Tracciabilità pagamenti: sanzioni più alte per i trasgressori

Libretti al portatore con saldo sopra i 1000 euro sconteranno una sanzione dal 20 al 30% del saldo del libretto.

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Libretti al portatore con saldo sopra i 1000 euro sconteranno una sanzione dal 20 al 30% del saldo del libretto.
Più stringenti le sanzioni per chi non rispetta i nuovi limiti imposti per la traccibailità pagamenti

 Tracciabilità pagamenti e nuovi limiti a quelli in contanti più stringenti grazie alle nuove misure che intende adottare prossimamente il Governo tecnico, sia grazie ad un decreto integrativo del decreto legislativo n. 141 del 2012, in relazione al credito al consumo, sul tavolo delle trattative, sia con il recente decreto sviluppo 2012 parte seconda, con cui è intervenuto sulla tracciabilità dei pagamenti e l’incentivo all’uso della moneta elettronica.

Tracciabilità pagamenti più stretta per i cambiavalute

Partendo dal decreto Sviluppo bis, la cui versione definitiva è stata approvata dal Consiglio dei Ministri venerdì scorso e in attesa di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, si prevede il nuovo limite di 2.500 euro per i cambiavalute, in deroga all’ordinario limite di 1.000 euro. Il Decreto modifica anche il sistema sanzionatorio, stabilendo un aumento delle sanzioni minime per i libretti al portatore con saldo pari o superiore a 1.000 euro dal 20% al 30% del saldo del libretto stesso.

Tracciabilità pagamenti: le sanzioni per libretti di deposito

D’altra parte si segnala anche l’aumento delle sanzioni amministrative pecuniarie previste in caso di violazioni antiriciclaggio in tema di libretti di deposito bancari e postali al portatore. In particolare nei casi di saldo dei libretti di deposito, sia bancari che postali, al portatore con importo pari o superiore a 1000 euro, la sanzione applicata va dal minimo del  20 al 30% del saldo del libretto al portatore.

Aumentano le sanzioni

Sanzioni queste che trovano applicazioni  in caso di mancata estinzione al 31 marzo scorso del libretto di deposito, bancario o postale, con salso superiore a 1000 euro o in caso di mancata riduzione del saldo, dei libretti bancari o postali al portatore con saldo pari o superiore a mille euro, nonché per il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore qualora sia stata omessa la comunicazione da parte del cedente alla banca o alle Poste italiane entro il termine di 30 giorni.

Tracciabilità pagamenti e assegni non trasferibili

Nuovi limiti pagamenti in contanti si riflettono sugli assegni bancari e postali trasferibili emessi per importi pari o superiori a 1000 euro, per gli assegni bancari e postali emessi all’ordine del traente e per gli assegni circolari, vaglia postali e cambiari. Se vengono emessi tali assegni per importi sopra i 1000 euro, la sanzione minima è di 3000 euro. Si pensi così all’emissione di un assegno trasferibile, di cui non si indica il beneficiario, di importo pari a 1.500 euro: la sanzione minima che verrà irrogata è pari a 3mila euro.

 

Sulla tracciabilità pagamenti potrebbe interessarti anche:

Prestazioni sanitarie, via i contanti arrivano i pagamenti tracciabili

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Pagamento in contanti

I commenti sono chiusi.