Violazione segreto bancario: i dati acquisiti possono essere utilizzati dal Fisco

I dati acquisiti con la violazione del diritto bancario possono essere utilizzati dal Fisco.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
I dati acquisiti con la violazione del diritto bancario possono essere utilizzati dal Fisco.

Con la sentenza 16950 del 19 agosto 2015 la Corte di Cassazione, in seguito alle ordinanze 8605 e 8606 del 28 aprile 2015, ha ammesso l’utilizzo dei dati bancari trafugati da dipendenti di istituti bancari in violazione al segreto bancario.   I dati in oggetto, poi acquisti dalle autorità fiscali degli altri Stati membri dell’UE possono essere utilizzati dal Fisco italiano.   Dopo l’accoglimento, da parte della Ctr di Bolzano dell’appello di un contribuente, era stato annullato le riprese dell’Agenzia delle Entrate relative a imposte e sanzioni collegate ad attività finanziarie detenute all’estero. L’Agenzia delle Entrate proponeva, quindi, un ricorso alla sentenza che dichiarava inutilizzabili i dati contenuti nella documentazione bancaria trafugata da un funzionario di una banca estera poi divulgata in altri Stati dell’Ue. L’articolo 191 del codice di procedura penale, infatti, prevede che prove acquisiti in violazione della legge non siano ammissibili nei processi.   Il ricorso dell’Agenzia delle Entrate è stato accolto dalla Corte di Cassazione che ha legittimato i dati provenienti da autorità straniera grazie alla direttiva 77/799/Ce che stabilisce che gli Stati debbono scambiarsi ogni informazione utile per il corretto accertamento delle imposte su reddito e patrimonio per evitare l’evasione fiscale a livello comunitario.   Le violazioni commesse nell’acquisizione dei dati in questione non si riversano sulla legittimità dell’atto tributario a meno che l’acquisizione non sia avvenuta in violazione di una norma tributaria o in violazione di un diritto fondamentale di rango costituzionale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.