Terremoto Emilia: bollette sospese fino al 30 novembre

Nell'iter di conversione in legge del decreto sul terremoto Emilia si proroga la sospensione delle bollette dal 30 settembre al 30 novembre 2012

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Nell'iter di conversione in legge del decreto sul terremoto Emilia si proroga la sospensione delle bollette dal 30 settembre al 30 novembre 2012

Sospensione bollette acqua, luce e gas, imposte dirette ed Imu. Queste le novità e conferme del decreto post terremoto Emilia, dopo il voto di fiducia di ieri alla Camera.

 

In votazione finale oggi il decreto sul terremoto dell’Emilia e  molte sono le novità che devono essere segnalate.

 

Terremoto Emilia: niente bollette fino al 30 novembre

Si parte dallo stop alle bollette di acqua, gas e luce. Dopo una prima sospensione individuata al 30 settembre prossimo, lo stop dovrebbe prolungarsi in verità fino al 30 novembre. Due mesi in più quindi.

 

Terremoto Emilia: esenzione Imu

Si conferma l’esenzione temporanea dalle imposte sui redditi e l’esenzione Imu per tutti quei fabbricati situati nelle zone colpiti dal terremoto, sempre che siano essi distrutti o oggetto di ordinanza di sgombero perché inagibili. Altre misure inserite dalla commissione di merito  riguardano l’esenzione dall’imposta di bollo per le istanze presentate alla Pubblica amministrazione fino al 31 dicembre di quest’anno, il 2012.

 

 

Fondo rotativo  imprese 

Al fine di consentire la ripresa dell’economia in una regione che è il fiore all’occhiello del made in Italy, si prevede l’attivazione del cosiddetto Fondo rotativo imprese, per un ammontare di risorse pari a 25 milioni di euro. Il Fondo servirà ad aiutare quelle imprese che hanno subito danni alle loro sedi operative in seguito ai disastrosi terremoti del 20 maggio e del 29. Basti pensare alle aziende produttrici di parmigiano che in pochi istanti hanno visto crollare un patrimonio.

 

Terremoto Emilia: lavoratori autonomi

Altre misure fiscali degne di nota sono quelle riguardanti i lavoratori autonomi e i titolari di reddito di impresa che hanno cessato l’esercizio delle attività, in seguito al terremoto dell’Emilia, perchè residenti nelle zone colpite. Per questi si prevede la possibilità di compensare, per gli anni 2012 e 2013, le somme dovute a titolo di imposte dirette con i crediti non prescritti, certi, liquidi e esigibili, che vantano nei confronti sia dello Stato che della Pubblica amministrazione.

 

Terremoto Emilia: locazioni immobili

Novità anche nel settore edile, dove si segnala una nuova disciplina delle locazioni di quegli immobili situati in zone colpite dal sisma, nonché in zone confinanti. Proroga anche dei termini di validità dei titoli abilitativi edilizi che sono stati rilasciati in periodo precedente.

 

Sullo stesso argomento ti potrebbero interessare:

Terremoto Emilia: le lettere dell’Agenzia delle entrate non arriveranno a Modena e Ferrara

Terremoto Emilia: nessuna sospensione per il versamento delle ritenute

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi