Straordinari obbligatori? Ti spetta l’indennità di disagio nel Tfr

Indennità per straordinari obbligatori nel Tfr: la Cassazione dà ragione al lavoratore.

di , pubblicato il
Indennità per straordinari obbligatori nel Tfr: la Cassazione dà ragione al lavoratore.

Non di rado gli straordinari non sono una scelta del lavoratore ma vengono imposti come obbligatori dal datore. In questi casi la Cassazione ha chiarito che per la maggiore gravosità della prestazione in questi orari che eccedono quello del contratto, il lavoratore ha diritto all’indennità di disagio sul Tfr (sentenza n.

22291/2017).
A chiedere che questa indennità venisse inclusa nel Tfr era stato l’ex dipendente di una società di trasporti di Milano. In primo grado i giudici gli avevano dato ragione e la Cassazione aveva confermato la sentenza rigettando il ricorso.

I giudici della Suprema Corte hanno riportato la disciplina del Tfr ricordando che essa prevede “l’accantonamento di tutte le somme, compreso l’equivalente delle prestazioni in natura, corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, a titolo non occasionale e con esclusione di quanto è corrisposto a titolo di rimborso spese, non prevedendo che sul Tfr incidano soltanto i compensi continuativi corrispettivi a prestazioni effettivamente fornite”.

In conclusione è stato stabilito che la voce relativa all’indennità di disagio dovesse incidere sugli accantonamenti per il Tfr “poiché tale voce retributiva viene erogata a titolo di corrispettivo per la maggiore gravosità della prestazione di lavoro straordinario, riconosciuta al prestatore d’opera in dipendenza del rapporto di lavoro e non rientrando in alcune delle ipotesi di esclusione degli accantonamenti previste dall’articolo 2120 c.c. o dalla contrattazione collettiva”.

Leggi anche:

Troppi straordinari obbligatori: la fatica uccide una giornalista

Straordinari e indennità nel Tfr: normativa

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.