Titolari partita Iva, tutte le scadenze fiscali di gennaio 2013

La pressione fiscale strangola l’imprenditoria: ecco le date nere del calendario delle imposizioni della Cgia

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
La pressione fiscale strangola l’imprenditoria: ecco le date nere del calendario delle imposizioni della Cgia

Titolari partita Iva occhio alle scadenze fiscali del mese di gennaio 2013.

Messo da parte, per il momento, il pagamento dell’Imu, per i titolari partita iva e gli imprenditori italiani non è ancora giunto il momento di tirare un sospiro di sollievo. Il 2013 si apre con ben 15 scadenze fiscali solo nel mese di gennaio. E a febbraio diventeranno 16. Il ‘calendario delle imposizioni’ per i titolari partita Iva, stilato dalla Cgia non lascia molta speranza alla crescita economica delle piccole e medie imprese e senza dubbio scoraggia potenziali investitori stranieri. Gli artigiani di Mestre sono molto sfiduciati: «Se si tiene conto del peso economico della burocrazia, pari a circa 26,5 miliardi di euro all’anno, del costo che devono sostenere le imprese per pagare le tasse, quasi 3 miliardi di euro all’anno, e del carico fiscale che sfiora ormai il 69% circa dell’utile aziendale per chi vuole fare impresa il 2013 si presenta denso di ostacoli».

Titolari partita Iva, scadenze fiscali di gennaio 2013

Vediamo in rassegna tutte le scadenze fiscali dei titolari partita Iva per questo mese di gennaio.

1)Comunicazione nel Mod 730 del sostituto di imposta e della disponibilità  a prestare facoltativamente  l’assistenza fiscale ai propri sostituiti.

2) Versamento ritenute Irpef dei dipendenti e collaboratori.

3) Versamento contributi previdenziali e assistenziali dei dipendenti e collaboratori.

4) Versamento liquidazione Iva relativa al mese precedente.

5) Istanza di Rimborso o di compensazione Iva infrannuale 4° Trimestre.

6) Versamento imposta sulla pubblicità.

7) Versamento diritto sulle pubbliche affissioni.

8) Versamento Tosap.

9) Canone RAI.

10) Elenchi Intrastat contribuenti tenuti alla presentazione mensile o trimestrale.

11) Comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati contenuti nelle Dichiarazioni di Intento relative agli acquisti o prestazioni confluiti nella liquidazione Iva.

12) Trasmissione telematica all’Anagrafe tributaria, da parte dei fabbricanti di misuratori fiscali e dei laboratori di verificazione periodica abilitati, dei dati identificativi delle operazioni di verificazione periodica relativi al IV trimestre dell’anno precedente.

13) Presentazione all’Inps del modello Uniemens.

14) Comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni Iva con operatori economici con sede in Paesi a fiscalità agevolata; invio mensile relativo al mese o trimestre precedente.

15) Tassa automobilistica per veicoli con scadenza periodo di validità nel mese di dicembre.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Partita Iva