1 domanda (1 Viewer)

Gennius

Banned
Registrato
12 Febbraio 2003
Messaggi
2.404
Località
Palermo
con 500 euro, mi conviene investire in un titolo in borsa, oppure acquistare un fondo comune?

la mia banca ha queste commissioni: 12 euro x ogni operazione in borsa, e 1,6% di spese di ingresso fondi e 1,4% di spese di gestione.

grazie anticipatamente.
 

put_man

Forumer attivo
Registrato
20 Agosto 2002
Messaggi
629
Località
Novara
Gennius ha scritto:
con 500 euro, mi conviene investire in un titolo in borsa, oppure acquistare un fondo comune?

la mia banca ha queste commissioni: 12 euro x ogni operazione in borsa, e 1,6% di spese di ingresso fondi e 1,4% di spese di gestione.

grazie anticipatamente.

una Settimana in Sardegna!


:p :p
 

tkopf

Nuovo forumer
Registrato
15 Aprile 2003
Messaggi
180
Gennius ha scritto:
con 500 euro, mi conviene investire in un titolo in borsa, oppure acquistare un fondo comune?

la mia banca ha queste commissioni: 12 euro x ogni operazione in borsa, e 1,6% di spese di ingresso fondi e 1,4% di spese di gestione.

grazie anticipatamente.
I FONDI SONO PER DEFINIZIONE "TRUFFE LEGALIZZATE",

SE LA BORSA SALE LORO SALGONO POCO E NEL FRATTEMPO TI HANNO MASSACRATO DI SPESE DI GESTIONE E CHIUSURA POSIZIONE.

SE LA BORSA SCENDE LORO PURE.

500 EURO SONO POCO PER TUTTO, SE PROPRIO DEVI CERCA NEL FORUM UN GRUPPO DI UTENTI CHE PARLANO DI UNO O POCHI TITOLI, PRENDI INFORMAZIONI, CERCA CONSIGLI E POI INVESTI SU UN TITOLO, UNO SOLO PERO', 500 EURO NON PUOI FRAMMENTARLI.

IN OGNI CASO, SE SEI UN NEOFITA DELLA BORSA, PREPARATI A PERDERE I TUOI 500 EURO. NON LO DICO PER DEPRIMERTI, E' LA BORSA CHE E' UNA GIUNGLA. LO CAPIRAI

QUALCHE CONSIGLIO: STUDIA COME UN MATTO LA SOCIETA' SU CUI INVESTI, STUDIA IL SETTORE DI APPARTENENZA, SEGUI L'ECONOMIA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, STUDIA L'ANALISI TECNICA E FONDAMENTALE, ATTENTO ALLE GUERRE, AL TERRORISMO E AGLI 11 SETTEMBRE. SE DOPO NON SEI DIVENTATO VECCHIO, ALLORA INVESTI IN BORSA. SE TUTTO QUESTO TEMPO NON LO HAI, ALLORA INFORMATI NEL FORUM COME DICEVO PRIMA.


PS. SONO POCHI ANNI CHE FREQUENTO LA BORSA, NEL FORUM C'E' GENTE 1000 VOLTE PIU' ESPERTA DI ME, SENTI LORO PER I TUOI INVESTIMENTI.

CIAO E IN BOCCA AL LUPO. :)
 

percefal

Utente Old Style
Registrato
4 Agosto 2002
Messaggi
7.836
Località
London
500 euro sono pochi per diversificare.
Se vuoi investire sul mercato azionario, meglio un fondo comune azionario globale.
Se vuoi investire in obbligazioni, meglio un fondo monetario.

In realtà la risposta deve necessariamente essere più complessa, in quanto non conosco i tuoi "orizzonti".

p.
 

bj

Forumer attivo
Registrato
18 Febbraio 2002
Messaggi
722
Conosco delle trattorie stupende con 25 euro, quindi ci stanno 20 cene come dico io, con annesso vino e limoncino. :) :) :) :) :) :)


Scherzi a parte, se vuoi cominciare a interessarti della borsa, fai bene a non buttare tutto il gruzzolo in un solo titolo, e con 500 dovresti farlo, quindi ahimè non resta altro che un fondo azionario. Non ti aspettare però gran chè.
 

Gennius

Banned
Registrato
12 Febbraio 2003
Messaggi
2.404
Località
Palermo
tkopf ha scritto:
Gennius ha scritto:
con 500 euro, mi conviene investire in un titolo in borsa, oppure acquistare un fondo comune?

la mia banca ha queste commissioni: 12 euro x ogni operazione in borsa, e 1,6% di spese di ingresso fondi e 1,4% di spese di gestione.

grazie anticipatamente.
I FONDI SONO PER DEFINIZIONE "TRUFFE LEGALIZZATE",

SE LA BORSA SALE LORO SALGONO POCO E NEL FRATTEMPO TI HANNO MASSACRATO DI SPESE DI GESTIONE E CHIUSURA POSIZIONE.

SE LA BORSA SCENDE LORO PURE.

500 EURO SONO POCO PER TUTTO, SE PROPRIO DEVI CERCA NEL FORUM UN GRUPPO DI UTENTI CHE PARLANO DI UNO O POCHI TITOLI, PRENDI INFORMAZIONI, CERCA CONSIGLI E POI INVESTI SU UN TITOLO, UNO SOLO PERO', 500 EURO NON PUOI FRAMMENTARLI.

IN OGNI CASO, SE SEI UN NEOFITA DELLA BORSA, PREPARATI A PERDERE I TUOI 500 EURO. NON LO DICO PER DEPRIMERTI, E' LA BORSA CHE E' UNA GIUNGLA. LO CAPIRAI

QUALCHE CONSIGLIO: STUDIA COME UN MATTO LA SOCIETA' SU CUI INVESTI, STUDIA IL SETTORE DI APPARTENENZA, SEGUI L'ECONOMIA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, STUDIA L'ANALISI TECNICA E FONDAMENTALE, ATTENTO ALLE GUERRE, AL TERRORISMO E AGLI 11 SETTEMBRE. SE DOPO NON SEI DIVENTATO VECCHIO, ALLORA INVESTI IN BORSA. SE TUTTO QUESTO TEMPO NON LO HAI, ALLORA INFORMATI NEL FORUM COME DICEVO PRIMA.


PS. SONO POCHI ANNI CHE FREQUENTO LA BORSA, NEL FORUM C'E' GENTE 1000 VOLTE PIU' ESPERTA DI ME, SENTI LORO PER I TUOI INVESTIMENTI.

CIAO E IN BOCCA AL LUPO. :)
grazie tkopf x i tuoi suggerimenti, ma che ne pensi dei covered warrant?

grazie!
 

tkopf

Nuovo forumer
Registrato
15 Aprile 2003
Messaggi
180
Gennius ha scritto:
tkopf ha scritto:
Gennius ha scritto:
con 500 euro, mi conviene investire in un titolo in borsa, oppure acquistare un fondo comune?

la mia banca ha queste commissioni: 12 euro x ogni operazione in borsa, e 1,6% di spese di ingresso fondi e 1,4% di spese di gestione.

grazie anticipatamente.
I FONDI SONO PER DEFINIZIONE "TRUFFE LEGALIZZATE",

SE LA BORSA SALE LORO SALGONO POCO E NEL FRATTEMPO TI HANNO MASSACRATO DI SPESE DI GESTIONE E CHIUSURA POSIZIONE.

SE LA BORSA SCENDE LORO PURE.

500 EURO SONO POCO PER TUTTO, SE PROPRIO DEVI CERCA NEL FORUM UN GRUPPO DI UTENTI CHE PARLANO DI UNO O POCHI TITOLI, PRENDI INFORMAZIONI, CERCA CONSIGLI E POI INVESTI SU UN TITOLO, UNO SOLO PERO', 500 EURO NON PUOI FRAMMENTARLI.

IN OGNI CASO, SE SEI UN NEOFITA DELLA BORSA, PREPARATI A PERDERE I TUOI 500 EURO. NON LO DICO PER DEPRIMERTI, E' LA BORSA CHE E' UNA GIUNGLA. LO CAPIRAI

QUALCHE CONSIGLIO: STUDIA COME UN MATTO LA SOCIETA' SU CUI INVESTI, STUDIA IL SETTORE DI APPARTENENZA, SEGUI L'ECONOMIA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, STUDIA L'ANALISI TECNICA E FONDAMENTALE, ATTENTO ALLE GUERRE, AL TERRORISMO E AGLI 11 SETTEMBRE. SE DOPO NON SEI DIVENTATO VECCHIO, ALLORA INVESTI IN BORSA. SE TUTTO QUESTO TEMPO NON LO HAI, ALLORA INFORMATI NEL FORUM COME DICEVO PRIMA.


PS. SONO POCHI ANNI CHE FREQUENTO LA BORSA, NEL FORUM C'E' GENTE 1000 VOLTE PIU' ESPERTA DI ME, SENTI LORO PER I TUOI INVESTIMENTI.

CIAO E IN BOCCA AL LUPO. :)
grazie tkopf x i tuoi suggerimenti, ma che ne pensi dei covered warrant?

grazie!

Pultroppo, oltre a tutte le difficoltà prima dette, sui CW per di più c'è un forte fattore di maniipolazione dello strumento nel senso che se con un titolo rischi di perdere forte, con i CW rischi anche di perdere tutto.

CONSIGLIO FINALE: i tuoi 500 euro sono pochi anzi pochissimi, allora fai una cosa, dammi retta, trova su uno dei tanti siti di borsa un portafoglio virtuale su cui cominciare ad impostare ordini virtuali di compravendita, poi entra in un forum e chiedi consigli su come aprire posizioni; quindi comincia ad aprire posizioni virtuali inventandoti una certa disponibilità per esempio 10000 euro. Concentrati su pochi pochissimi titoli in modo che potrai dopo un po a conoscerli, continua a frequentare il/i forum. col passere del tempo potrai constatare , virtualmente, quanto è bastarda la borsa, però senza avere perso una lira vera. Se prima o dopo riuscirai a portare il tuo portafoglio virtuale in attivo ( gain) allora vorrà dire che sei diventato bravino e quindi potrai cominciare ad usare soldi veri.

Ricordati che con 10000 è relativamente più facile entrare od uscire dal mercato che con 500 euro in quanto le commissioni in valore assoluto diventano più significative sui piccoli importi.

Dammi retta aspetta ad usare soldi veri; se poi vuoi fare da subito qualche esperimento sulle tue capacità ( e la perdita di parte dei 500 euro non ti crea grossi problemi) allora provaci ed amen, dopo tutto sono solo "500 euro".

:)
 

tkopf

Nuovo forumer
Registrato
15 Aprile 2003
Messaggi
180
Da www.cobraf.com

27 July 16:19

Ho letto questa settimana il libro Il Risparmio Tradito" del prof. Beppe Scienza
arrivato ora alla quarta ristampa su cui occorre tenere vivo l'interesse, distribuendolo anche ad amici e parenti.

Quasi tutti quelli che conosco spendono tre ore a scegliere una lavatrice, un sabato intero per decidere su un motorino, alcuni giorni per comprare un garage e mezzora-massimo un ora per consegnare 100 o 200mila mila euro di risparmi in pasto a un "fondo sviluppo high growth ducato" un "pac", una "unitel linked", un prodotto "a capitale garantito".

Invece è bene che usino due ore per leggere sotto l'ombrellone (dato che è molto chiaro) il libro di Scienza che dimostra che il risparmio gestito è una macchina mangia soldi (come ripete sempre Der Spiegel, la più importante rivista tedesca che evidentemente riesce a essere indipendente nonostante gli inserzionisti, una "GeldVernichtungmachine", letteralmente "Macchina-Distruggi-Denaro", bello il tedesco quando deve esprimere concetti di devastazione)

La cosa impressionante è vedere per 200 pagine di seguito elencate le falsificazioni, distorsioni e le pure e semplic bugie del Sole24, GenteMoney, Il Mondo, Il Corriere della sera ecc... impaginate ogni settimana di ogni mese delll'anno per spingere i loro lettori verso le braccia del risparmio gestito.

Dato che Scienza è un professore specializzato su questo tema e dato che chiama in causa la credibilità e serietà professionale di decine di esperti e testate economiche penseresti che un qualche dibattito il suo libro lo dovesse creare in Italia con i vari esperti economici del corriere o il Sole, Class financial Network o Bloomberg TV.

Invece tutti zitti a fare finta di niente, contando sul fatto che dato che tutti gli esperti seguono lo stesso copione come con il Miniculpop sia sufficiente isolare col silenzio e lasciare ai margini il dissidente in modo che poca gente lo noti. La stessa tecnica che usavano negli ultimi anni dell'URSS quando non avevamo più la forza di metterli in manicomio.

L'unico punto debole del libro è che insiste che il pubblico può fare sempre meglio dei professionisti il che è verissimo sulla base dei fondi e gestioni italiane degli ultimi 15 anni, ma è una nozione che va contro il buon senso per il quale in tutti i mestieri occorre comunque una specializzazione.

Chi vende fondi, sgr, sicav, pac, unit linked fa leva su questo dato di buon senso : "... se sei ammalato vai dal medico,.. se devi risolvere problemi legali o fiscali dall'avvocato o commmercialista... e se devi gestire i risparmi vai da chi lo fa di mestiere!..

Vero, i professionisti esistono e la specializzazione è utile
ma non in un sistema chiuso alla concorrenza come quello attuale in Italia. Leggere il prossimo pezzo sugli Hedge Fund
 

tkopf

Nuovo forumer
Registrato
15 Aprile 2003
Messaggi
180
DA www.cobraf.com


27 July 15:49

Il 97% (NOVANTASETTE PER CENTO) degli "Hedge Fund" internazionali ha fatto meglio dell'indice S&P negli ultimi tre anni.

Il 97%. Pausa di riflessione per ponderare un attimo questo dato.

Andiamo avanti. Come noto invece circa il 90% dei fondi comuni, gestioni patrimoniali e Sicav vendute in Italia ha fatto peggio dell'indice S&P 500 (usiamo l'S&P 500 come riferimento perchè è l'indice internazionale che ha fatto meglio negli ultimi anni, sicuramente molto meglio del Mibtel italiano o Dax tedesco o Nikkei giapponese).

E' vero quindi come ripetono i giornali e i promotori CHE I PROFESSIONISTI FANNO MEGLIO DEL PUBBLICO. Dipende quali.

Assumendo che il pubblico non essendo esperto compri delle azioni a caso, in media otterrà più o meno quanto l'indice generale del listino, su questo tutti possiamo essere d'accordo. Ma i dati sui rendimenti delle gestioni di diverso tipo indicano che oltre l'80% dei fondi, sicav, sgr e altri prodotti del risparmio gestito fanno PEGGIO dell'indice generale. E in media fanno MOLTO PEGGIO, con differenziali anche di 50 punti percentuali su periodi di oltre cinque anni (vedi "IL Risparmio Tradito").

I professionisti che fanno meglio dell'indice generale e quindi anche del pubblico sono altrove, negli Hedge Fund internazionali.

Questa differenza di rendimnento è attribuibile al fatto che i fondi "hedge" possono andare al ribasso e quindi fanno meglio per definizione quando il mercato è negativo ?

No, perchè fondi comuni fanno comunque sempre peggio del pubblico: ad es in media dal 2-1-1995 al 3-1-2000, quindi quando il mercato era toro e quindi i fondi comuni azionari erano avvantaggiati perchè il loro mandato è essere al rialzo su azioni, (vedi "il Risparmio Tradito" pag 65, tabella n. 6):
- le azioni americane in media hanno reso il +310% in questi 6 anni di mercato al rialzo
- la media dei fondi specializzati sull'america venduti in italia invece ha reso il +187%,
- una differenza di 123 punti percentuali o se volete -123 milioni di lire in meno su 6 anni avendone investito 100 milioni nel 1995!.

Conclusione: comprando un paniere di azioni a caso in media si ottiene un risultato vicino alla media del listino, e di conseguenza si guadagnavano 123 milioni in più che non investendo tramite il "risparmio gestito"
(sempre parlando in media, ovvio che se uno comprava solo tre titoli a caso poteva ottenere un risultato molto diverso dal listino).

Ma questo disastro è quello che offrono le banche italiane.
Cambiano ora pianeta. Barron's di oggi riporta i dati aggiornati sugli hedge fund internazionali con almeno 20 milioni in gestione. Leggete bene perchè sono dati impressionanti, anni luce distanti da quelli del "risparmio gestito" italiano:

1) L' 89.4% degli hedge fund internazionali ha guadagnato nell'ultimo anno e l'80% ha fatto meglio dell'indice S&P (che è l'indice internazionale che ha fatto meglio nel mondo, per cui praticamente il 99% ha fatto meglio del Mibtel ad esempio)

2) il 97% (NOVANTESETTE PER CENTO) degli hedge fund internazionali ha reso più dell'indice S&P negli ultimi tre anni ! (il quale a sua volta ha fatto meglio degli indici europei)

3) In America sulla base di questi risultati aumenta di continuo la quota che i fondi pensioni, le università e gli enti e governi locali e il pubblico stesso alloca agli hedge fund a spese dei fondi comuni e il limite per investirvi è sceso a 25mila dollari

4) in Italia sarebbero ammessi in teoria dal 2001 gli "hedge fund", ma in realtà sono fasulli. In media fanno ogni anno +2% o -2% perchè presumibilmente si limitano a mettere tutto in Bot e poi a comprare con gli interessi delle opzioni. In ogni caso appartengono tutti al solito circuito bancario che ha già i fondi comuni, sicav, sgr, unit linked ecc... e in ogni caso il limite per investirvi è 1 milione di euro
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto