Tasse anche per le prostitute: l’attività è una prestazione di servizi retribuita

Anche la prostituzione è soggetta alla tassazione poichè costituisce un'attività di servizi retribuita.

di , pubblicato il
Anche la prostituzione è soggetta alla tassazione poichè costituisce un'attività di servizi retribuita.

La sentenza numero 788 del 2016 del Ctr Veneto, depositata lo scorso 16 giugno ha stabilito che l’attività di prostituzione rappresenta una prestazione di servizi retribuita e quindi va tassata.

A riportare la notizia è ItaliaOggi sulla vicenda di una donna che ha subito un accertamento sintetico dell’Agenzia delle Entrate. L’accertamento, nato dalla discrepanza tra il suo tenore di vita e l’assenza di redditi dichiarati al Fisco. La donna possedeva autovetture, immobili e elevate somme depositate sul conto corrente.

Tramite il redditometro l’imponibile ricostruito superava i 286 euro di reddito complessivo in 3 anni. La ricostruzione è stata impugnata dalla contribuente e la Ctp di padova accoglieva il ricorso ritenendo dovute le maggiori imposte ma annullando le sanzioni poichè i proventi contestati non sono inquadrabili in nessuna categoria prevista dall’articolo 6 del Tuir.

Argomenti: , , ,