Studi di settore: novità e modelli Unico 2015

Studi di settore 2015: invio telematico dei modelli per la dichiarazione dell’Unico

di , pubblicato il
Studi di settore 2015: invio telematico dei modelli per la dichiarazione dell’Unico

Sostituiti i modelli per l’applicazione degli studi di settore che rappresentano elemento integrante della dichiarazione UNICO 2015. Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 83314/2015 sono state approvate le modifiche apportate alla modulistica degli Studi di Settore da utilizzare per il periodo d’imposta 2014 e i relativi controlli di coerenza tra dichiarazioni Unico e studi di settore. Con questo ultimo provvedimento in ordine temporale sono stati modificati i precedenti modelli del 22 maggio allo scopo di correggere alcuni errori ed anomalie. Nello specifico le modifhce riguardano i modelli per gli studi di settore WM21C, WM27A, WD19U, VG53U, VG82U, VG95U, WK05U e le istruzioni relative agli Studi UG99U, WG61C, WG61G, WG61H e WG61F. E’ possibile inviare i dati in via telematica personalmente mediante i servizi Entratel o Fisconline, oppure rivolgendosi agli incaricati abilitati.  

Studi di settore 2015: la comunicazione diventa più facile

L’Agenzia delle Entrate nel tentativo di agevolare le forme di comunicazione e semplificare gli adempimenti, ha reso disponibili alcune informazioni relative agli studi di settore 2015:

  • inviti al contribuente per la presentazione dei modelli studi di settore per i quali ricade l’obbligo;
  • modelli di studi di settore trasmessi;
  • lista delle anomalie emerse in fase di trasmissione in seguito ai controlli telematici;
  • comunicazioni di anomalie riscontrate nei dati dichiarati ai fini degli studi di settore;
  • risposte inviate dal contribuente;
  • statistiche sugli studi di settore;

Inoltre l’Agenzia delle Entrate si impegna a fornire informazioni aggiuntive utili per la valutazione di compensi e volume di affari in merito agli studi di settore

  • prospetto pluriennale dell’andamento dei dati della dichiarazione relativi agli studi di settore applicati;
  • documento di sintesi dell’esito dell’applicazione degli studi di settore basato sull’ultima versione del software GERICO pubblicato sul sito dell’Agenzia, comprendente anche il posizionamento degli indicatori di coerenza e di normalità e dell’indicazione sull’accesso al regime premiale previsto dall’articolo 10 del decreto legge 6 dicembre 2011, n.
    201.</li

Argomenti: