Tirocini retribuiti a 400 euro al mese. La svolta?

Presente nella bozza delle linee guida del Ministero sui tirocini retribuiti un compenso minimo. Finisce l'era selvaggia degli stage gratis?

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Presente nella bozza delle linee guida del Ministero sui tirocini retribuiti un compenso minimo. Finisce l'era selvaggia degli stage gratis?
Al via i tirocini retribuiti, basta stage gratuiti e massacranti

Tirocini retribuiti in azienda. Dovrà essere garantito un minimo di rimborso spese, pari ad almeno 400 euro. A stabilirlo la bozza sulle linee guida sui tirocini delineata dal Ministero del Welfare, in discussione alla Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni.

 Sono uno su due i tirocini retribuiti in Italia. Compenso pari a zero euro nel 52,4% dei casi, secondo l’ultimo studio curato dall’Isfol, l’Istituto per lo sviluppo della formazione dei lavoratori. I giovani laureati e non molto spesso per entrare nel mondo del lavoro si ritrovano impigliati nei vari stage offerti dalle aziende e nei tirocini obbligatori per accedere alla professione. Il tutto completamente gratis. Lavoro a pieno ritmo, zero retribuzione. Una generazione perduta e sfruttata da chi cerca manodopera ma non paga. Basta: ora ci saranno i tirocini retributi.

 Tirocini retribuiti nella riforma del lavoro

 Già la riforma del lavoro Fornero aveva messo mano al tirocinio retribuito, prevedendo il riconoscimento di una congrua indennità, anche  forfettaria, per la prestazione svolta. Il compenso deve essere fissato entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge con un documento che metta d’accordo governo e Regioni. I 180 giorni scadono alla fine di gennaio e l’intesa sulle linee guida sembra a buon punto. Il via libera da parte della Conferenza Stato-Regioni dovrebbe arrivare nella prima riunione dopo le feste, probabilmente il 24 gennaio. Staremo a vedere. Stop anche alla durata infinita del tirocinio. Quello standard deve durare 6 mesi, quello di reinserimento, per cassaintegrati e disoccupati, non più di un anno, e quello per i disabili non deve superare il limite di tempo massimo di due anni.

 Compenso minimo 400 euro

 Ora la novità assoluta che segna una svolta nell’era degli stage, è il compenso minimo per il tirocinio. Tirocini retribuiti ad almeno 400 euro al mese, ma ogni regione potrà decidere in autonomia, non andando mai al di sotto però di questa soglia. Non è certo una somma che aiuta a sopravvivere in una società dove l’affitto di una stanza in una media città supera anche le 300 euro. Ma è pur sempre un passo in avanti che può, in minima parte, gratificare il tirocinante delle ore di lavoro passate in azienda o allo studio, al pari di un qualsiasi altro dipendente, senza però ricevere una lira, pardon un euro.

Tirocini retribuiti al Tesoro?1 euro l’ora

 Potremmo finalmente finirla di vedere notizie come quella degli ultimi giorni di tirocini retribuiti al Ministero dell’economia, pagati, udite udite, 1 euro all’euro, messi in palio per neolaureati e laureandi. Se lo fa il Ministero di offrire cifre del genere, figuriamoci un privato che ha tutte le scusanti, vista la crisi e la disoccupazione in crescita. Che il vento stia cambiando?

 

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti:

 

 Stage non retribuiti diventano illegittimi: compenso minimo fissato a 400 euro

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lavoro e Contratti