemente squalificati dalla carica pubblica".

Nel valutare i fatti che aggravano l'accusa contro Cristina Kirchner, l'accusa ha analizzato "i crimini commessi e che il suo contributo è stato diretto e principale per la realizzazione dei crimini per i quali è accusata. Viene valutato il loro potere nei confronti degli altri imputati, la natura della condotta e dei mezzi utilizzati, il danno causato e le motivazioni, nonché il profitto personale ricercato".

Luciani ha interrogato la vicepresidente e ha detto che il suo comportamento "merita una riflessione sullo spostamento di qualsiasi tipo di scrupolo per ottenere un beneficio personale, il profitto di tutta la manovra". Ma è stato anche valutato in modo negativo "il disprezzo mostrato nei confronti dei cittadini per l'utilizzo di fondi pubblici per scopi personali" ha parlato dell'occasione di danno "ai cittadini di Santa Cruz in particolare -che non hanno visto quelle rotte concluse-, ai dipendenti di Austral Construcciones licenziati per nascondere la manovra".

Per i pubblici ministeri, la condizione di presidente della Nazione quando si sono verificati gli eventi è uno dei maggiori fattori aggravanti, dal momento che "ha violato tutto ciò per cui ha giurato di assumere e ha frodato la fiducia dei cittadini" e ha accusato Cristina Kirchner di usare la sua posizione "per ottenere il profitto finale. Ha dato priorità all'interesse personale rispetto all'interesse pubblico".

Nell'analizzare i possibili fattori attenuanti per ciascuno degli imputati, il pubblico ministero è stato esaustivo: "Non ne trovo nessuno prima dei crimini commessi". Fu così che le richiese una condanna a dodici anni come capo dell'associazione illecita e dell'amministrazione infedele.

Critiche ad Alberto Fernández
Nell'ultimo tratto della sua argomentazione, il procuratore ha risposto al presidente Alberto Fernández, che ha accusato di "condurre un'indebita interferenza nella magistratura" per aver sostenuto che "le decisioni sugli appalti pubblici non sono rivendibili nei tribunali". Luciani ha detto che "per difendere pueribilmente il suo compagno di corsa ha evitato di parlare dei fatti gravi trasmessi qui". "L'intera cittadinanza ha subito atti di corruzione", ha detto.

Infine, il procuratore ha risposto a un'argomentazione del vicepresidente, che ha sottolineato che la politica dei lavori pubblici non dovrebbe essere soggetta a revisione da parte della giustizia. "Con questa proposta cerca di mettere a tacere l'imperativa necessità di giudicare questi fatti e che la verità venga alla luce", ha detto, e ha anche fatto riferimento a "funzionari di questo governo che stanno screditando i casi criminali e la magistratura".

Luciani ha dedicato una sezione a Cristina Kirchner che, a suo avviso, "ha contestato questa Corte dicendo che la storia l'ha assolta, quando sa che nel diritto penale sono i giudici che devono garantire il rispetto delle regole. Sono i giudici che assolvono o meno".
 

diego1966

Nuovo forumer
Registrato
26 Febbraio 2020
Messaggi
120
Buongiorno, volevo condividere con voi questa mia paura: le par 38 sono sempre state in mano ai retail, ce ne dovrebbero essere rimaste solo per 560 milioni in circolazione ed hanno una cac al 85%, pertanto abbiamo sempre pensato che non potranno mai raggiungere la percentuale necessaria alla ristrutturazione e, per chi ha quelle, speriamo addirittura che la prossima (ormai certa) ristrutturazione faccia un undercut importante per rendere poi sostenibile il debito Argentino con conseguente impennata delle nostre PAR 38.

Non concedendo però più le banche la possibilità ai retai di acquistarle (ma solo di venderle) e vedendo considerazioni che a 33 si vendono, ecc... siamo così sicuri che poi al prossimo giro di ristrutturazioni, la nostra par 38 sia ancora in mano in percentuali sufficienti ai retailer, che non aderendo alla ristrutturazione la salverebbero (visto che la sua immensa differenza rispetto agli altri titoli ristrutturati è proprio questa)?
Scusa, ma ristrutturazione (ormai certa)...... dove lo hai visto? Lo hai sognato stanotte?
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 4, Guests: 28)

Alto