Versamenti Unico 2012: scade domani la terza rata

Versamenti Unico 2012. Domani la terza rata, più gli interessi allo 0,56% per le persone fisiche non titolari di partita Iva, che hanno effettuato il primo versamento entro il 9 luglio scorso

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Versamenti Unico 2012. Domani la terza rata, più gli interessi allo 0,56% per le persone fisiche non titolari di partita Iva, che hanno effettuato il primo versamento entro il 9 luglio scorso
Domani scade la terza rata per il pagamento delle imposte derivanti da Unico

Versamenti Unico 2012. In scadenza domani, 31 agosto 2012, il pagamento delle imposte derivanti dall’Unico 2012, per le persone fisiche non titolari di partita Iva, che hanno scelto il pagamento a rate.

 Versamenti Unico 2012: la scadenza di domani

 Il 9 luglio 2012 era il primo termine per effettuare il versamento delle imposte e dei contributi derivanti dal modello Unico  2012. Pagamento imposte anche entro il 20 agosto scorso pagando una maggiorazione dello 0,40 per cento. La scadenza di domain 31 agosto 2012 riguarda tutti quei contribuenti che hanno effettuato il primo versamento entro il 9 luglio, e devono ora versare la terza rata delle imposte risultanti dalla dichiarazione Unico 2012, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,56%. La data di domani riguarda anche i contribuenti che hanno effettuato il primo versamento entro lo scorso 20 agosto con la maggiorazione dello 0,40% e devono ora provvedere al pagamento della seconda rata, applicando gli interessi dello 0,11%.

Versamenti Unico 2012:  quali imposte sono interessate dalla scadenza

I versamenti derivanti dall’Unico 2012 riguardano, tra gli altri, il versamento Irpef, l’acconto e l’addizionale regionale e comunale, nonché il versamento Ivie, l’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, una sorta di Imu estera, insieme al versamento dell’imposta sostitutiva su plusvalenza per cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificati.

Versamento F24

Il pagamento dei versamenti in oggetto deve essere effettuato utilizzando il modello F24 presso banche, agenzie postali e concessionari oppure con modalità telematiche.

 Di seguito vi riportiamo un modello F24 compilabile per eseguire tali versamenti:

 –  Versamenti Unico 2012. Il modello F24

 Codici tributo F24

E’ importante anche conoscere i codici tributo con cui effettuare i versamenti derivanti dall’Unico 2012. Di seguito vi riportiamo proprio l’elenco di questi codici tributo da indicare nell’apposita sezione del modello F24.

 Versamenti Unico 2012: i codici tributo

–  4001    Irpef – saldo
– 4033    Irpef acconto – prima rata
– 1668    interessi per pagamento dilazionato – imposte erariali
– 3801    addizionale regionale all’Irpef
– 3805    interessi per pagamento dilazionato – tributi regionali
– 3844    addizionale comunale all’Irpef – autotassazione – saldo
– 3843    addizionale comunale all’Irpef – autotassazione – acconto
– 3857    interessi per pagamento dilazionato – tributi locali
– 1683    contributo di solidarietà
– 4200    acconto imposte sui redditi soggetti a tassazione separata
– 1100    imposta sostitutiva su plusvalenza per cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate
– 4041    imposta sul valore degli immobili situati all’estero
– 4043    imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero
– 4040    imposta sui redditi derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio
– 1832    imposta sostitutiva dovuta dai partecipanti a fondi immobiliari chiusi che al 31/12/2010 detenevano una quota superiore al 5%
– 1133    imposta sostitutiva per l’affrancamento dei valori degli strumenti finanziari posseduti al di fuori dell’esercizio d’impresa commerciale alla data del 31/12/2011
 

 Sui versamenti Unico 2012 potrebbe interessarti anche:

Unico 2012: la rateizzazione delle imposte

Unico 2012: come richiedere il rimborso delle imposte

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Redditi e Dichiarazioni, Tasse e Tributi