Versamento non giustificato: la banca può chiudere il conto corrente?

La banca può chiudere il conto corrente unilateralmente? Non è una bufala ma può accadere solamente ad alcune specifiche e ridotte condizioni.

di , pubblicato il
La banca può chiudere il conto corrente unilateralmente? Non è una bufala ma può accadere solamente ad alcune specifiche e ridotte condizioni.

Ora che pagare in contanti e toccare banconote fa paura, vorrei depositare tutti i risparmi che tengo in casa sul conto corrente mio e di mio marito ma lui teme che la Banca possa creare problemi. Addirittura dei conoscenti ci hanno messo in guardia sul rischio che possano chiuderci il conto. A me sembra assurdo. Che cosa ne pensate?

Cerchiamo di fare chiarezza sulla possibilità per la banca di chiudere un conto corrente senza consenso del titolare e, dunque, unilateralmente. In astratto ciò è possibile (il recesso vale per entrambe le parti contraenti) ma, è bene saperlo onde evitare allarmismi, accade solo in alcune specifiche fattispecie (e comunque previa comunicazione al correntista).

Quando la banca può chiudere il conto corrente: le ipotesi

La fattispecie primaria che viene in mente è il conto in rosso e/o dormiente.

Tra gli altri scenari possibili segnaliamo:

  • mancata restituzione di un fido concesso dalla banca;
  • indagini della GdF o della magistratura per evasione e riciclaggio o altri reati finanziari;
  • versamenti cospicui sul conto non giustificati e non figuranti nella dichiarazione dei redditi.

Quest’ultima ipotesi ci riporta al quesito della lettrice che ci ha contattato. Non esiste una risposta univoca o un limite preciso oltre il quale scatta tale rischio.

Leggi anche:

Quali interessi sono maturati alla chiusura conto corrente: come calcolarli

Argomenti: ,