Tradimento, cosa succede se l’investigatore privato dimostra l’infedeltà?

Come si dimostra un tradimento in causa di separazione? Cosa succede se uno dei due coniugi presenta il dossier dell'investigatore privato che dimostra l'infedeltà?

di , pubblicato il
Come si dimostra un tradimento in causa di separazione? Cosa succede se uno dei due coniugi presenta il dossier dell'investigatore privato che  dimostra l'infedeltà?

Tradimento, non basta il dossier di un investigatore privato a provare l’infedeltà di uno dei due coniugi. Una recente sentenza del Tribunale di Roma, la numero 5125 del 2016, ha stabilito i limiti entro i quali i dossier degli investigatori privati sono ammissibili.

Per addebitare, quindi, i costi della separazione al marito o alla moglie traditori i modi sono sempre più difficili.

Come dimostrare il tradimento?

Non possono essere utilizzati gli sms trovati sul telefonino del coniuge, a meno che il cellulare non sia stato lasciato dal cellulare in casa senza protezione. L’accesso alle chat o all’email del coniuge senza permesso costituisce reato di violazione della privacy. Il dossier dell’investigatore privato da solo non basta.

E allora come si fa a dimostrare un tradimento? Ci vorrebbero dei testimoni che abbiamo visto l’adulterio con i propri occhi, fatto molto poco probabile.

Quando si ricorre all’investigatore privato bisogna tener conto che non è un soggetto pubblico e quello che attesta di aver visto, anche se riportato nel suo dossier non ha alcun valore e non costituisce una prova. Per superare il problema l’investigatore deve essere chiamato a deporre come testimone davanti al giudice poichè, si presuppone, che sotto giuramento dica la verità. Anche in caso di deposizione però, non valgono ipotesi o presupposti, il testimone deve essere stato testimone oculare ed aver visto l’adulterio.

Investigatore privato: video e foto

In un dossier di un investigatore privato possono esserci anche foto e video che testimoniano l’adulterio ma queste possono essere ammesse come prova soltanto se non sono contestate dalla controparte. Difficile credere che l’avvocato difensore non attacchi tali prove sull’attendibilità e la veridicità (soprattutto se i soggetti non sono ben inquadrati e nella foto non è specificata data e luogo dell’evento).

Il dossier di un investigatore privato, quindi, non vale come prova testimoniale davanti al giudice in una causa di separazione.

Leggi anche: Matrimonio, quando dal “SI” si passa al “Tradimento”?

Argomenti: ,