Superbonus 110% tagliato in anticipo, ecco come potrebbe cambiare il decalage

Il Superbonus 110% tagliato in anticipo e allineato a quello a sostegno del turismo. Potrebbe essere questo, per la maxi-agevolazione di Stato, il futuro nel breve termine. Vediamo perché in base alle ultimissime indiscrezioni.

di , pubblicato il
110, si riparte con la cessione del credito: ecco la nuova offerta Intesa San Paolo

Il Superbonus 110% tagliato in anticipo e allineato a quello messo a punto a sostegno del turismo. Potrebbe essere questo, per la maxi-agevolazione di Stato, il futuro nel breve termine. E questo almeno per due ragioni. La prima ragione è legata alle truffe sui crediti fiscali. In modo da rendere l’agevolazione meno appetibile.

Mentre la seconda ragione, sul Superbonus 110% tagliato in anticipo, è legata al reperimento di risorse contro il caro bollette di luce e gas. Sebbene si tratti per ora di una mera ipotesi, a quanto pare la proposta di taglio del 110 sarebbe stata sottoposta ai tecnici del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). In accordo con quanto riportato e rivelato da ‘IlSole24Ore’.

Superbonus 110% forse tagliato in anticipo, ecco come potrebbe cambiare il decalage

In realtà sul Superbonus 110% tagliato c’è già un decalage che è stato fissato ai sensi di legge. Ma riguarda il biennio 2024-2025. Precisamente, la discesa dal 110% al 70% nel 2024. E poi un’ulteriore discesa dal 70% al 65% nel 2025.

Ora però, con le truffe miliardarie, sui crediti fiscali inesistenti, svelate dall’Agenzia delle Entrate, il Superbonus 110% tagliato in anticipo non è da escludere. Anche perché il presidente del Consiglio Mario Draghi più volte ha posto l’accento sulle criticità e sui rischi di frode legati proprio ai bonus edilizi.

Ecco come potrebbe cambiare il decalage sull’agevolazione edilizia più importante in Italia

In realtà il Superbonus 110% tagliato in anticipo contro le truffe non sarebbe proprio l’ideale. In quanto le frodi più frequenti sui bonus edilizi riguardano l’ecobonus ed il bonus facciate. Così come è riportato in questo articolo.

Inoltre, dopo lo stop alle cessioni multiple dei crediti, con il Superbonus 110% tagliato in anticipo all’80% si rischierebbe di dare il colpo di grazia al settore edile e delle costruzioni.

Che è già alle prese sia con il caro materiali. Sia con le regole sui bonus edilizi che ormai variano troppo spesso per garantire stabilità e certezze a tutti gli attori della filiera. Una situazione critica che più volte messa in risalto dall’ANCE. Che è l’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili.

Argomenti: , , ,