Voucher lavoro, SMS attivazione: obbligo e tracciabilità

E' ufficiale: l'attivazione dei voucher lavoro richiede un sms preventivo. Ecco la regola

di , pubblicato il
E' ufficiale: l'attivazione dei voucher lavoro richiede un sms preventivo. Ecco la regola

E’ arrivata l’attesa novità sui voucher lavoro: l’attivazione preventiva è subordinata all’invio di SMS da parte del committente.

Voucher lavoro: regole per l’attivazione

Come si può leggere in Gazzetta Ufficiale n. 235 del 7 ottobre 2016, il decreto legislativo n. 185 del 24 settembre 2016, correttivo del jobs Act, ha previsto che il committente renda noti almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione (e non più quindi entro trenta giorni successivi), alla sede territoriale competente dell’Ispettorato nazionale del lavoro, tramite sms o posta elettronica, i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo, il giorno e l’ora di inizio e di fine della prestazione.

In caso di trasgressione si rischia una sanzione da 400 a 2.400 euro per ogni prestatore. Non sono ammesse comunicazioni in formato cartaceo.

Questa novità ha reso i voucher lavoro ufficialmente tracciabili in modo da contrastare il lavoro in nero.

Voucher lavoro ed esenzioni dall’obbligo di comunicazione

L’obbligo di comunicazione non è previsto per gli enti pubblici, le attività non commerciali, le famiglie e il lavoro domestico.
Per quanto riguarda il lavoro agricolo occorre comunicare i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore relativi all’utilizzo in un arco di tempo fino a tre giorni, ma non anche i dati relativi ad inizio e fine della prestazione.

Per tutto quello che c’è da sapere sui buoni Inps leggi la guida voucher lavoro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.