Tasse in Italia: dietro al menù di Expo la soluzione per abbassarle?

La soluzione alle troppe tasse in Italia? Così semplice che si può disegnare dietro al menù del ristorante al Padiglione Italia, all'Expo. La bizzarra vicenda della curva di LAffer

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
La soluzione alle troppe tasse in Italia? Così semplice che si può disegnare dietro al menù del ristorante al Padiglione Italia, all'Expo. La bizzarra vicenda della curva di LAffer

Ci hanno sempre detto che il problema della tasse in Italia è una piaga difficile da risolvere: e se non fosse così? Se bastasse lo schizzo di un grafico? Sembra proprio che per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu le cose non siano così irrisolvibili come vorrebbero farci credere: in visita all’Expo, dopo aver appreso con stupore il livello delle tasse in Italia, ha abbozzato dietro al menù del ristorante un grafico che permetterebbe di abbassarle in modo semplice. L’episodio, riportato con tanto di foto del grafico per la tassazione italiana, è stato divulgato dal Corriere della Sera. Immaginate Netanyahu a cena con il commissario di EXPO Giuseppe Sala e la commissaria del padiglione Italia, l’imprenditrice Diana Bracco. Si parla di tasse: Netanyahu rimane sorpreso nell’apprendere che da noi superano il 50% degli introiti e improvvisa dietro al menù del ristorante la “Curva di Laffer”, un grafico che rappresenta le interazioni possibili tra livello delle imposte e gettito fiscale.   Le entrate fiscali sono posizionate sull’asse verticale mentre i valori dell’aliquota si posizionano sull’asse orizzontale. Il principio base è semplice anche se può sembrare un paradosso: quando le imposte sono ai due estremi, ovvero al 100% o allo 0%, il gettito che ottiene lo Stato è nullo. Nel secondo caso perché non sono previste tasse, nel primo invece perché le tasse sono così alte che nessuno è incentivato a lavorare. I valori intermedi a questi due estremi danno vita invece ad una curva, di Laffer appunto, che serve a dimostrare fino a quale percentuale pagare le tasse può essere considerato ancora conveniente. A disegnare per la prima volta questo grafico fu Arthur Laffer, da cui prende il nome la curva, nel 1974 anche se se il concetto rappresentato era ben noto anche nel Medioevo. Pare che anche Laffer spiegò la curva disegnandola su un tovagliolo: ora la storia si è ripetuta, all’Expo.

Il limite della curva di Laffer è che non tiene conto delle centinaia di variabili che incidono sulla tassazione ottimale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.