Tende da sole, zanzariere e grondaie: quando può spettare il bonus 110

Per le tende da sole con sistema di schermatura, per le zanzariere ed anche per le grondaie, ecco quando può spettare il superbonus 110%. Facciamo chiarezza tra lavori trainanti ed interventi trainati.

di , pubblicato il
Tende da sole, zanzariere e grondaie: quando può spettare il bonus 110

Per le tende da sole con sistema di schermatura, per le zanzariere ed anche per le grondaie, ecco quando può spettare il superbonus 110%. Ovverosia, quando l’intervento sull’edificio è in grado di contribuire all’efficientamento energetico. Ed in qualità di lavori trainati.

Quindi, gli interventi di efficientamento energetico, tra tende da sole con sistema di schermatura, zanzariere e grondaie, sono trainati rispetto agli interventi trainanti. Che spaziano dalla sostituzione degli impianti di climatizzazione ai lavori per la riduzione del rischio sismico. Passando per gli interventi di isolamento termico. Di conseguenza, perché tutti vogliono il bonus tende 2022? Perché conviene ancora di più!

Tende da sole con sistema di schermatura, zanzariere e grondaie: quando può spettare il bonus 110

Almeno per tutto il 2022, inoltre, il 110 lavori trainati per tende da sole con il sistema di schermatura, zanzariere e grondaie vale pure per i lavori realizzati nelle villette unifamiliari. Ma a patto che lo stato di avanzamento dei lavori (SAL), entro e non oltre il 30 settembre del 2022, non sia inferiore al 30%. Altrimenti si perdono le agevolazioni fiscali.

Per il 110 lavori trainati per tende da sole con sistema di schermatura, zanzariere e grondaie, infatti, è arrivata recentemente la proroga. Che ha spostato il rispetto del vincolo SAL al 30% dal 30 giugno al prossimo 30 settembre come sopra accennato.

Occhio alla capienza fiscale per chi porta i bonus casa in dichiarazione dei redditi

Inoltre, tra i lavori trainati, pure il 110 per tende da sole con sistema di schermatura, zanzariere e grondaie è accessibile non solo portando in dichiarazione dei redditi le detrazioni fiscali. Ma anche sfruttando lo sconto in fattura o la cessione del credito. Due opzioni da valutare sempre se, per i prossimi anni, si stima che, per quel che riguarda la dichiarazione dei redditi, non si avrà un’adeguata capienza fiscale.

Argomenti: , , , ,