Tende da sole e zanzariere gratis: rientrano nel bonus 110% o sono escluse?

Anche tende da sole e zanzariere possono rientrare nell'ecobonus al 110%? Facciamo chiarezza sulla possibilità e sui requisiti

di , pubblicato il
Tende da sole, zanzariere e grondaie: quando può spettare il bonus 110

L’estate si avvicina: tempo di montare tende da sole e zanzariere! Che cosa cambierebbe se passasse l’ecobonus al 110%? Sicuramente la notizia di un ecobonus al 110% sta suscitando interesse tra i proprietari di casa (o anche inquilini in alcuni casi) e tra le ditte che lavorano nel settore edile. E non si può negare che aumentare la detrazione ammessa con l’ecobonus spingerà a fare lavori ma, attenzione, questo non significa semplicisticamente che ogni intervento potrà essere gratis (nell’immediato con sconto in fattura o perché recuperato integralmente con la detrazione al 110% in 5 anni). Ecco perché, in attesa di leggere il testo ufficiale del decreto Rilancio che sarà reso noto tra qualche ora, stiamo cercando di passare in rassegna i lavori in casa più richiesti per capire se potrebbero rientrare o meno nella misura ed, eventualmente, diventare gratis a conti fatti.

Bonus tende da sole: vale l’ecobonus al 110%

Lo scopo dell’ecobonus è agevolare gli interventi che isolano termicamente lo spazio abitativo. Per rientrare in questa agevolazione fiscale, quindi, l’acquisto e il montaggio delle tende da sole deve proteggere l’abitazione dai raggi solari. Non tutti i tipi di tende da sole rientrano nell’ecobonus e questo anche considerando la detrazione al 50%.

Di seguito l’elenco dei modelli di tende da sole per interni ed esterni ammessi all’ecobonus:

  • tende da sole da interni a rullo o per serre;
  • zanzariere dotate di schermatura solare;
  • persiane, tapparelle, veneziane;
  • frangisole;
  • tende in tessuto o con lamelle orientabili.

Sono inoltre richiesti alcuni specifici requisiti per la schermatura. Con questa definizione  si intende un sistema di protezione dalla luce del sole e dal calore che garantisce una reazione variabile e controllata dell’energia e della luce in risposta alle sollecitazioni solari riducendo il surriscaldamento degli ambienti, con un conseguente risparmio energetico e dei consumi.

In particolare questa dovrà:

  • essere applicata per proteggere una superficie in vetro esposta da est a ovest passando da sud (le tende installate su pareti che sono esposte a nord non rientrano nell’agevolazione);
  • essere applicata all’esterno, all’interno o integrata nella finestra;
  • essere mobile (quindi apribile).

Per richiedere la detrazione va allegata alla domanda apposita documentazione che certifichi la schermatura solare, espressa in gTot che misurano la trasmissione di luce solare. Le tende dovranno avere un fattore Gtot uguale o inferiore allo 0,35, certificato da un ente idoneo, e la marchiatura Ce del produttore.

Leggi anche:

Se la tenda ripara da sole si risparmia sull’acquisto del condizionatore?

Con il bonus 110% diventano detraibili le zanzariere?

L’occasione ci spinge a porci un’altra domanda che molti lettori si fanno e ci fanno: le zanzariere sono detraibili con l’ecobonus? E se si, anche le zanzariere rientreranno nel bonus 110%? Dell’argomento ci siamo occupati approfonditamente in passato e abbiamo visto che la detraibilità delle zanzariere non è esclusa a priori tuttavia, soprattutto per i modelli di zanzariere per la casa, che tendono ad essere economiche e poco oscuranti, è piuttosto rara. Il parametro è quello del valore di Gtot inferiore allo 0,35 ma questa schermatura solare è rara nelle zanzariere comuni e più usate.

Lo stesso lettore fa riferimento al valore Gtot che già in passato abbiamo cercato di approfondire sotto il profilo tecnico e che rappresenta il presupposto per riconoscere la zanzariera come schermatura solare. Non abbiamo assolutamente detto che tutte le zanzariere possono rientrare nell’ecobonus. Anzi statisticamente è più vero il contrario. Prima di scegliere il modello con Gtot inferiore a 0,35 per usufruire della detrazione peraltro, bisognerebbe valutare i costi e il potere oscurante.

Il riferimento legislativo si ritrova nell’allegato M del D.L. 311: “sono schermature solari i sistemi che, applicati all’esterno di una superficie vetrata trasparente permettono una modulazione variabile e controllata dei parametri energetici e ottico luminosi in risposta alle sollecitazioni solari” che richiama anche le norme tecniche EN 13561, EN 13659 e EN 13120:

Ecco perché tendenzialmente l’ENEA, in linea generale, esclude le zanzariere dalla possibilità di detrazioni fiscali avendo queste finalità differenti dalle schermature solari in senso stretto.

Solo pochissimi modelli potrebbero rientrare nell’ecobonus e, di conseguenza, diventare detraibili al 110%. Vero è che, vista la convenienza dell’ecobonus al 110%, i clienti potrebbero essere meno attenti al risparmio sul costo di vendita sapendo poi di recuperare la spesa integralmente.

Leggi anche:

Detrazione zanzariere 2020: che cosa vi dirà un rivenditore serio

Argomenti: ,