VOUCHER BABY SITTER

Voucher baby sitter Inps, ecco cosa sapere

La riforma del lavoro Fornero ha previsto i voucher per pagare la baby sitter o un contribuo per la retta dell'asilo nido, che sono stati chiariti nel recente Forum Lavoro 2013

Condividi su
Seguici su
di Alessandra Caparello, publicato il
La riforma del lavoro Fornero ha previsto i voucher per pagare la baby sitter o un contribuo per la retta dell'asilo nido, che sono stati chiariti nel recente Forum Lavoro 2013

Voucher baby sitter e pagamento della retta per l’asilo nido oggetto di chiarimenti in occasione del Forum Lavoro 2013.

 Voucher baby sitter nella riforma Fornero

E’ stata la legge n. 92 del 2012, la legge di riforma del mercato del lavoro del ministro Fornero ha cambiato radicalmente volto al vecchio bonus bebè che ora viene sostituito con i buoni lavoro o voucher per servizi di baby sitter o contributi per pagare l’asilo nido.

 Voucher baby sitter, chi può fruirne e chi no

A poter accedere al beneficio in questione sono le madri lavoratrici, anche adottive o affidatarie, lavoratrici autonome o dipendenti, iscritte alla Gestione separata Inps. Sono invece escluse le lavoratrici esentate totalmente dal pagamento della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati convenzionati e quelle che usufruiscono già dei benefici di cui al Fondo per le Politiche relative ai diritti ed alle pari opportunità istituito con l’art.19, comma 3, del decreto legge 4 giugno 2006, n.223, convertito dalla legge 4 agosto 2006, n.248.

  Importo  massimo del beneficio

L’importo dei voucher per pagare la baby sitter o il contributo per la retta dell’asilo nido è di 300 euro al mese, erogabile per massimo 6 mesi e divisibile per frazioni mensili intere, intendendo per tale un mese continuativo di congedo che potrà essere collocato a piacere, singolarmente o in successione, purché nell’ambito degli undici mesi successivi al termine del periodo di congedo di maternità. La fruizione del beneficio in questione è ridotta per le lavoratrici iscritte alla Gestione separata Inps  che passa da 6 a 3 mesi.

 Voucher baby sitter, come fare domanda

La madre deve fare apposita domanda telematica di accesso al beneficio in questione direttamente all’Inps che redige apposita graduatoria degli ammessi, tenendo conto dell’Isee. Se la lavoratrice viene ammessa, potrà ritirare presso la sede Inps provinciale competente i buoni cartacei per il servizio di baby sitter, in un’unica soluzione oppure mensilmente.

Condividi su
Seguici su
Argomenti: voucher baby sitter

One Response

  1. […] La legge di riforma del lavoro Fornero, la legge n. 92 del 2012 ha sostituito il bonus bebè con il voucher per servizi di baby sitting o per pagare la retta dell’asilo nido, di importo pari a 300 euro al mese per un massimo di 6 mensilità, concesso comunque in alternativa al congedo parentale per figli fino a 3 anni di età. Si veda Voucher baby sitter Inps, ecco cosa sapere […]