Tassa ascensori vecchi scongiurata ma i condomini dovrebbero sapere i rischi

Scampato l'obbligo della tassa sull'ascensore nei condomini. Ma i proprietari dovrebbero essere consapevoli dei rischi che corrono

di , pubblicato il
Scampato l'obbligo della tassa sull'ascensore nei condomini. Ma i proprietari dovrebbero essere consapevoli dei rischi che corrono

Si è parlato molto nell’ultimo periodo della presunta tassa sugli ascensori, in riferimento all’obbligo di adeguamento dei vecchi ingranaggi alle norme europee di sicurezza. Il riferimento è alla direttiva 2014/33/UE per l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri per mettere a norma ascensori e componenti di sicurezza entro il termine di scadenza fissato al 19 aprile 2016.

Il d.p.r. n. 23/2017 (regolamento ascensori) è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 marzo e troverà applicazione dal prossimo 30 marzo. A quali condomini si applica e che regole impone?

Regolamento e tassa ascensori: chi è esonerato

Partiamo con l’individuazione del campo di applicazione. Sono esclusi dall’adeguamento alle nuove regole per gli ascensori quelli installati in luoghi particolari non ad uso abitativo, ad esempio cantieri o miniere, e quelli utilizzati in contesti specifici e non ordinari, come gli ascensori utilizzati per scopi militari o gli impianti a fune.

Ma il punto più rilevante, che aveva portato in molti a parlare di “tassa sugli ascensori”, riguarda l’adeguamento degli ascensori vecchi nei condomini. Ebbene il regolamento non parla in modo esplicito di quelli installati prima del 1999 quindi non può dedursi alcun obbligo di intervento in caso di eventuali imprecisioni di fermata e livellamento tra cabina e piano. Certamente i manutentori possono consigliare questo tipo di interventi ma la scelta resta a discrezione dei proprietari. Tuttavia è bene sapere che in caso di incidenti, se l’ascensore non è stato adeguato alle nuove regole di sicurezza, saranno questi ultimi a risponderne

Argomenti: ,