Tassa di soggiorno: è record di entrate per gli enti locali

622 milioni di euro. Il 13,7% in più rispetto all’anno precedente. Ma non è finita qui.

di , pubblicato il
622 milioni di euro. Il 13,7% in più rispetto all’anno precedente. Ma non è finita qui.

La tassa di soggiorno si conferma una vera e propria miniera d’oro per i comuni italiani, che nel 2019 avrebbero incassato, secondo il Sole24ore, ben 622 milioni di euro.

Un incremento del 13,7 per cento rispetto all’anno precedente.

E non è finita, dal 2020 l’incremento dovrebbe essere molto più marcato.

Gli incassi hanno superato le previsioni

Per Massimo Ferruzzi, Amministratore delegato di jfc (azienda leader nella consulenza turistica e marketing territoriale), nel 2019: “i dati reali di incasso hanno superato le previsioni di inizio anno, raggiungendo quota 622 milioni, con un incremento del 13,7 per cento rispetto agli incassi dell’anno scorso, quando ci si assestò a quota 538milioni”.

Di questi 622 milioni, ben 4 milioni sono stati procurati dalla sola notte di Capodanno.

Maglia rosa, neanche a dirlo, Roma con un incasso di 920 mila euro nella sola notte di San Silvestro, seguono: Firenze (271 mila euro), Milano (252 mila euro) e Venezia (232 mila euro).

Ma non è finita qui, a partire dal 2020 saranno molti di più i comuni che adotteranno la tassa di soggiorno, motivo per il quale l’incremento, per l’anno che è appena entrato, dovrebbe essere maggiore.

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

Argomenti: ,