Super Bonus Cashback, la classifica al 30 giugno potrebbe non essere quella definitiva. Ecco per quale motivo

La classifica del super bonus cashback riporta il numero minimo di transazioni necessarie per rientrare tra i primi 100 mila partecipanti.

di , pubblicato il
Bonus cashback sospeso perché, torna nel 2022? Conviene ancora usare il bancomat?

Alla fine del primo periodo di sei mesi, rientrano tra i primi 100 mila partecipanti del Super Bonus Cashback i soggetti che, a tale data, abbiano effettuato almeno 781 transazioni (in media quasi 4,31 acquisti al giorno). La classifica è visibile all’interno dell’app IO della pubblica amministrazione, la stessa utilizzata per partecipare al programma cashback. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Super Bonus Cashback

A partire dal 1° gennaio 2021, i primi 100 mila partecipanti al programma cashback che, nel singolo semestre di riferimento, totalizzino il maggior numero di transazioni con carte e app di pagamento, otterranno il cosiddetto “super bonus cashback”: un premio da ben 1.500 euro a semestre (fino a 3.000 euro l’anno), che sarà accreditato direttamente sul conto corrente dell’utente vincitore.

La classifica provvisoria sull’andamento del super bonus viene mostrata sulla stessa app IO della pubblica amministrazione.

La stessa, sostanzialmente, riporta il numero minimo di transazioni necessarie per rientrare tra i primi 100 mila partecipanti.

La classifica aggiornata al 30 giugno potrebbe non essere quella definitiva

Secondo i dati aggiornati al 30 giugno 2021, rientrano tra i primi 100 mila partecipanti i soggetti che, a tale data, abbiano effettuato almeno 781 acquisti validi ai fini del programma; una media di circa 4,31 acquisti al giorno.

Super Bonus Cashback, classifica al 30 giugno

Super Bonus Cashback, classifica al 30 giugno

Anche se si tratta di una classifica di fine periodo, essa potrebbe non essere quella definitiva.

Secondo fonti ufficiali, infatti, questa dovrebbe essere resa nota soltanto a partire dal 10 giugno e dovrebbe tener conto anche del taglio delle operazioni effettuate dai cosiddetti furbetti del bonus cashback con metodi fraudolenti, ossia attraverso l’utilizzo di micro transazioni, non valide ai fini del super bonus cashback.

 

Articoli correlati

Argomenti: ,