Superbonus 110%: il visto e l’asseverazione dell’amministratore condominiale

Anche l’amministratore di condominio può rilasciare il visto di conformità e l’asseverazione per il superbonus 110%. Vediamo quando

di , pubblicato il
Anche l’amministratore di condominio può rilasciare il visto di conformità e l’asseverazione per il superbonus 110%. Vediamo quando

Per godere del superbonus 110%, oltre a dover realizzare sull’immobile uno o più degli interventi trainanti, è necessario effettuare una serie di adempimenti tra cui:

  • l’acquisizione del visto di conformità (laddove si opti per lo sconto in fattura o per la cessione del credito)
  • l’acquisizione dell’asseverazione del tecnico abilitato, se trattasi di interventi che rientrano tra quelli di efficientamento energetico o antisismici.

L’asseverazione, a differenza del visto di conformità, è necessaria sia nel caso in cui il beneficiario del superbonus 110% decida di goderne nella forma della detrazione fiscale, sia nel caso in cui opti per lo sconto in fattura o cessione del credito.

Laddove trattasi di interventi fatti sul condominio, tutti gli adempimenti del caso, inclusa l’acquisizione del visto e dell’asseverazione, vanni eseguiti dall’amministratore di condominio o dal condomino delegato in caso di condominio senza amministratore (è il caso del condominio minimo).

Chi rilascia il visto di conformità nel superbonus 110%

Il visto di conformità è rilasciato, ai sensi dell’articolo 35 del D. Lgs. n. 241 del 1997, dai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni dei redditi. Si tratta, quindi, di:

  • dottori commercialisti
  • ragionieri
  • periti commerciali
  • consulenti del lavoro
  • responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF.

Il rilascio del visto da parte dell’amministratore di condominio

Nessuna normativa vieta che, nel caso di lavori fatti sul condominio, il visto di conformità possa essere rilasciato dall’amministratore o dal condomino delegato in caso di condominio in cui non c’è la figura dell’amministratore.

La condizione essenziale da rispettare, ad ogni modo, è che l’amministratore o il condomino delegato sia abilitato al rilascio. E’ il caso in cui, ad esempio, l’amministratore sia anche un dottore commercialista, un consulente del lavoro, ecc.

Alla stessa conclusione possiamo giungere con riferimento alle asseverazioni, le quali, quindi, possono essere rilasciate anche dall’amministratore di condominio laddove quest’ultimo sia un tecnico abilitato a farlo (ingegnere, architetto, ecc.).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,