Titoli di Stato area non Euro ARGENTINA obbligazioni e tango bond (68 lettori)

breni

Nuovo forumer
Registrato
22 Novembre 2017
Messaggi
113
però sbaglio o dovrebbe poi decidere un giudice se si viola la logica del pari passu? Intendo dire, magari hai ragione e un giudice imporrà di non violarlo, ma intanto potrebbe passare molto tempo con alcuni titoli per i quali si trova l'accordo e si attivano le cac, altri per i quali non si trova...o no?
 

grilloparlante

Forumer attivo
Registrato
21 Febbraio 2020
Messaggi
206
però sbaglio o dovrebbe poi decidere un giudice se si viola la logica del pari passu? Intendo dire, magari hai ragione e un giudice imporrà di non violarlo, ma intanto potrebbe passare molto tempo con alcuni titoli per i quali si trova l'accordo e si attivano le cac, altri per i quali non si trova...o no?
Nessun creditore darebbe i suoi vecchi titoli per farsene dare di nuovi a condizioni peggiori e pure con il rischio che qualche holdout metta in discussione i titoli nuovi (cosa che gli houldouts con i Kbonds potrebbero fare con più che ragionevoli probabilità di successo).
Poi nella vita ci sta tutto e il contrario.
 

tommy271

Forumer storico
Registrato
16 Gennaio 2009
Messaggi
159.239
Località
Milanese
Premesso che l'accordo è a portata di mano ... dato che le differenze sono ancora ampie ma non incolmabili ... direi che l'Argentina può benissimo evitare i pagamenti mandando singolarmente in default i titoli man mano giungano a scadenza cedolare.
Prima che i tribunali inizino a condizionare i corsi dei titoli, possono passare altri sei mesi.
Sarà altro tempo utile per limare le differenze.

Se la porta con i bondholder resta aperta, non vedo particolari problemi per l'Argentina nel rimanere in selected default: sono cattivi pagatori e lo saranno anche dopo aver raggiunto un accordo.

A mio avviso lo scenario principale resta comunque quello di un accordo entro metà/fine giugno (il 2 è una data poco realistica).
 

qquebec

Super Moderator
Registrato
12 Febbraio 2009
Messaggi
9.248
Non avrebbe senso... restare in sd senza motivo..

penso che offriranno qualcosa meglio agli holdout fino ad arrivare alle cac
In questo caso la nuova offerta dovrebbe essere equiparata anche a quelli che hanno accettato. Gli costerebbe sicuramente di più. Tecnicamente l'Argentina adesso è in default, come lo fu nel 2001. Con la differenza che rispetto ad allora i tempi per un accordo sono maturi. Questo da un punto di vista puramente tecnico. Ora bisogna capire se, raggiunto l'accordo sullo swap i titoli esistenti (in default) non scambiati moriranno indipendentemente dalle CAC oppure no. Se le CAC non vengono raggiunte, il contratto, per legge, non può essere cambiato automaticamente anche per coloro che non aderiscono allo swap. Questo in teoria, ma in pratica come sarà? :mmmm::wall:
 

tommy271

Forumer storico
Registrato
16 Gennaio 2009
Messaggi
159.239
Località
Milanese
In questo caso la nuova offerta dovrebbe essere equiparata anche a quelli che hanno accettato. Gli costerebbe sicuramente di più. Tecnicamente l'Argentina adesso è in default, come lo fu nel 2001. Con la differenza che rispetto ad allora i tempi per un accordo sono maturi. Questo da un punto di vista puramente tecnico. Ora bisogna capire se, raggiunto l'accordo sullo swap i titoli esistenti (in default) non scambiati moriranno indipendentemente dalle CAC oppure no. Se le CAC non vengono raggiunte, il contratto, per legge, non può essere cambiato automaticamente anche per coloro che non aderiscono allo swap. Questo in teoria, ma in pratica come sarà? :mmmm::wall:

Poco, ma sicuro.
Senza l'attivazione delle CAC l'Argentina può procedere unicamente ad uno swap, dichiarando default ... proponendo poi uno scambio a livello unilaterale, con chi ci sta.
Gli altri si tengono in mano i titoli e passa la parola ai tribunali.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 6, Guests: 62)

Alto