Tari: in quali Regioni si paga di più? Ecco chi deve fare fronte al salasso

Molti cittadini sono alle prese con il pagamento della Tari, la tassa comunale destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a carico dell'utilizzatore.

di , pubblicato il
Molti cittadini sono alle prese con il pagamento della Tari, la tassa comunale destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a carico dell'utilizzatore.

Molti cittadini sono alle prese con il pagamento della Tari, la tassa comunale destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a carico dell’utilizzatore.

In media la Tari grava sul bilancio dei cittadini costa in media 300 euro a famiglia, ma le differenze territoriali sono evidenti tra Nord e Sud.

Le Regioni del Meridione italiano risultano essere le più care: ogni anno la Tari aumenta sempre di più, ma al costo più elevato non corrisponde un servizio trasparente ed efficiente.

Tari: Cittadinanzattiva conferma le disuguaglianze tra Nord e Sud

Gestire i rifiuti è meno caro nel Settentrione Italiano: tra Trentino Alto-Adige e Campania la differenza è di oltre 200 euro. E’ quanto confermato da Cittadinanzattiva. 

Per quanto riguarda la Tari si registra un incremento in dieci regioni: Molise (+4,3%), Calabria (+3,4%), Umbria (+2,8%), Liguria (+2%), Lazio (+1,9%), Marche (+1,7%), FVG (+1,6%), Trentino-Alto Adige (+1,4%), Toscana (+0,8%), Piemonte (+0,7%).

Le tariffe Tari sono in diminuzione in sei regioni: Abruzzo (-2,8%), Veneto (-2,2%), Sardegna (-1,5%), Sicilia (-1,4%), Puglia (-0,8%) e Campania (-0,4%).

La spesa resta invariata in quattro regioni: Basilicata, Emilia-Romagna, Lombardia e Valle d’Aosta.

I rifiuti costano meno al Nord (in media 258 euro), segue il Centro (304 euro), mentre il Meridione italiano è più costoso (349 euro).

Come anticipato all’incremento della TARI non corrisponde una buona percezione che hanno i cittadini sul servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Sono molti i contribuenti che hanno chiesto il rimborso per disservizio, specie durante la stagione estiva quando lo smaltimento dei rifiuti rischia di diventare una vera e propria emergenza sanitaria.

Tari: come si calcola?

La Tari si calcolata in base a due elementi fondamentali:

  • numero di persone del nucleo familiare che vivono nell’immobile
  • metri quadrati dell’immobile compresi box/posto auto, cantine.

I fattori da considerare per effettuare un calcolo corretto della Tari sono:

  • distinzione tra quota fissa e quota variabile
  • base imponibile della tassa sui rifiuti, data dalla superficie calpestabile dell’immobile compresi muri interni, pilastri e muri perimetrali.
Argomenti: