Trasferirsi all’estero per defiscalizzare la pensione: ecco perchè i pensionati Italiani scelgono la Tunisia

Ecco perché sempre più pensionati italiani decidono di trasferirsi in Tunisia per avere una pensione più alta.

di , pubblicato il
Ecco perché sempre più pensionati italiani decidono di trasferirsi in Tunisia per avere una pensione più alta.

Molti sono i pensionati italiani che per maturare una pensione più alta e meno tassata decidono di trasferirsi all’estero, soprattutto in questi anni in cui riforme pensioni e riforme fiscali hanno tartassato sempre di più questa categoria di contribuenti.

Le pensioni erogate all’estero negli ultimi 9 anni sono aumentato in modo significativo a causa della defiscalizzazione dell’assegno trasferendo la propria residenza all’estero. Trasferendo la residenza, infatti, grazie ai trattati stipulati dall’Italia contro la doppia imposizione fiscale. , l’assegno pensionistico sarà tassato nel Paese di destinazione. Nei Paesi esteri, però la tassazione del reddito da pensione è molto più favorevole che in Italia e proprio per questo molti pensionati hanno scelto la strada di trasferire la propria residenza per incrementare il proprio reddito.

Nella scelta del paese estero in cui trasferirsi, sono molte le considerazioni da fare, prima fra tutte, però, le regole fiscali locali ma anche l’onere che porterebbe l’acquisto in una residenza in loco. In alcuni Paesi per ottenere la residenza è necessario depositare su conti correnti locali svariate migliaia di euro per dimostrare la propria autosufficienza economica. Questi Paesi, quindi, non rappresentato un luogo adatto per i pensionati italiani dai redditi medio bassi. I pensionati Inps possono scegliere di trasferirsi in 128 Paesi del mondo per la defiscalizzazione della pensione, mentre per i pensionati ex Inpdap il ventaglio dis celta è molto meno vasto e limitato ad Australia, Tunisia, Senegal e Cile. Gli ex Inpdap, che ovviamente possono trasferirsi ovunque vogliono, otterrebbero la defiscalizzazione della propria pensione solo nei 4 Paesi elencati.

Proprio per questo motivo sempre più pensionati italiani prendono in considerazione  l’ide adi trasferirsi in Tunisia, un Paese abbastanza vicino all’Italia che offre un basso costo della vita e un clima mite tutto l’anno.

A questo, poi, si aggiunge il fatto che a partire dal 2007 la Tunisia ha sancito un abbattimento della tassazione dell’80% per i redditi da pensione dei cittadini di vari Paesi (compresa l’Italia). La tassazione sulla pensione, quindi, è solo sul 20% del reddito. Per pensioni di 10mila euro lordi l’anno, ad esmepio, saranno tassati solo 2mila euro. Con le aliquote correnti in Tunisia questo significa una tassazione di 229 euro l’anno, una pressione fiscale bassissima se confrontata con quella italiana. Se a questo aggiungiamo che il costo della vita in Tunisia è pari a circa metà di quello che abbiamo in Italia, è chiaro che la convenienza per i pensionati italiani è molta.

Argomenti: ,