Visita fiscale e fasce di reperibilità, il medico deve indicare la patologia invalidante

Visita fiscale e fasce di reperibilità, il medico deve indicare la patologia invalidante per poter avere l'esonero secondo la normativa vigente.

di , pubblicato il
visita fiscale

Fasce di reperibilità per la visita fiscale dei dipendenti pubblici e privati, molti i dubbi su quando è possibile essere esonerati. Tali dubbi sono nati da varie sentenze sull’argomento e sulla patologia per depressione. I giudici in vari casi hanno ritenuto che il lavoratore affetto da patologie depressive, se il medico specialista, prescriveva che era importante ai fini curativi  che il paziente uscisse di casa, questi poteva non attenersi alle fasce di reperibilità.

Visita Fiscale e fasce di reperibilità: i chiarimenti Inps

In virtù alle vari sentenze e per chiarire l’inserimento del codice “E” sul certificato, l’ente ha emanato un messaggio in cui definisce in modo chiaro quali sono le casistiche riconosciute ai fini dell’esonero delle fasce di reperibilità. L’ente, non ha in nessun modo considerato le varie sentenze della Corte di Cassazione, quindi resta in vigore la normativa vigente. Ricordiamo che le sentenze non sono legge. Analizziamo quando è possibile chiedere l’esonero delle fasce di reperibilità rispondendo ad un quesito di un nostro lettore:

Buongiorno, ho letto un suo articolo su Internet riguardo la malattia. Volevo farle una domanda, con la patologia, disturbo di adattamento con ansia ed umore depresso e la dicitura a fini terapeutici il pz deve uscire dal proprio domicilio scritto nel certificato medico dal neurologo, posso uscire senza subire sanzioni da parte dell’Inps e della azienda dove lavoro? Di mestiere sono un autoferrotranviere. Grazie.

Esonero e fasce di reperibilità

Le fasce di reperibilità della visita fiscale si differenziano se dipendenti privati o pubblici, la suddivisone è operata nel modo seguente:

  • dipendenti privati: ore 10.00 – 12.00 /17.00 – 19.00;
  • dipendenti pubblici: ore  09.00 – 13.00 /15.00 – 18.00

Secondo le linee guida Inps possono essere esonerati dalle fasce di reperibilità i dipendenti pubblici e privati che si trovano in particolari situazione, ed esattamente:

Per i dipendenti pubblici:

  • nel caso di patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • quando dipende da infortunio sul lavoro
  • malattie accertate per causa di servizio riconosciuta (patologie rientranti nella Tabella E)
  • stati patologici connessi alla patologia invalidante pari o superiore al 67%

Per i dipendenti privati

  • nel caso di patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • quando dipende da infortunio sul lavoro
  • stati patologici connessi alla patologia invalidante pari o superiore al 67%

L’Inps ha chiarito ad ottobre con un messaggio, che non può essere indicato nessun codice sul certificato, le uniche possibilità di esonero sono quelle sopra elencate.

Il certificato riporta tre caselle tra cui anche quella da barrare per stati patologici connessi alla patologia invalidante.

Su questo punto viene chiarito che non basta avere una patologia invalidante con una percentuale del 67%, le disposizioni Inps elencano quali sono le patologie che rientrano in questa voce e quali sono gli stati patologici che danno diritto all’esenzione.

Riassumendo, in risposta al nostro lettore, se la sua patologia è depressiva e si trova in una delle categorie sopra elencate, il medico può chiedere l’esonero barrando la casella apposita e indicando nelle note la patologia e il motivo dell’esonero.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,