Trasportatori: deduzioni forfetarie per spese non documentate riconfermate con il decreto di agosto

In virtù dell’incremento delle risorse disposto grazie al decreto di agosto, le misure agevolative relative alle deduzioni forfetarie per spese non documentate a favore degli autotrasportatori nel 2020 sono fissate in misura pari a quelle stabilite per l’anno precedente.

di , pubblicato il
In virtù dell’incremento delle risorse disposto grazie al decreto di agosto, le misure agevolative relative alle deduzioni forfetarie per spese non documentate a favore degli autotrasportatori nel 2020 sono fissate in misura pari a quelle stabilite per l’anno precedente.

Ai sensi dell’articolo 84 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 (cosiddetto decreto di agosto): “L’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 150, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, e’ incrementata di 5 milioni di euro per l’anno 2020. Tali risorse sono destinate ad aumentare la deduzione forfettaria, per il medesimo anno, di spese non documentate a favore degli autotrasportatori di cui all’articolo 1, comma 106, della legge 23 dicembre 2005, n. 266. Al relativo onere si provvede ai sensi dell’articolo 114”.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con una nota del 18 agosto 2020, rende noto che, in virtù dell’incremento delle risorse disposto grazie all’articolo sopra citato, le misure agevolative relative alle deduzioni forfetarie per spese non documentate (articolo 66, comma 5, primo periodo, del TUIR) a favore degli autotrasportatori nel 2020 sono fissate in misura pari a quelle stabilite per l’anno precedente.

Deduzioni forfettarie per spese non documentate a favore degli autotrasportatori

Ai sensi dell’articolo articolo 66, comma 5, primo periodo, del Tuir, per le imprese autorizzate all’autotrasporto di merci per conto di terzi, il reddito determinato è soggetto alle seguenti deduzioni:

  • Per i trasporti personalmente effettuati dall’imprenditore oltre il comune in cui ha sede l’impresa ma nell’ambito della regione o delle regioni confinanti spetta una deduzione forfetaria per spese non documentate nella misura di 48 euro, che spetta una sola volta per ogni giorno di trasporto, indipendentemente dal numero dei viaggi;
  • Per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore all’interno del Comune in cui ha sede la ditta spetta la deduzione di cui sopra viene ridotta del 65% (16,8 euro).

Tale deduzione va riportata nei quadri RF e RG dei modelli Redditi Pf 2020 e Redditi Sp 2020 utilizzando nel rigo RF55 i codici 43 e 44 e nel rigo RG22 i codici 16 e 17, riferiti, rispettivamente, alla deduzione per i trasporti interni al Comune e a quella per i trasporti oltre tale ambito.

Articoli correlati

Incentivi per gli autotrasportatori: ecco di cosa si tratta

Aumento accise diesel per finanziare nuovi Ecobonus, l’obiettivo è a saldo zero

Argomenti: ,