Usufrutto e locazione: differenze e obblighi

Contratto di locazione e usufrutto cosa sono, definizione, differenze e obblighi da rispettare dell'usufruttuario e del conduttore.

di , pubblicato il
Contratto di locazione e usufrutto cosa sono, definizione, differenze e obblighi da rispettare dell'usufruttuario e del conduttore.

In questo articolo vediamo quali sono le differenze tra locazione e usufrutto. Entrambe sono istituti giuridici che permettono l’uso del bene in oggetto ma a ciascuna coincide una distinta divisione di poteri e di obblighi tra le parti.

Contratto di locazione e usufrutto cosa sono

La locazione è un contratto consensuale e ad effetti obbligatori nel quale il locatore garantisce il godimento di un bene a favore del locatario o conduttore per un periodo preciso e dietro pagamento di un corrispettivo o canone. Una volta finito il contratto, il conduttore è tenuto a restituire il bene ricevuto nello stesso stato in cui l’ha trovato. Salvo diverse disposizioni, il contratto di locazione non può eccedere i 30 anni. Il locatore ha anche degli obblighi: consegnare il bene in buono stato, mantenere il bene in condizioni ottimali affrontando le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria e tutelare il conduttore. Quando si parla di locazione di beni immobili le spese per la manutenzione della cosa locata sono a carico del locatore, mentre le piccole spese devono essere affrontate dal conduttore, così come le spese di ordinaria amministrazione.

Gli obblighi del conduttore sono: restituire il bene locato nelle stesse condizioni in cui viene dato, senza però contare il deterioramento usuale dovuto all’uso, pagare il canone e usare con diligenza il bene.

L’usufrutto, invece, è un diritto reale sulla cosa altrui, che può essere mobile o immobile e si fonda per volontà della legge o dell’uomo o tramite usucapione. In questo caso l’usufruttuario ottiene il diritto di adoperare e far propri i frutti della cosa e di conseguenza limita il proprietario e i suoi diritti che si trasforma in nudo proprietario. Parlando della durata dell’usufrutto, questa è valida per l’intera durata di vita dell’usufruttuario. Quest’ultimo può: godere della cosa e fare propri i frutti naturali e civili della cosa, ad esempio può a sua volta dare in locazione un bene, rispettando la destinazione economica. Tra gli obblighi dell’usufruttuario ci sono: la restituzione della cosa entro il termine stabilito, la custodia e l’amministrazione della cosa.

Parlando di spese, a carico dell’usufruttuario ci sono quelle relative all’ordinaria manutenzione, le imposte caricanti sul reddito e gli oneri incombenti sulla proprietà. In sintesi al proprietario può cambiare la destinazione economica della cosa e può anche vendere il bene.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,

I commenti sono chiusi.