Tassa Airbnb con cedolare secca, ancora niente di fatto: non si deve pagare niente?

Non è ancora attiva la tassa Airbnb al 21%. Ma non significa che non bisogna dichiarare nulla a livello fiscale.

di , pubblicato il
Non è ancora attiva la tassa Airbnb al 21%. Ma non significa che non bisogna dichiarare nulla a livello fiscale.

Non è ancora partita la tassa Airbnb al 21% ma intitolare, come alcuni giornali hanno fatto, che per gli affitti brevi online non è ancora tempo di pagare le tasse è falso e fuorviante. Per essere più precisi, infatti, quello che manca è il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate per stabilire le disposizioni di attuazione necessarie per l’applicazione della ritenuta d’acconto da parte degli intermediari. Il provvedimento dovrà essere emanato entro il prossimo 23 luglio quindi siamo ancora nei tempi. Ma al momento quello che sembra emergere è un quadro confuso in cui la disinformazione regna sovrana.

Tassa Airbnb: non cambia niente ecco perché

Airbnb quante e quali tasse si pagano

Prima di tutto è bene ribadire che chi affitta casa o una stanza con Airbnb paga già le tasse. Non dichiarare nulla equivale ad evasione fiscale. Fino ad oggi la normativa fiscale ha imposto di dichiarare i canoni percepiti nel quadro fabbricati della dichiarazione dei redditi.

La novità della manovrina è quella di non imporre di sommare queste entrate ad altri redditi imponibili nella dichiarazione ma di utilizzare una tassazione separata del 21%. Questa disposizione per chi affitta è operativa dal primo giugno 2017.

Manca, però, un altro passaggio: la manovrina, infatti, insieme a questa possibilità, ha previsto per gli intermediari che incassano i canoni o i compensi, come Airbnb appunto ma anche Booking o altri portali, di effettuare una ritenuta del 21% sulle somme da riversare a questi ultimi (in pratica di agire come sostituti di imposta).

E’ questo punto che ha fatto parlare, sebbene impropriamente, di nuova tassa Airbnb ed è anche quello che ha fatto scatenare più polemiche e difficoltà. In questo senso il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dovrebbe servire, si spera, a fare chiarezza.

Affitti Airbnb e tassa: deve pagare il proprietario o il sito?

Argomenti: ,