Visite mediche e fatture: nel Casertano l’evasione nel 2011 ha raggiunto il 100%

Nel mirino anche avvocati e commercialisti, ma la vera sorpresa è stato il settore della sanità, dove il 100% dei medici privati non rilasciava fattura.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Nel mirino anche avvocati e commercialisti, ma la vera sorpresa è stato il settore della sanità, dove il 100% dei medici privati non rilasciava fattura.

Nel clima di sensibilizzazione all’evasione fiscale lasciano perplessi i dati resi noti dalla Guardia di Finanza e relativi ad un’indagine condotta lo scorso anno tra le attività commerciali di Caserta e provincia.

 

Evasione fiscale a Caserta

Ammontano a 3360 le violazioni fiscali (su 5000 accertamenti eseguiti): solo a Caserta e provincia l’iva evasa ha raggiunto quota 36 milioni (per circa 200 milioni di reddito oscurato alla tassazione) ed è difficile credere che si tratti di un caso isolato in Italia anche se quello di Caserta è un record non certo edificante.

Al termine dei controlli coordinati dal colonnello Vincenzo Amendola sono state 231 le persone denunciate per reati fiscali tra cui falsa fatturazione, frode fiscale o e mancata dichiarazione dei redditi (5 sono state arrestate mentre 94 risultavano del tutto sconosciute al Fisco). L’indagine ha coinvolto diversi settori e attività pubbliche e private.

 

100% delle evasioni nel settore sanità

Ma i dati più sconvolgenti riguardano quello sanitario: il 100% delle verifiche negli studi medici privati ha palesato il non rilascio della fattura al termine di una prestazione. Va precisato, per completezza di informazione, che il campione esaminato per quanto riguarda la sanità privata è stato molto ristretto. 10 studi sono stati oggetto di verifica: ciò non toglie peraltro che in tutti e dieci non sono state rilasciate fatture e che questo dato non può essere considerato solo una casualità. La media delle irregolarità nel complesso si attesta comunque ad un poco rassicurante 80%. I controlli non si fermeranno certamente al Rapporto 2011: sotto il mirino soprattutto i professionisti, non solo medici ma anche avvocati, commercialisti etc. I controlli si muovono su più piani: oltre a quelli diretti, compiuti da agenti in borghese, saranno messi a confronto i dati delle dichiarazioni dei redditi con i beni di lusso posseduti e registrati, soprattutto automobili. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.