Tributaristi, bene intervenire sulle scadenze dei ruoli ma serve un’adeguata riforma fiscale

Non si possono solo posticipare le scadenze delle cartelle, ma servirebbe una riforma fiscale che intervenga sul sistema delle sanzioni e della rateizzazione.

di , pubblicato il
Non si possono solo posticipare le scadenze delle cartelle, ma servirebbe una riforma fiscale che intervenga sul sistema delle sanzioni e della rateizzazione.

Con il comunicato stampa del 28 gennaio 2021, L’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) accoglie positivamente la notizia dell’intervento annunciato dal Ministro dell’economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, in merito alla scadenza dei ruoli del prossimo 1° febbraio.

Al tempo stesso, però, l’Istituto evidenza che “non si possono più solo posticipare le scadenze delle cartelle, intervenendo oltretutto sempre in emergenza al limite delle scadenze stesse”. A tal proposito, servirebbe una riforma fiscale che intervenga sul sistema delle sanzioni e della rateizzazione.

Riforma Irpef, il parere dei tributaristi

Riccardo Alemanno, il presidente dell’Istituto Tributaristi Italiani (INT), nella stessa nota, fa sapere che gli stessi tributaristi, sulla riforma dell’Irpef, hanno già predisposto “una memoria e delle ipotesi di rimodulazione delle aliquote tra i vari scaglioni di reddito oltre ad alcune modifiche sulla compensazione dei crediti IRPEF ed ipotizzando anche una possibile modalità di reperimento di fondi per la riduzione della pressione fiscale”.

“Solo attraverso coraggiose e profonde riforme del sistema fiscale, della giustizia e del lavoro in tutte le sue modalità, che non guardino agli interessi di parte ma esclusivamente all’interesse generale e su cui lo Stato deve investire i fondi europei”, spiega il presidente dell’INT, Riccardo Alemanno, si potrà dare il via ad una effettiva ripresa economica e sociale del Paese”.

Lo stesso Istituto ha inoltre predisposto altre ipotesi di modifica sia in tema semplificazione e stabilità normativa, sia con interventi specifici dalla tecnica legislativa alla maggiore applicazione dello Statuto del contribuente, dalla liberalizzazione delle compensazioni alla riforma del sistema sanzionatorio.

Articoli correlati

Argomenti: ,