Stipendio, non solo soldi: scopri i benefit fuori busta delle aziende

Non solo stipendio: bonus, visite mediche gratis e perfino voucher per baby sitter e badanti tra i benefit che si possono chiedere all’azienda fuori busta.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Non solo stipendio: bonus, visite mediche gratis e perfino voucher per baby sitter e badanti tra i benefit che si possono chiedere all’azienda fuori busta.

Mai come quest’anno a fare la differenza tra i posti di lavoro non è solo lo stipendio ma anche i benefit fuori busta paga. Le aziende si sostituiscono al welfare statale riconoscendo ai dipendenti, oltre allo stipendio, anche benefici extra che includono buoni per acquisto di libri o tecnologia, visite specialistiche gratis e perfino voucher per pagare la badante, la baby sitter o la donna delle pulizie. Prima includere benefit aziendali era una politica ad appannaggio di poche aziende, oggi il numero di quelle che attirano i candidati con questi servizi, aggiuntivi rispetto allo stipendio, è decisamente cresciuto. Ha spiegato a tal proposito Maurizio Ferrera, del Comitato direttivo di Percorsi di secondo welfare e docente alla Statale di Milano: “purtroppo in Italia, si danno agevolazioni, rinunciando a denaro pubblico a favore delle aziende, ma non si rilevano i dati sufficienti a monitorare e quindi a valutare fino in fondo la bontà dei provvedimenti”. Ma che cosa includono i benefit aziendali? Il cd welfare aziendale si compone di voci diverse che vanno dalla palestra fino anche alle visite specialistiche. Tra i servizi più allettanti per i dipendenti ci sono anche quelli che coprono alcune esigenze domestiche e spese di casa, come voucher per badanti, domestiche e baby sitter. Il che è peraltro perfettamente coerente con la politica di conciliazione lavoro-vita privata intrapresa dal governo. A conferma che la strategia aziendale dei benefit stia prendendo sempre più piede basti pensare che esistono online siti internet che propongono pacchetti di benefit a determinati prezzi pre stabiliti: il dipendente non deve fare altro che loggarsi e spendere il suo budget a disposizione “acquistando” tra i beni e i servizi messi a disposizione dalla sua azienda. E tra i servizi più richiesti ci sono proprio le visite mediche specialistiche.

Benefit aziendali e trattamento fiscale

Ma il Fisco come considera questi benefit?
Con la Circolare n. 28/E/2016 l’Agenzia delle Entrate, ha messo a disposizione dei datori e dei lavoratori un utile vademecum contenente le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016. Nello specifico viene approfondita la materia di detassazione dei premi produttività con prelievo fiscale al 10% e di Welfare aziendale con l’estensione del beneficio alla partecipazione agli utili d’impresa con la possibilità di ricevere i premi sotto forma di beni e servizi detassati (benefit).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Welfare e previdenza, Busta paga

I commenti sono chiusi.