Testamento olografo: il nipote ha diritto all’eredità?

Testamento olografo: il nipote ha diritto all’eredità nel caso di una zia deceduta che ha lasciato tutti i suoi beni al coniuge?

di Chiara Lanari, pubblicato il
Testamento olografo: il nipote ha diritto all’eredità nel caso di una zia deceduta che ha lasciato tutti i suoi beni al coniuge?

Parliamo di testamento e nel dettaglio, se il nipote ha diritto all’eredità della zia defunta. Il caso in questione è quello di un nipote che vuole rivendicare la sua parte di eredità in caso di zia deceduta, sposata in regime di separazione dei beni ma senza figli, che tramite testamento olografo ha lasciato tutti i suoi beni al coniuge. Come funziona in questi casi?

Successione legittima

Nel caso in questione non potendo sussistere le regole della successione legittima, ovvero se la zia non avesse fatto testamento al marito, a questo sarebbero spettati i due terzi del patrimonio mentre al fratello della defunta, ovvero al padre del nipote al centro della questione, tutto il resto. Il soggetto però ha fatto testamento al coniuge e quindi non sussistono le condizioni delle successioni legittime ma quelle testamentarie.

Queste prevedono che una quota legittima sia riservata al coniuge, figli e ascendenti del defunto e solo questi potranno operare con le azioni di riduzione, dove le quote a loro assegnate dalla legge apparissero intaccate da ordinamenti testamentari a favore di altri soggetti. In sintesi con questa procedura, per il fratello la legge non riserva nessuna quota di eredità e in questo caso specifico, essendo il soggetto defunto senza figli, metà del patrimonio è riservata al marito e l’altra metà può essere attribuita a chiunque.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Diritto di famiglia, Testamento