Bonus auto elettrica: quale agevolazione per la wallbox portatile?

Il bonus opera esclusivamente per le spese documentate relative all’acquisto e alla posa in opera delle infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica

di , pubblicato il
Il bonus opera esclusivamente per le spese documentate relative all’acquisto e alla posa in opera delle infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica

Sono arrivati diversi questi in redazione riguardanti la possibilità di ottenere la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto della colonnina di ricarica portatile, wallbox portatile, per le auto elettriche.

Vediamo quello che dice la norma e se ci sono delle novità in merito.

Le agevolazioni per le colonnine di ricarica, wallbox

Per l’acquisto delle colonnine di ricarica delle auto elettriche, c.d wallbox, è prevista una specifica agevolazione, ex art.16-ter, D.L. 63/2013.

Nello specifico, la norma agevola le spese tracciabili, sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. Incluse le opere strettamente funzionali alla realizzazione dell’intervento, spetta una detrazione dall’imposta lorda, fino a concorrenza del suo ammontare, pari al 50 per cento delle spese stesse.

La detrazione spetta anche per i costi iniziali legati all’aumento di potenza impegnata del contatore dell’energia elettrica, fino ad un massimo di 7 KW.

In base a quanto dice la norma, ripresa nella circolare n°7/2021, le infrastrutture di ricarica devono essere dotate di uno o più punti di ricarica di potenza standard  ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. d) e h), decreto legislativo 16 dicembre 2016, n. 257.

Si deve, dunque, trattare di un punto di ricarica:

  • di potenza standard che consente il trasferimento di elettricità a un veicolo elettrico, di potenza pari o inferiore a 22 KW, esclusi i dispositivi di potenza pari o inferiore a 3,7 KW, che sono installati in abitazioni private o il cui scopo principale non è ricaricare veicoli elettrici e che non sono accessibili al pubblico;
  • non accessibile al pubblico, vale a dire: installato in un edificio residenziale privato o in una sua pertinenza, riservato esclusivamente ai residenti;
  • oppure destinato esclusivamente alla ricarica di veicoli in servizio all’interno di una stessa entità, installato all’interno di una recinzione dipendente da tale entità;
  • oppure installato in un’officina di manutenzione o di riparazione, non accessibile al pubblico.

La detrazione sale dal 50% al 110%, se l’installazione è effettuata congiuntamente ad uno dei lavori trainanti ammessi al superbonus 110.

Ci sono agevolazioni per le wallbox portatili?

In base alla ricostruzione fatta finora, l’attuale norma non prevede la detrazione per l’acquisto di una stazione di ricarica portatile.

Infatti, il bonus opera esclusivamente per le spese relative all’acquisto e alla posa in opera delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, inclusi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino a un massimo di 7 kW.

La colonnina di ricarica portatile non è agevolabile.

Argomenti: ,