Versamenti IVA: allarme imprese per lo split payment

Imprese mobilitate contro gli effetti dello split payment: le ultime

di , pubblicato il
Imprese mobilitate contro gli effetti dello split payment: le ultime

Continua il malcontento tra le Associazioni imprenditoriali per lo split payment introdotto dalla legge di Stabilità 2015, ovvero la scissione dei pagamenti Iva alle imprese fornitrici della Pa. Negli ultimi giorni è un susseguirsi di petizioni, ricorsi alla Corte Costituzionale e missive alla Commissione europea.

Split payment, cosa prevede e possibili conseguenze

La misura negli intenti si inserisce in un’ottica di lotta all’evasione fiscale. Tuttavia, come ha ribadito da ultimo il presidente Ance Paolo Buzzetti, questo meccanismo rischia di danneggiare pesantemente le aziende riducendo la liquidità in un momento già critico di credit crunch (con una perdita stimata di 230 milioni) e allungando i tempi di pagamento da parte dello Stato. Questa mancanza di liquidità potrebbe spingere le imprese a chiedere prestiti alle banche. In sostanza infatti con lo split payment gli enti pubblici pagano direttamente l’Iva all’erario (in altre parole i pagamenti della PA vengono fatti già al netto dell’Iva). Molti i punti in comune con lo strumento del reverse charge, ovvero l’inversione dell’Iva, che però i pagamenti tra privati in alcuni settori specifici, tra cui l’edilizia, le pulizie e la grande distribuzione. E del resto le due mis

Argomenti: ,