Visita fiscale e fasce di reperibilità, decurtazione di 10 giorni, posso fare ricorso?

Visita fiscale e fasce di reperibilità, se il lavoratore risulta assente, l'azienda applica la decurtazione dei giorni di malattia, è possibile fare ricorso?

di , pubblicato il
visita fiscale

Visita fiscale e fasce di reperibilità: Salve, ho letto i vostri articoli riguardanti la visita fiscale dell’INPS. Vorrei chiedere se posso avere qualche carta buona per un eventuale ricorso. In gennaio 2018 mi sono rotto il tendine di Achille sul lavoro e automaticamente sono finito sotto INAIL. Il 31 luglio 2018, fregandosene del mio stato di salute, l’ INAIL mi ha chiuso la pratica.

Ho fatto ricorso la prima settimana di agosto e sperando in un qualcosa di veloce, mi sono” fumato ” le mie ferie residue. A metà settembre sono andato sotto INPS. Ho poi compilato il modulo dove dichiaro di provenire da INAIL per infortunio sul lavoro, che mi trovo in INPS per chiusura pratica INAIL, che ho il ricorso(tuttora) in corso ecc… Morale: dopo 10 giorni é venuta la visita, senza essermene accorto, in quanto probabilmente è stato il momento in cui ero solo in casa e sotto la doccia. Trovata la lettera, il giorno seguente sono andato alla visita. Ho raccontato tutto ma mi è arrivata la raccomandata che dice che mi decurteranno i primi 10 giorni. Secondo voi posso tentare un ricorso? Non sono ammalato, sono lì per colpa di INAIL. Grazie mille e scusate il “tomo” della email. Buona serata.

Malattia: assente alla visita fiscale

L’Inps ha redatto una guida per i lavoratori che si trovano in malattia e devono rispettare le fasce di reperibilità per la visita fiscale di controllo. Nella guida viene analizzato come si deve comportare il lavoratore nel caso di assenza alla visita. Viene chiarito che se il lavoratore è assente alla visita medica di controllo domiciliare, viene invitato al lavoratore un avviso a presentarsi presso gli ambulatori dell’Inps documentando il motivo della sua assenza. Il lavoratore deve giustificare in modo chiaro perchè non era presenta alla visita.

Lei, può fare ricorso, ma dovrà giustificare il motivo, stare sotto la doccia o non aver sentito bussare alla porta, anche se vero, non sono motivi attendibili. Le consiglio di consultare il suo avvocato.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.


Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.